Concept

Skysphere, Grandsphere e Urbansphere
Viaggio nelle Audi del futuro - VIDEO

Skysphere, Grandsphere e Urbansphere
Viaggio nelle Audi del futuro - VIDEO
Chiudi

Sotto il sole di Pebble Beach le tre concept Audi Sphere si mostrano al pubblico per la prima volta una al fianco dell’altra. Per la verità, il terzetto al completo (composto da Skysphere, Grandsphere e Urbansphere) si era già visto in uno spot televisivo: e non accade di frequente che i prototipi siano protagonisti dei “commercial” delle Case, il che la dice lunga sull’importanza per il costruttore di Ingolstadt, in questo preciso momento storico, di far circolare il manifesto del proprio domani. Prima che si imbarcassero per la Monterey Car Week, però, abbiamo avuto modo di incontrare le tre Sphere in Germania, nei pressi di Monaco di Baviera, nella suggestiva cornice di una vecchia officina per la riparazione dei treni. Un tête-à-tête per vedere l’effetto che fa toccare con mano “il futuro della mobilità premium” (clicca il video qui sotto).

Audi Skysphere, Grandsphere e Urbansphere: così sarà la "premium mobility"

Non è magia. A volte non serve nemmeno toccare, per dire quanto siamo avanti: sono sulla Grandsphere e, attraverso un piccolo pannello “satellite” posizionato nell’interno porta, riesco a modificare l’inclinazione dei sedili (ma anche la temperatura del clima, o altri parametri) semplicemente a gesti, facendo ruotare la mia mano verso destra o sinistra davanti al sensore: è solo uno dei tanti effetti speciali e, sommati quelli dei tre prototipi, probabilmente non basterebbe un pomeriggio intero per sperimentarli tutti. Meglio, allora, concentrarsi su ciò che queste tre concept ci vogliono dire e su quali saranno i risvolti (alcuni concreti, altri più immaginari) che le soluzioni qui proposte avranno sui prossimi modelli di serie dei Quattro anelli.

Rivoluzione copernicana. Tra Skysphere, Grandsphere e Urbansphere i comuni denominatori sono diversi. A partire dal termine “sphere” (sfera) nel nome, che ha un significato preciso: indica uno sviluppo stilistico che, per la prima volta, va dall’interno verso l’esterno: per capirci, si è cominciato disegnando lo spazio intorno ai passeggeri per poi plasmare le forme della carrozzeria. Una strategia che nei prossimi anni sarà sempre più ricorrente: con buona pace dei puristi, infatti, il fulcro del progetto di un’automobile sarà un abitacolo in cui volante e pedali possono anche sparire, configurando una nuova concezione di spazio. L’auto diventa un luogo dove vivere esperienze grazie al software (sviluppato con Cariad), alle tecnologie di guida automatizzata di livello 4 (altro filo rosso che lega la triade) e a interfacce che rispondono a input oculari (leggendo lo sguardo degli occupanti) o gestuali. I comandi sono sostanzialmente impalpabili.

2022-audi-concept-sphere-02

C'è anche sostanza. Altri tratti comuni tra le vetture sono, per esempio, la capacità di comunicare all’esterno e all’interno attraverso luci e scritte luminose. Oppure soluzioni tecniche come le quattro ruote sterzanti e la gestione predittiva dell’assetto, basata sulla navigazione e su telecamere e sensori che scansionano la strada in tempo reale: un sistema già disponibile per alcuni modelli Audi, come la A8, anche di serie sulla variante sportiva S8. Ovviamente, l’intero filone Sphere è caratterizzato dalla propulsione elettrica, declinata ad alti livelli prestazionali, sia in termini di potenza (da 400 a oltre 700 CV) sia di autonomia (in teoria fino a 750 km). La piattaforma (l’ormai nota Ppe) ha infatti molto in comune con quella che verrà usata per le future A6 e Q6 a partire, rispettivamente, dall’anno prossimo e dal 2024.

Una Mpv nel futuro? "Può darsi". Delle tre concept, la Skysphere è quella con i crismi della pura show-car e il suo interasse variabile – che ne modifica le proporzioni allungando il corpo vettura di ben 25 cm – rimarrà confinato nella fantascienza. Per la Urbansphere, invece, il discorso è diverso. Questa avveniristica monovolume di oltre cinque metri e mezzo rappresenta un genere inedito per l’Audi, e ha una destinazione molto specifica: è pensata per gli abitanti delle megalopoli cinesi, dove lo spazio personale è limitato e il tempo trascorso dagli automobilisti nel traffico infinito: da lì l’idea di una vettura (lunga oltre 5 metri e mezzo) dall’abitabilità smisurata e attrezzata per l’intrattenimento a bordo come fosse un cinema su ruote. A sorpresa (dell’Audi stessa), la concept ha riscosso apprezzamenti non solo in Cina, ma anche in Europa e in Italia. Alla luce di ciò, “sicuramente diversi nostri ingegneri staranno pensando a come un’auto del genere potrà essere realizzata in futuro” ci ha detto Josef Schlossmacher, responsabile della comunicazione sulle concept car di Audi. Quindi l’Audi potrebbe davvero produrre una Mpv? “Sì, è possibile”, ha risposto il portavoce della Casa.

2022-audi-concept-sphere-11

La prossima ammiraglia. All’atto pratico, però, il prototipo più concreto resta la Grandsphere, che si presenta con le fattezze di una cibernetica A7 ma con dimensioni più vicine a quelle di una A8. Senza forzare discendenze dirette, possiamo dire che questo prototipo offre molteplici assaggi dell’evoluzione del concetto di ammiraglia secondo la Casa di Ingolstadt. Forse gli schermi che si trasformano in proiezioni su dei pannelli lignei richiederanno qualche annetto in più per divenire realtà, ma le tecnologie per la guida automatizzata (operative entro la seconda metà del decennio in corso, secondo le previsioni) e soprattutto il design produrranno effetti a più breve termine. Stando a quel che si vede, è lecito attendersi un’ammiraglia dalle forme più moderne e sportive.

To be continued. E non è finita qui. La Saga delle Sphere continuerà con un quarto prototipo che sarà anticipato prossimamente e svelato nei prossimi mesi. La nuova concept proseguirà sulla strada tracciata da Skysphere, Grandsphere e Urbansphere declinando la visione della “premium mobility” di Audi su un’ulteriore tipologia di carrozzeria. Forse una Suv?

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Skysphere, Grandsphere e Urbansphere - Viaggio nelle Audi del futuro - VIDEO

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it