Cronaca

Pisa
Muore bimba dimenticata nell'auto in sosta

Pisa
Muore bimba dimenticata nell'auto in sosta
Chiudi

Una bambina di poco meno di un anno è morta dopo essere stata dimenticata in auto dal padre. La vettura era parcheggiata sin dal mattino a San Pietro a Grado, a pochi chilometri da Pisa, non lontano dallo stabilimento industriale dove il genitore lavora. La piccola era sul seggiolino montato sul sedile posteriore e quando i soccorritori l'hanno estratta dall'abitacolo era già deceduta, probabilmente per ipertermia. 

Allarme scattato alle 15.30. L’allarme è scattato intorno alle 15.30, quando la moglie si è recata al nido a prendere la figlia, che avrebbe compiuto un anno nei prossimi giorni. ll padre, ora sotto choc, è un ingegnere ed è localmente impegnato anche in politica. Intanto, la procura di Pisa ha aperto un'inchiesta.

Pesante tributo di sangue. Purtroppo si tratta dell'ultima di una lunga e inaccettabile serie di tragedie che hanno come vittime bambini dimenticati in auto. Nel nostro Paese il tributo di sangue è pesante: dal 1998 a oggi sono sette i piccoli che hanno perso la vita in questo modo terribile. Le modalità sono quasi sempre analoghe; il genitore sistema il figlio nel seggiolino e quindi dirige l’auto verso il posto di lavoro, dove la parcheggia al sole, convinto di aver già portato il piccolo al nido o all’asilo. Quando si accorge della dimenticanza, è troppo tardi.

Urge una normativa. Eppure queste tragedie assurde potrebbero essere evitate se, come
Quattroruote sostiene da molti anni, e come sollecitato da numerose associazioni e da petizioni online, i seggiolini per auto fossero dotati di sensori e avvisi anti abbandono. In particolare, serve una normativa che imponga alle case costruttrici l’installazione di un allarme sonoro di rilevamento dei bambini. Nel corso degli anni non sono mancate le interpellanze parlamentari, la presentazione di una proposta di legge e addirittura l’invio di un dossier alla Commissione europea. Senza che sinora si sia giunti a una soluzione concreta.

I salvavita già disponibili. Al momento sono soltanto due i marchi automobilistici ad aver già sviluppato un dispositivo anti abbandono. La Hyundai ha recentemente presentato il Rear Occupant Alert, un sistema che equipaggia tutte le nuove vetture vendute negli Usa; anche se non si sa ancora quando arriverà in Europa. Analogo il Rear Door Alert della Nissan installato sul Pathfinder e altri modelli della sua gamma; anche in questo caso, però, al momento solo negli Stati Uniti. Nel nostro Paese, intanto, i primi seggiolini della Chicco equipaggiati con sistemi anti abbandono stanno per entrare in commercio, mentre sono già disponibili numerose app (fra queste InfantReminder, Sense-A-Life e Waze) e sensori aftermarket salvavita (uno è Remmy).

COMMENTI

  • Quattroruote che parla dei dispositivi "anti abbandono". Non dice che il remmy non funziona sempre! sulle auto che spengono l'accendisigari solo dopo 10 minuti dallo spegnimento del motore, tipo il mio nissan QashqaI NON FUNZIONA!!! Eppure quattroruote raccomanda questo dispositivo, ed è anche una testata giornalistica che prova le auto. Il Qashqai non è neanche una macchina poco venduta mi pare..
  • Continuiamo a considerare lo spaccio di droga come un reato secondario certo
     Leggi le risposte
  • Dimenticare in auto una borsa, il cellulare una giacca o chissà quali altre "COSE" a chi non è mai capitato ? Dimenticare un "ESSERE UMANO" in auto la dice lunga non solo sui ritmi di vita allucinanti a cui sono costrette molte famiglie, ma purtroppo su quanto sia stata distorta la concezione dei valori importanti e della vita stessa nei giovani d'oggi.
  • Forse la fretta, forse i pensieri che angustiano ogni adulto, hanno distratto migliaia di genitori in tutto il mondo causando immani tragedie e lo stillicidio dei bimbi dimenticati nei veicoli. Realizzata a Messina, Infant Reminder è la prima app al mondo, per smartphones e tablets, totalmente gratuita e utilizzabile in tutto il mondo, in grado di scongiurare il pericolo di dimenticare i bambini nei veicoli. Prelevala gratuitamente dal sito ufficiale http://www.infantreminder.com/ oppure da App Store o Google Play.
     Leggi le risposte