Nuovo Codice della strada La Camera approva. Ecco tutte le novità

×
 

Il nuovo Codice della strada è sempre più vicino (anche se non vicinissimo). La camera dei Deputati nella giornata di ieri 9 ottobre ha approvato il testo della legge delega, che ora deve ottenere l’assenso dell’altra aula del Parlamento, ossia del Senato. In questa fase, se ci saranno ulteriori modifiche si ripeterà l'iter parlamentare. Poi, dopo l’ok definitivo, il Governo avrà un anno di tempo circa per mettere nero su bianco il nuovo documento, che dovrà essere redatto sulla base dei principi generali dettati dall’organo legislativo e, quindi, tornare alla votazione delle camere. Presumibilmente, il nuovo codice arriverà agli inizi del 2016. Molte, comunque, le novità introdotte, anche di rilievo. Alcune delle più importanti le avevamo già anticipate sul numero di luglio di Quattroruote e sono state quasi tutte confermate.

Reato di omicidio stradale. Partiamo dalle ultime novità. Il testo approvato dalla Camera parla di omicidio stradale. Tuttavia, trattandosi di una nuova fattispecie da introdurre nel codice penale, il testo si limita a prevedere, “nel caso in cui il conducente cagioni la morte di una persona con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale”, la “revoca della patente” e l’”inibizione della guida sul territorio nazionale a tempo indeterminato”. Tutto ciò, in attesa che la nuova fattispecie venga introdotta nel codice penale, anche nei casi già previsti di omicidio colposo derivanti dalla violazione di norme del codice della strada da parte di persone in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, reati per i quali, peraltro, è prevista la pena della reclusione da due a sette anni, con la possibilità di arrivare fino a 15 anni in caso di omicidio plurimo.

Car pooling, UberPop e dintorni. Il car pooling sarà regolamentato come “servizio di trasporto, non remunerato, basato sull’uso condiviso di veicoli privati tra due o più persone che debbano percorrere uno stesso itinerario, o parte di esso, messe in contatto tramite servizi dedicati forniti da intermediari pubblici o privati, anche attraverso l'utilizzo di strumenti informatici”. Una evidente risposta alla discussa questione UberPop, che viene chiarita (e messa definitivamente fuori gioco) dalla evidente dicitura di servizio “non remunerato”.

Assicurazione e revisione. Il nuovo Codice della strada favorirà l'utilizzo di sistemi telematici che consentano di controllare lo stato della revisione, l’esistenza e la validità dell'assicurazione Rc, nonché se il veicolo è oggetto di denuncia di furto oppure è sottoposto a misure quali il sequestro o la confisca penale. Inoltre, saranno inasprite le sanzioni per chi circola senza Rc auto o con l’assicurazione scaduta.

Aree di sosta e taxi. Sarà revisionata l’attuale normativa relativa alla sosta tariffaria con l’introduzione di multe proporzionali ai tempi di permanenza illegittimi e con una soglia di tolleranza non soggetta a sanzione. Ciascun comune, poi, potrà riservare appositi spazi per il parcheggio delle donne in gravidanza e di chi trasporta bambini di età non superiore a due anni. Qualche novità riguarda anche le biciclette: potranno essere parcheggiate in aree riservate ai pedoni (marciapiedi), purché non rechino intralcio o pericolo. Inoltre, sarà introdotta la possibilità di svolgere servizio di taxi con velocipedi.

Neopatentati, multe e ricorsi. Per quanto riguarda i neopatentati è stata recepita una delle richieste di Quattroruote: l’abolizione della norma in vigore dal 9 febbraio 2011 che prevede il divieto di guidare, nel primo anno di patente, auto con più di 70 kW e oltre 55 kW/tonnellata. Questa limitazione nel nuovo Codice della strada sparirà. O meglio, il limite sarà ridotto a sei mesi e, anche durante questo periodo, si potrà “aggirare” se al fianco del neopatentato ci sarà una persona di età non superiore a 65 anni in possesso di patente B o superiore. L’importo delle multe e le sanzioni accessorie (per esempio la sospensione della patente) saranno rivisti in funzione di principi di “ragionevolezza”, con “meccanismi premianti” e di “graduazione in funzione della reiterazione”. Cercando di interpretare il burocratese, potrebbe essere introdotto un sistema analogo al bonus/malus delle assicurazioni grazie alla nascita di una banca dati delle violazioni. I ricorsi, infine, andranno consegnati al comando di Polizia che ha accertato la violazione e il termine per la presentazione sarà per tutti (anche Prefetto e Giudice di pace) di 30 giorni.

