Curiosità

Configuratori
Quanti click servono per scegliere un'auto?

Configuratori
Quanti click servono per scegliere un'auto?
Chiudi

Una ventina di click per personalizzare il veicolo desiderato o per concludere l'acquisto: è la media rilevata da AppQuality, piattaforma italiana di crowdtesting, in un'indagine volta a verificare l’esperienza d’uso dei potenziali clienti sul configuratore delle Case automobilistiche.

Tempi rapidi. Lo spunto è arrivato da un tweet di Elon Musk, secondo il quale, attraverso il sito della Tesla, sarebbe possibile ordinare una vettura in soli 54 secondi. Più che sul tempo, la metodologia d’indagine si è soffermata sul numero di click per la configurazione del veicolo, considerato più attendibile per la valutazione della cosiddetta "user experience". Producendo un totale di 600 questionari, le persone coinvolte hanno configurato a proprio piacimento il veicolo sui portali di marchi premium e generalisti: Tesla, BMW, Chrysler, Dodge, Audi, Alfa Romeo, Fiat, Skoda e Toyota. In media, l’esperienza di personalizzazione o acquisto è risultata organizzata in un numero di gruppi di configurazione (cluster) che va da cinque a nove, ma il totale dei click complessivi registrato è molto simile tra i costruttori premium e quelli generalisti: rispettivamente 20 e 22.

Le conclusioni. Dei marchi considerati, proprio Tesla è quello che consente di completare la configurazione dell’auto (e il relativo acquisto) con il numero minore di click, in media neanche 10. Del resto, è anche la Casa che propone il minor numero di cluster per la configurazione (meno di cinque). Dalla parte opposta c’è l’Audi, che supera in media i 40 click per le numerose possibilità di personalizzazione offerte. I marchi che organizzano l'esperienza di configurazione del veicolo in un numero di cluster maggiore sono la BMW, che ne offre in media 9, e l’Alfa Romeo. "È il numero di personalizzazioni possibili ad aver influenzato in gran parte il totale dei click per ogni Casa automobilistica e ad aver creato un minimo divario tra marchi di lusso e generalisti", spiega App Quality. Tuttavia, secondo la società di crowdtesting, un maggior numero di click dovuto alle personalizzazioni non peggiora l'esperienza dell'utente.

COMMENTI

  • Considerando anche che spesso le configurazioni online non dialogano con gli strumenti in possesso dei venditori ufficiali (ergo procedura da rifare in concessionaria) e soprattutto celano spese ulteriori più o meno giustificate che si scoprono solo nel preventivo finale: su tutte l’approntamento vettura, ignobile addebito