Più potenza o più leggerezza e aerodinamicità? Deve essere stato questo il dilemma che portò gli ingegneri dell’Aston Martin a rivolgersi alla Zagato per la prima volta nel 1960, per costruire una versione alleggerita della DB4 GT da competizione. All’epoca in pochi avrebbero immaginato che questo sarebbe stato solo il primo frutto di una collaborazione che, a più riprese - e con lunghi periodi di stop nel mezzo -, avrebbe portato le due aziende a lavorare assieme fino ai nostri giorni, non più con l’obiettivo di costruire auto da corsa capaci di fendere l’aria meglio di tutte le altre, ma veri e propri gioielli di design in edizione limitata, che nonostante le rigide norme sulla sicurezza di oggi e i vincoli posti dagli ingegneri riescono ad esprimere linee e forme di rara grazia. A tal proposito, vi proponiamo nella nostra galleria d’immagini tutte le Aston Martin firmate Zagato, rigorosamente in ordine cronologico.