Roberto Barone

leonardo chellini

basta....ma che le fanno a fare le leggi nuove se non sono in grado di far rispettare quelle vecchie???? non si migliora aumentando i reati ed inventandosene di nuovi (omicidio stradale??? ma che vuol dire??? omicidio è omicidio punto e basta). se ammazzi uno a coltellate da ubriaco ti assolovono se lo investi( per sbaglio ) sempre da ubriaco vai in galera...ma questa è o non è follia???

COMMENTI

  • basta....ma che le fanno a fare le leggi nuove se non sono in grado di far rispettare quelle vecchie???? non si migliora aumentando i reati ed inventandosene di nuovi (omicidio stradale??? ma che vuol dire??? omicidio è omicidio punto e basta). se ammazzi uno a coltellate da ubriaco ti assolovono se lo investi( per sbaglio ) sempre da ubriaco vai in galera...ma questa è o non è follia???
  • Trovo che aver tolto il limite ai neopatentati sia una colossale idiozia. Già circolano persone che non dovrebbero proprio averla la patente (almeno il 65/70% dei patentati, a mio avviso), inoltre si mettono auto in mano a ragazzi che per natura sono portati a non conoscere ancora i propri limiti e che spesso sono spinti dal desiderio di essere notati e si fanno prendere la mano. Faccio notare che la meno esuberante delle utilitarie ha prestazioni che sono almeno il doppio di automobili di media classe degli anni fra il sessanta e l'ottanta. Mi meraviglio che proprio la Vostra rivista sia stata fautrice di una proposta del genere, decisamente irrazionale ed illogica, sempre a mio modesto parere.
  • L'importante è che non ti accusino di omicidio colposo se investi uno stupido che viaggia contromano o in bici senza luci. Qui a Miami un conoscente ha tirato sotto un cretino delle pizze-express che credeva di essere ancora in Pakistan andando in giro col motorino a luci spente. Oltretutto a zig-zag tra le auto che qui è REATO. Bene, oltre a beccarsi una multa dalla polizia della contea e pagare i danni si è pure scusato al telefono col mio amico dopo un paio di giorni, chiamandolo direttamente dal letto d'ospedale.
  • "La Camera approva...." e poi ....ci vogliono 1,5 anni per entrare in vigore! Questa è la burocrazia italiana. Dalle mie parti la Provincia (che tra l'altro è una di quelle che NON si sa se sono state eliminate) ti mette il limite di 30km/h sui viadotti di una strada a scorrimento veloce (limite di 90km/h) perchè non ha soldi per rimettere in sicurezza i giunti dei ponti. Sta di fatto che ad un'automobilista si è visto rovinare la propria auto (e possibile incidente evitato) proprio da uno di questi giunti saltato fuori e chiaramente l'Ente non gli ha dato un centesimo. Ora vorrei far capire come sia pericoloso su una strada a scorrimento veloce andare di colpo a 30km/h. Prima di un viadotto in questione è morto anche un ragazzo per colpa di un palo di acciaio con un cartello al centro della strada (2 corsie una per snso di marcia) di lavori in corso senza ALCUNA protezione. Tratti di asfalto (screpolato e "venato") non rifatto da decenni (ma anche qui "vigono" i 30Km/h), curve appena progettate che "ti cacciano fuori" perchè sono l'inverso delle curve paraboliche, rotonde piccole e pericolose..... Di questi "pericoli statali" non c'è niente?
  • Piernicola hai centrato l'argomento! costerebbe troppo, ma ci sarebbero anche meno patentati, meno auto, meno carburanti, meno tasse pagate, meno quattroruote venduti, insomma ci perderebbero tutti, tranne quelli che la vita la perderanno o l'anno già persa davvero. Ma quanto costa una vita umana, comunque poco rispetto alle cure per decenni necessarie ad un disabile da incidente stradale, ma molto per la società (oltre agli aspetti puramente relazionali). Facciamo un semplice calcolo economico e vediamo i risultati. Il vero problema è chi paga. E se i costruttori dovessero pagare comunque le vittime? o forse se lo stato dovesse farlo? E quando far pagare un vita? Ma quale vita, quella di un ricco tedesco/americano o quella di un disperato del pianeta? Accendere il cervello prima di dire che sarebbe troppo caro! Anche se non è politico e pertanto non lo faranno mai.
  • Scusa l'intromissione Michele L., ma pongo alcune brevi delucidazioni in materia. L'omicidio nelle sue varie forme, nell'ordinamento penale italiano (Codice Penale), è quell'atto che comporta nelle svariate fattispecie, la morte di un soggetto, causata volontariamente, involontariamente oppure anche pre-intenzionalmente da un'un'altro soggetto e con svariate forme. L'omicidio stradale, che ancora non esiste nel nostro ordinamento giuridico penale, e che dovrà essere estremamente particolareggiato nei dettagli per l'applicazione, sia in ambito penale e confacentemente alla regolamentazione vecchia, nuova o modificata dell'attuale CdS. In ambito penale, se attribuito ad un caso automobilistico di fattispecie, dovrà ne più e ne meno, che seguire la procedura vigente per il reato in materia, e cioè, con indagini del caso verificatosi, con attribuzioni di responsabilità del fatto avvenuto. Il tutto, sarà attuato, ma meglio dire, perseguito dall'Autorità Giudiziaria, con un processo penale (e non civile) per definire ogni responsabilità e sanzione, tra cui la pena del carcere. Tale atto, se varato ed applicato, dovrebbe far ragionare, e dunque prevenire un poco molto di più, quei soggetti illeciti ed assai sciocchi, che dell'auto ne fanno un'arma di proprio uso e consumo. In sintesi, la sanzione sarà (o dovrebbe essere) esemplare e dura, compresa come già citato quella del carcere: Cosa che attualmente non viene applicata mai per nessuno. Infine, "uno", che si butta sotto un'auto sulle strisce pedonali, non è proprio detto che abbia proprio ragione (oltre la demenza di farlo). Ma ciò è già contemplato attualmente in termini di legge.
