Burocrazia

Ipotesi legge
Bollo, Ipt e flotte: tre idee pro filiera

Ipotesi legge
Bollo, Ipt e flotte: tre idee pro filiera
Chiudi

Tre proposte non semplici da portare a casa su bollo, Ipt e deducibilità fiscale per le flotte aziendali, ma "immediatamente realizzabili" e con un obiettivo chiarissimo: dare sostegno alla filiera automotive. Sono il cuore del "Pacchetto auto" proposto oggi dal presidente della commissione Finanze della Camera, Daniele Capezzone, nel corso di “Missione Mobilità”, evento organizzato a Milano dall'Amoer (Associazione per una mobilità equa e responsabile).

L'iniziativa. Come premessa al "Pacchetto", il parlamentare fa parlare i numeri: nel 2012, il prelievo fiscale sulla filiera auto è arrivato a 72,7 miliardi di euro, il 3,8 per cento in più rispetto al 2011 e con un'incidenza sul Pil del 4,4 per cento, un punto in più sopra la media europea. Nel frattempo la crisi ha affossato le vendite, riducendole ai livelli di quarant'anni fa. Un quadro desolante che le tre idee intendono "aggredire".

Il bollo. Oltre a una "moratoria sugli aumenti delle accise", con lo stop per il prossimo quinquennio, Capezzone propone l'esenzione dal bollo per tre anni, riservata a chi acquista un'auto nuova. La misura, secondo il parlamentare, "non comporterebbe problemi di copertura, venendo ampiamente compensata dall’incremento del gettito IVA legato all'aumento delle nuove immatricolazioni". Trascorsi i primi tre anni, il parlamentare ipotizza un "bollo progressivo" basato sulle emissioni oppure sui chilometri percorsi.

L'Ipt. Per l'Imposta provinciale di trascrizione, il Pacchetto prevede due scenari. Il primo, "più difficile ma fattibile", è di fatto un'abolizione secca che toglierebbe 1,5 miliardi di euro dalle casse dello Stato: secondo Capezzone, il colpo d'accetta sarebbe una goccia nel mare della spesa pubblica, ma potrebbe aver vita dura rispetto alla seconda ipotesi, quella di un'abolizione graduale a partire dalle nuove immatricolazioni.

Le flotte. Infine, il Pacchetto prevede un intervento sulle deducibilità per il settore delle auto aziendali, con l'obiettivo di "riallineare" l'Italia "alla fiscalità europea, dove esistono ipotesi di detraibilità al 100 per cento". Secondo Capezzone, un intervento migliorativo sulla fiscalità delle flotte porterebbe "ad un aumento delle immatricolazioni di circa centomila unità" e rappresenterebbe al tempo stesso un "ottimo strumento di contrasto all'evasione" e una "manovra green", con l'iniezione nelle strade di auto "sempre più ecologiche".

Obiettivo legge. Per ora, il Pacchetto si ferma alle idee. Ma il parlamentare, all'opposizione, intende portarle all'attenzione della maggioranza per trasformarle in una "proposta bipartisan": la prima tappa, dopo il confronto con i rappresentanti dei settori automotive, sarà quella della commissione Finanze presieduta dallo stesso Capezzone. Poi, sarà la volta delle altre con competenza in materia: l'obiettivo è l'approvazione di una legge con "procedimento veloce", oppure un decreto all’interno della Delega Fiscale. 

Davide Comunello

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Ipotesi legge - Bollo, Ipt e flotte: tre idee pro filiera

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it