Curiosità

Alfa Romeo
Il garage da sogno di un nostro lettore

Alfa Romeo
Il garage da sogno di un nostro lettore
Chiudi

Un nostro affezionato lettore, ma anche un appassionato collezionista. Luigi Bellomi di Sarnico (BG) ha infatti dedicato alle proprie passioni un piccolo garage, curato in ogni dettaglio, dove oggi trovano spazio alcune Alfa Romeo e diverse moto d’epoca, ma anche i suoi numeri di Quattroruote e Ruoteclassiche.

Lettura da treno. Quello per la nostra testata, in particolare, è un amore che nasce circa 40 anni fa. "Era il novembre del 1981 e stavo preparando la tesi per la mia ormai imminente laurea in Ingegneria", ci scrive. "Poiché avevo liberato l’appartamento che avevo avuto a Padova per tutti gli anni di università, facevo ogni giorno il pendolare da e verso Verona sul treno di terza classe, che a quei tempi ancora era il mezzo obbligato per molti studenti veneti. Mi piacevano le automobili e una sera, per la prima volta, ho comprato Quattroruote all’edicola della stazione".

Un rito. Ed è proprio in quel momento che prende il via la passione per la nostra rivista. "Da allora, Quattroruote è diventato per me un appuntamento fisso, quasi un rito da onorare ogni mese, compiuto con l’attesa dell’uscita in edicola o dell’arrivo del postino, la lettura centellinata e infine la meticolosa archiviazione. Poi la mia passione per l’automobile in generale è maturata e diventata ancora più profonda quando ho incontrato l’affascinante mondo delle auto d’epoca e così, da più di 15 anni, a Quattroruote si è affiancata Ruoteclassiche: non solo una piacevole e interessante lettura, ma anche uno strumento utile di informazione e consultazione".

Il collezionismo. Del resto, il lettore delle due testate dell’Editoriale Domus è diventato negli anni quello che lui stesso definisce "un piccolo, ma convinto, collezionista di auto e moto classiche", partendo da una Mercedes 190 SL restaurata con pazienza, per poi passare col tempo a un tema specifico: "Così oggi la mia piccola collezione è fatta (quasi) solo di Alfa Romeo e di moto da regolarità italiane degli anni '70". Tutte custodite in un piccolo garage, dove oggi sono collocati gioiellini come l’Alfa Romeo Spider Duetto "coda tronca" e varie coupé del Biscione: la Giulietta Sprint, la Giulia Sprint GT e la SZ, la prima sportiva di Arese dell’era Fiat.

Spazio da sogno. "Complice anche l’arrivo della pensione, col suo bagaglio di tempo libero da ben impiegare, ho riunito i miei tesori in uno spazio che ho ristrutturato, rendendolo qualcosa a metà strada tra un salone d’auto e un garage", ci spiega. "L’ho battezzato 'La Scatola Garage', perché volevo che il suo significato fosse quello di un contenitore dove riporre le cose che rappresentano le mie passioni e che possono risvegliare la nostalgia dei bei tempi". Tra le sue passioni, come dicevamo, non mancano le due testate dell’Editoriale Domus: "C’è anche una libreria dove le riviste sono ben allineate, con le loro copertine colorate e le loro grafiche che nel tempo sono cambiate: 40 anni di Quattroruote e quasi due decenni di Ruoteclassiche. Ogni tanto ne prendo una a caso, la sfoglio e immagino me stesso al tempo in cui quel numero usciva in edicola".

COMMENTI

  • Gli porgo i miei complimenti, e anche se sono più giovane ho più o meno iniziato anch'io a collezionare sia la rivista (dal 1982) sia le auto. Però faccio una considerazione del tutto personale, capisco il valore di mercato legato alla bassa tiratura, ma la SZ non l'avrei mai messa li in mezzo.... è un pò come nelle vignette che c'erano nella Settimana Enigmistica "trova l'intruso"...
     Leggi le risposte