  • Mi sbaglierò, ma non mi pare di aver letto chiaramente nell'articolo che il reato di "omicidio stradale" è connesso a violazioni commesse con dolo grave (es. specificatamente per stato di ebbrezza/stupefacenti, o per gravi violazioni del limite di velocità). Quello che ho sempre temuto, è che una volta introdotto l'omicidio stradale, questo venisse applicato quando, per strada, in generale, "ci scappa il morto", e da quanto ho letto non sarebbe esclusa la cosa. Ora, io guido a livello professionale, e le mie 7 ore giornaliere di traffico cittadino mi dicono che un incidente mortale può capitare molto facilmente per netta imprudenza e disattenzione della "vittima", ma che, molto facilmente, le colpe ricadono anche nei confronti di chi, nella più umana ragionevolezza, non poteva farci niente (pensa al caso di quello che si butta sulle strisce senza guardare, e finisce sotto un mezzo pesante che transita, pur senza correre, ai 20/30 km/h. Carcere per 7 anni? Poveri noi...
  • I limiti di potenza per i neopatentati vanno e vengono. Ricodo che quando, molti decenni fa, avevo 18 anni non potevo guidare la Uno Turbo, che tanto mi piaceva perchè superava i 180 km/h, c'era anche quel limite. Da allora quanti morti ci sono stati su auto molto più lente? Passano i decenni e si continua a collegare velocità&acceleraz=morte. vogliamo finalmente capire che la sicurezza si fa con il cervello e con l'addestramento!! Quindi poche regole chiare e fatte rispettare (es: le precedenze), addestramento anche con simulatori e FEROCI esami di guida in pista. Come per i piloti di aereo. E ripetizione periodica dei test teoria/pratica al rinnovo della patente. Non è politico vero? Tranquilli non lo faranno mai. Ma di regole stupide ne vedremo ancora.
     Leggi risposte
  • Basta con l'inasprimento delle sanzioni. Quello che serve è stanziare più soldi per più controlli, a tappeto. L'omicida stradale va fermato PRIMA che ammazzi qualcuno, non dopo. E per fare questo bisogna SPENDERE, in personale, turni, preparazione, benzina per le pattuglie... E qua di tutto si parla tranne che di stanziare fondi. Idem per le infrastrutture.
  • Quindi anche se si va veloci (veloce per i limiti italiani di 30 anche con 4 corsie) e si investe uno che magari non è sulle strisce veniamo puniti come omicidio stradale?
  • Quindi anche se si va veloci (veloce per i limiti italiani di 30 anche con 4 corsie) e si investe uno che magari non è sulle strisce veniamo puniti come omicidio stradale?
     Leggi risposte
  • Recentemente, nella formulazione preliminare del testo di legge, si parlava (i soliti big politici del momento, parlavano per l'esattezza) dell'applicazione concreta per il cosidetto -omicidio stradale-, il ritiro della patente a vita per chi formulava uso di stupefacenti ed alcolici alla guida dell'auto, norme più semplificate ed altre più severe per svariate incomprensibilità presenti sull'attuale CdS, ecc. ecc.. Qui viene avanti invece: il car polling, l'uber pop, e belinate varie, che pur e comunque, forse (forse ripeto) vedranno la luce nell'anno di grazia 2016. Che dire, inutile sperare in qualcosa di positivo, concreto ed immediato in questo nostro Paese, con questi -maghi Merlino in saldo- della politica Italiana. Quante angherie si dovranno ancora vedere nel settore circolazione auto, quanti morti provocati da delinquenti vigliacchi, infami ed impuniti dalla Legge si dovranno ancora contare, quante annunciazioni senza alcuna positività si dovranno ancora sentire. Molto pacatamente, molto dignitosamente, ma molto incazzevolmente, mi sto proprio -schifando- di questo modo di agire; ed ovviamente non solo per il CdS, ma per tante e tante innumerevoli cose, che in questo Paese, non si compiono ed attuano mai, ma rimangono sempre fantasia pura nelle nostra teste.
  • Ma però non hano inserito l'obbligo per le forze dell'ordine di allaccirsi le cinture di socurezza sia che siano in menrgenza sia che non lo siano. Vedo tutti le forze dell'ordine (dai vigili ai carabinieri e polizia stradale) senza cinture, poi in caso di incidenti mortali diciamo poverini, ma non si va ad accertarsi se hanno allacciato le cinture di sicurezza. Quattroruote doveva suggerire anche questa modifica per l'incolumità delle forze dell'ordine, visto che i politici non ci arrivano.
     Leggi risposte
