Curiosità

Ford Sierra
La RS500 del BTCC rinasce in Inghilterra

Ford Sierra
La RS500 del BTCC rinasce in Inghilterra
Chiudi

L'inglese CNC Motorsport AWS, da tempo impegnata nelle competizioni per auto storiche, produrrà tre esemplari speciali della Ford Sierra all'interno di un'operazione che va oltre il concetto di restomod classico. L'ispirazione viene dal BTCC, il campionato turismo inglese, che vide la Sierra RS Cosworth Gruppo A dominare con il pilota Andy Rouse. Lo stesso ex campione è stato coinvolto nell'operazione per realizzare tre esemplari della vettura con le medesime caratteristiche del modello originale nella più estrema variante RS500 sviluppata per la stagione 1990.

La Gruppo A da 575 CV con le specifiche del 1990. Il primo esemplare sarà costruito usando una scocca nuova della Ford Motorsport mai completata, mentre per gli altri due saranno utilizzate vetture donatrici. Il pacchetto completo sarà proposto a partire da 185.000 sterline (circa 200.000 euro al cambio attuale) e include il motore Cosworth YB con le specifiche racing da 575 CV, il cambio Getrag a cinque marce, l'allestimento Gruppo A della scocca e tutti i particolari sviluppati secondo il regolamento dell'epoca dalla Andy Rouse Engineering. Le vetture saranno dotate di fiche HTP e saranno quindi pronte per partecipare alle competizioni per auto storiche internazionali.

La carriera della Sierra. La Ford sviluppò la versione RS Cosworth per le competizioni partendo dalla scocca della Sierra due porte. Dopo la prima versione del 1985, equipaggiata con lo storico 2.0 turbo da 204 CV, fu presentata nel 1987 la RS500 da 227 CV, nata espressamente per omologare ulteriori componenti speciali per le competizioni e prodotta solo con guida a destra. I 500 esemplari erano dotati di monoblocco rinforzato, turbina T04 maggiorata, intercooler modificato, iniettori aggiuntivi, aspirazione e scarico modificati, componenti aerodinamiche aggiornate e assetto rivisto. In seguito, la Ford ha introdotto la versione tre volumi della Sierra RS Cosworth nelle varianti due e quattro ruote motrici, prima di lasciare il testimone alla omonima variante della Escort.

COMMENTI