Burocrazia

Codice della strada
Ora il Governo vuole riscriverlo

Codice della strada
Ora il Governo vuole riscriverlo
Chiudi

Il Governo ci riprova. Dopo il clamoroso flop nella scorsa legislatura, durante la quale il disegno di legge delega per l’integrale riforma del Codice della strada fu approvato alla Camera nel 2014 ma rimase fermo oltre tre anni in Senato, fino a decadere con la fine della legislatura, il cosiddetto esecutivo del cambiamento torna alla carica. Il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, ha presentato oggi in Consiglio dei ministri, che lo ha approvato, un nuovo ddl delega. Per il momento, non se ne sa di più. È molto probabile, però, che il testo non si discosterà molto dall’articolo 14 di un ben più vasto disegno di legge con cui il Governo ipotizzava di chiedere al Parlamento la delega a legiferare su moltissime materie, dall’edilizia al lavoro, dal turismo al Codice della strada, appunto.

I principi guida. Semplificando al massimo, il governo ha intenzione di chiedere al parlamento la delega a riscrivere completamente l’attuale testo, redatto all’inizio degli anni 90 e più volte modificato, sulla base di alcuni principi fondamentali:

-          coerenza e armonizzazione con le norme nazionali, Ue e internazionali;

-          revisione della disciplina sanzionatoria secondo princìpi di ragionevolezza, proporzionalità, effettività e non discriminazione;

-          semplificazione delle procedure per l’applicazione delle sanzioni pecuniarie e accessorie anche in relazione ai nuovi strumenti di controllo a distanza;

-          revisione dei ricorsi in termini di celerità, efficacia ed efficienza dell’iter;

-          inasprimento delle sanzioni per comportamenti particolarmente pericolosi;

-          tutela dell’utenza debole con particolare riguardo ai ciclisti;

-          semplificazione delle procedure che disciplinano la modifica delle caratteristiche costruttive dei veicoli in circolazione.

Nel testo, inoltre, si delega il Governo ad adottare anche regolamenti sulle caratteristiche dei veicoli eccezionali e dei trasporti eccezionali, sull’aggiornamento della segnaletica stradale, sulla classificazione, destinazione e caratteristiche costruttive dei veicoli, sui requisiti per ottenere la patente, sulle procedure di immatricolazione e cessazione della circolazione, sul riassetto della disciplina tecnica sulle strade.

Iter complesso. Giova ricordare che con un disegno di legge delega, il Governo chiede al Parlamento una delega, appunto, a legiferare su una specifica materia, in genere tecnica. Il testo del ddl segue il normale iter di ogni disegno di legge e, quindi, per diventare legge dev’essere esaminato e approvato, in genere con modifiche, da entrambi i rami del Parlamento. Dopodiché il Governo, in particolare i ministeri competenti, nella fattispecie quello delle Infrastrutture e dei Trasporti e quello dell’Interno, scrivono il testo di un decreto legislativo, cioè del nuovo Codice della strada (in questo caso dovranno farlo etro 18 mesi dall'approvazione della leggge delega). Codice sul quale, comunque, il parlamento può chiedere ulteriori modifiche e comunque soggetto alla giurisdizione della Corte costituzionale.

Tempi molto lunghi. Insomma, i tempi sono, in genere, piuttosto lunghi. Si pensi che il Codice attualmente in vigore nasce da un disegno di legge delega presentato alla Camera dall’allora ministro DC dei Trasporti Carlo Bernini (6° governo Andreotti) il 19 dicembre 1989. Il provvedimento fu approvato definitivamente dal parlamento il 30 maggio 1991. Il testo, scritto dai tecnici del ministero dei trasporti (decreto legislativo 30 aprile 1992, n, 285), entrò in vigore l’1 gennaio 1993.

Le proposte del parlamento. Peraltro alla commissione Trasporti della Camera sono già in discussione alcuni disegni di legge di iniziativa parlamentare che intervengono su molti aspetti del Codice attualmente in vigore. Proposte che, in teoria, dovrebbero avere un iter più veloce rispetto alla riscrittura della legge immaginata dal governo. Si vedrà nelle prossime settimane se il parlamento sarà chiamato a lavorare sul duplice binario o se, invece, la proposta governativa, come ha lasciato capire il governo, sarà semplicemente integrata con quella parlamentare e sarà l'unica a essere esaminata.

COMMENTI

FOTO


VIDEO

https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News

SERVIZI QUATTRORUOTE

Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

Non ricordi la tua targa? Clicca qui >

logo

ASSICURAZIONE? SCOPRI QUANTO PUOI RISPARMIARE

Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

In collaborazione con In collaborazione con Facile.it

CERCA IL FINANZIAMENTO AUTO SU MISURA PER TE

RISPARMIA FINO A 2.000 €!

Calcola il tuo tagliando

QTagliando

Cerca annunci usato

LA STORIA AUTOMOBILISTICA A PORTATA DI MANO

Oltre 1500 recensioni di attività commerciali del mondo automotive

SCARICA LA PROVA COMPLETA IN VERSIONE PDF

Costo di una singola "prova su strada": 3,59 euro (IVA inclusa). Pagamento da effettuare con carta di credito.