  • Quindi fino al 2016 ancora niente controlli automatici sulle Rca scadute? Tristezza. Ancora un anno abbondante di questa gravissima contravvenzione che lede la libertà e la sicurezza di tutti.
  • Complimenti Quattroruote, una norma intelligente (quella sul limite di potenza per i neopatenti) che vi vantate di aver fatto togliere. Complimenti, pensateci quando vedrete altri ragazzini spiattellati all'interno di bar con una bmw da 200 cv guidata da un ragazzino idiota
     Leggi risposte
  • Ancora una volta si parla solo di limitazioni, di contravvenzioni, nessuno parla di strade non adeguate, di limiti di velocità che non si possono tenere, di imboscate fatte dalla polizia urbana. Ancora una volta siamo dobbiamo contribuire a pagare gli stipendi dei politici, mentre sulle strade si continua a vedere cose inaudite e la gente che muore inutilmente a causa di disgraziati che se ne fregano delle regole e così anche chi cerca nei limiti di assurdi regolamenti di osservare il codice deve pagare. Perchè nessuno ha pensato di obbligare a mettere la scatola nera per controllare chi effettivamente trasgredisce e quindi farli pagare non con danaero ma con la sospensione e nei casi più gravi al ritiro della patente. Si otterebbe una maggiore attenzione alle regole e meno gente che gira per le strade.
     Leggi risposte
  • ma il reato di omicidio stradale e' sparito?
  • Non penso che questa legge estrometta uber e tutti gli altri operatori privati operanti nel campo dei servizi condivisi...anzi... il termine "non remunerato" si riferisce a colui che svolge nella pratica il servizio (il guidatore) e non esclude l'ammissibilità di un riconoscimento di un rimborso/contributo spese da parte di colui/coloro che usufruiscono del servizio (i passeggeri). Inoltre questa proposta non esclude a priori il fatto che gli operatori del servizio non debbano prevedere una remunerazione, dovuta all'intermediazione, da tutti coloro che usufruiscono del servizio, e il fatto che si prevedano intermediari privati rafforza questo concetto...
  • Bene, pero diamine per fare una nuova legge è un percorso ad ostacoli, bisogna mettere mano anche alle procedure parlamentari... Su Uber bene, con la parolina magina "non remunerato" li hanno giustamente estromessi. "sistemi telematici che consentano di controllare lo stato della revisione": anche qui bene, magari aggiungerci che i vigili quando ti fermano controllano lo stato delle luci e dell'auto, come negli USA.
  • ... "sarà introdotta la possibilità di svolgere servizio di taxi con velocipedi": cosa significa, che arriveranno i risciò anche sulle nostre strade? Si tratta, certamente, di un mezzo di trasporto "ad impatto ambientale zero", ma mi sorgono alcuni dubbi circa la pericolosità di questi mezzi, nel momento in cui sono immersi nel caotico traffico nostrano, sulle disastrate strade italiche. È pur vero che questo mezzo di trasporto è diffusissimo in Paesi che vanno dall'Africa all'Estremo Oriente (con condizioni di strade e traffico assolutamente impossibili da descrivere), ma è altresì vero che questi Paesi non brillano per la bassa mortalità stradale...
     Leggi risposte
  • FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19388/poster_1e908834-49cc-4c75-903f-3ab1b5e74a28.jpg La Renault Symbioz Concept ci prioetta al 2030 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-renault-symbioz-concept-ci-prioetta-al-2030 News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19389/poster_197bca3e-cfa7-43e1-b30b-0d144719e116.jpg Il design della nuova Bentley Continental GT (in inglese) http://tv.quattroruote.it/news/video/il-design-della-nuova-bentley-continental-gt-in-inglese- News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19394/poster_1f0d2ae2-6884-49eb-b126-74094abb6edc.jpg Mercedes-Benz al Salone di Francoforte 2017 (in inglese) http://tv.quattroruote.it/news/video/mercedes-benz-al-salone-di-francoforte-2017-in-inglese-1 News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19396/poster_d11e1091-badc-4887-b615-bd7ad416e48c.jpg Mercedes EQ-A Concept in 60 (in inglese) http://tv.quattroruote.it/news/video/mercedes-eq-a-concept-in-60-in-inglese- News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19400/poster_5bc718e4-8b86-4400-9590-58a22de2bedb.jpg Audi Elaine Concept: l'auto è sempre più intelligente http://tv.quattroruote.it/news/video/audi-elaine-concept-l-auto-sempre-pi-intelligente News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19405/poster_fd8b1cfb-e0ea-49d1-bcd4-59efc1729934.jpg Bugatti Chiron da record: 0-400 km/h in soli 42 secondi http://tv.quattroruote.it/news/video/bugatti-chiron-da-record-0-400-km-h-in-soli-42-secondi News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19456/poster_001.jpg Il record della Stelvio Quadrifoglio al Ring http://tv.quattroruote.it/news/video/il-record-della-stelvio-quadrifoglio-al-ring News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19459/poster_011.jpg Citroën C3 Aircross: al volante della Suv compatta http://tv.quattroruote.it/news/video/citro-n-c3-aircross-al-volante-della-suv-compatta News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News

