Alfa Romeo Tonale La Suv compatta debutta a Ginevra - VIDEO

Mirco Magni Mirco Magni
Alfa Romeo Tonale
La Suv compatta debutta a Ginevra - VIDEO
Chiudi
 

L'Alfa Romeo Tonale debutta al Salone di Ginevra come nuova Suv compatta della Casa di Arese. Per ora si tratta soltanto di una concept, come testimoniano alcuni dettagli di stile, come il frontale, ma nei prossimi anni da questo prototipo ibrido plug-in deriverà un modello di produzione che andrà a posizionarsi al di sotto della Stelvio tanto per prezzo, quanto per dimensioni.

Alfa Romeo Tonale, ecco com'è fatta fuori e dentro

Piccola Stelvio con un nuovo stile. Sulla concept, un nuovo Scudetto anteriore e l'immancabile Trilobo si abbinano a fanali "tre più tre" ispirati alla SZ con sistema d'illuminazione a Led il cui stile viene ripreso anche dalla firma luminosa delle luci posteriori. La carrozzeria, invece, evolve linee naturali scolpite a mano dai designer della Casa nell'argilla: le proporzioni ricordano quelle della Stelvio, ma diversi dettagli, dal montante posteriore all'angolazione del cofano motore, sono esclusivi della nuova Suv. Particolari influenzati dal passato caratterizzano tutto il corpo vettura, dai volumi derivati dalle sportive degli anni sessanta, ai cerchi di lega "teledial" a tema circolare da 21" ispirati alle ruote della 33 Stradale. La fiancata, fatta di volumi pieni, incorpora richiami allo stile delle Duetto e Disco Volante Spider, mentre quella che l'Alfa Romeo descrive come "Linea GT" reinterpreta alcuni concetti stilistici della GT Junior.

Ibrida plug-in. La Tonale rivestirà un ruolo estremamente importante per il futuro di Arese. Oltre a essere il primo modello a ruote alte del segmento C della Casa, la Suv sarà anche la prima Alfa Romeo elettrificata con un sistema ibrido plug-in. Per il momento sono emersi solo pochi dettagli sul nuovo propulsore, che disporrà di un motore elettrico posteriore e di una versione evoluta del selettore Dna già disponibile in gamma: la modalità Dynamic, per esempio, è diventata Dual Power e ora garantisce le massime prestazioni dai due propulsori della vettura. Se ciò non bastasse sullo schermo centrale è presente il pulsante E-Mozione che rende la risposta di volante, acceleratore e freni ancora più diretta. In Natural le performance vengono ottimizzate in maniera automatica, bilanciando consumi e prestazioni. Con la funzione Advance E, derivata dalla precedente Advanced Efficiency, la Tonale viaggia invece in modalità puramente elettrica. Con il debutto del suo primo powertrain elettrificato l'Alfa ha presentato anche il nuovo Biscione ibrido, la cui testa è stata sostituita da una presa della corrente.

L'Alfa Tonale al primo esame di Paolo Massai

Interni dal sapore racing. L'abitacolo è fortemente incentrato sul guidatore ma, nonostante questo, è in grado di ospitare comodamente anche altri tre passeggeri: sulla concept, infatti, sono presenti quattro sedili singoli. Alluminio, pelle e Alcantara caratterizzano gran parte dei rivestimenti interni abbinandosi a pannelli traslucidi retroilluminati integrati nel tunnel centrale e sui fianchetti delle portiere. La plancia è caratterizzata da un touchscreen da 10,25" destinato all'infotainment e da un quadro strumenti digitale da 12,3". Il sistema multimediale è multitasking e permette al guidatore di navigare fluidamente tra i vari menu avendo sempre a portata di mano tutte le funzioni principali, tra cui le nuove modalità dell'Alfa Romeo Lifestyle.

2019-Alfa-Romeo-Tonale-interni-6

Alfista e Paddock. L'infotainment connesso della Tonale integra alcune funzionalità esclusive. Tramite la modalità Alfista si può accedere a un'interfaccia che raduna tutti gli eventi dei club del Biscione, permette di accedere a notizie in diretta e di acquistare biglietti per gli eventi del team Alfa Romeo Racing. Grazie alla funzione Paddock, invece, i clienti potranno aggiornare il sistema telematico della vettura, ordinare nuovi accessori e scoprire tutte le offerte del merchandising della Casa.

Nome d'arte. Il nome Tonale è stato scelto per dare continuità alla gamma a ruote alte di Arese: il passo del Tonale, infatti, è collegato con quello dello Stelvio. Spiegando le motivazioni che hanno portato alla scelta della nuova denominazione, la stessa Casa ha inoltre affermato: "Alfa Romeo Tonale è il nostro sguardo nel futuro del segmento Cuv, in grado di creare un’espressione olistica e creativa tramite la fusione di bellezza e tecnologia. In poche parole, è l’opera d’arte, il capolavoro assoluto del design Alfa Romeo: non a caso le prime lettere di Alfa Romeo Tonale formano la parola ART".

2019-Alfa-Romeo-Tonale-Live-02

Bellezza funzionale. "La Tonale è la nostra interpretazione di come deve essere una Suv per Alfa Romeo. Innanzitutto bella, bella nell'accezione italiana del termine. Deve cioè riproporre i canoni e gli stilemi classici dell'Alfa e reinterpretarli in chiave moderna. E questo", sottolinea Roberta Zerbi, responsabile Emea del marchio, "si vede sia nella linea di cintura laterale che abbiamo ripreso addirittura dalla GT Junior, nei gruppi ottici frontali a tre fari che, pur in chiave molto attuale, in qualche modo ricordano gli stilemi visti sull'Alfa 75 SZ Zagato e anche sulla Brera. Abbiamo delle proporzioni che sono molto armoniche, perché devono essere funzionali alla dinamica di guida che dovrà essere assolutamente allineata alla migliore concorrenza del mercato. Quindi una bellezza che deve essere sempre funzionale. Vogliamo dire la nostra nel mondo delle Suv compatte e questo è anche il nostro modo di entrare nelle motorizzazioni elettriche, sicuramente con un plug-in hybrid che rappresenta per noi il giusto modo di combinare le performance di un motore tradizionale con i vantaggi dell'elettrico. L'elettrificazione fine a se stessa non ha senso: deve essere sempre fatta in chiave Alfa e quindi a supporto, a sostegno della performance”. Zerbi spiega poi che Alfa è “al lavoro per partire con entrambe le motorizzazioni. Per ora il nostro target per arrivare sul mercato è entro la fine del 2020. Vorrei fare un prodotto, “aggiunge, “che sia bello ma accessibile. Mi piacerebbe fare il botto come lo facemmo al lancio della Giulietta, se non di più”.