    UTILITÀ

    SERVIZI PER LA TUA AUTO

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui >
    Targa
    Cerca

    SCOPRI
    QUANTO PUOI RISPARMIARE

    Uilizza subito il servizio calcola assicurazione per trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze
    In collaborazione con https://www.facile.it
    1. Inserisci i tuoi dati anagrafici
    2. Inserisci i dati del veicolo
    3. Inserisci i dati assicurativi
    4. Confronta i risultati

    Calcola il tuo tagliando

    ×
    Lorem ipsum dolor

    Cerca gli pneumatici più adatti a te

    Oltre 23.000 pneumatici a prezzi incredibili.
    In collaborazione con
    Dimensioni
    Larghezza
    • Larghezza
    Altezza
    • Altezza
    Diametro
    • Diametro
    Tipologia
    Cerca

    Cerca annunci usato

    Marca
    Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CITROEN
    • DACIA
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • HONDA
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MAHINDRA
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MAZZANTI
    • MCLAREN
    • MERCEDES
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PAGANI
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROLLS ROYCE
    • ROMEO FERRARIS
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TAZZARI EV
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Modello
    Seleziona
    • Seleziona
    Prezzo

    da a

    CAP

    PROVE SU STRADA QUATTRORUOTE

    Costo di una singola "prova su strada": 3,59 euro (IVA inclusa). Pagamento da effettuare con carta di credito.
    Seleziona
    • Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ALPINA-BMW
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CHRYSLER
    • CITROEN
    • CITROËN
    • CORVETTE
    • DACIA
    • DAEWOO
    • DAIHATSU
    • DODGE
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • GREAT WALL
    • HONDA
    • HUMMER
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • INNOCENTI
    • IVECO
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MERCEDES
    • MG
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROVER
    • SAAB
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TATA
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Seleziona
    • Seleziona