Curiosità

Stranger Things
In arrivo il gran finale: le auto più curiose della serie

Stranger Things
In arrivo il gran finale: le auto più curiose della serie
Chiudi

Attesa ormai da qualche anno, e più volte rinviata a causa degli stop alle riprese per l’emergenza Covid, la quarta stagione di Stranger Things è disponibile su Netflix dal 27 maggio con i suoi primi sette episodi, ai quali, dal 1° luglio, si aggiungono le puntate finali (8 e 9). La serie di fantascienza, ambientata nell’America degli anni 80 e ispirata agli sci-fi movie dell’epoca, narra le vicende dei giovani eroi di Hawkins – ormai un po' cresciuti – di nuovo alle prese con una minaccia soprannaturale, Vecna, un’altra creatura del Sottosopra. [Attenzione: i prossimi paragrafi contengono moderati spoiler delle stagioni precedenti]

Fuoristrada in divisa. Al contrario di quanto la terza stagione abbia fatto credere, in Stranger Things 4 rivediamo Jim Hopper (David Harbour), il simpatico sceriffo di Hawkins dal look ispirato all’investigatore Thomas Sullivan (Tom Selleck) di Magnum P.I. Purtroppo per lui, il poliziotto dell’immaginaria cittadina dell’Indiana non ha mai a disposizione l’iconica Ferrari 308 GTS del detective privato, ma una fuoristrada Chevrolet K5 Blazer di seconda generazione con livrea e lampeggianti d’ordinanza (nella foto di apertura, un modellino Jada Toys che riproduce l’esemplare della serie): un tipico mezzo anni 80, con forme squadrate e una calandra imponente, molto apprezzato anche come veicolo da lavoro.

2022-auto-stranger-things-01

Icona americana. Chi invece non rivediamo, se non per un cameo, è il personaggio di Billy Hargrove (Dacre Montgomery), il giovane bagnino narcisista che ha avuto un ruolo fondamentale nella terza stagione: qui, come nel secondo capitolo della saga, appare più volte per le strade di Hawkins con la sua splendida Chevrolet Camaro Z28 model year 1979. Un’auto non più a listino negli anni dell’ambientazione, quando era ormai da tempo negli showroom la terza serie della celebre pony car, ma affascinante ancora oggi, figuriamoci allora. Peraltro, la Z28 era la versione high-performance della gamma, di fatto una vera muscle car col suo poderoso motore V8.

2022-auto-stranger-things-03

Elegante scoperta. Altra grande icona americana è la Cadillac Eldorado Biarritz Convertible, l’elegante scoperta che nel 1984, dopo un po’ di anni d’assenza, ha riportato una vera carrozzeria open top nella famiglia della Eldorado, all’epoca giunta alla decima generazione. La vettura è presente nella terza stagione di Stranger Things, dove viene sottratta da Hopper a un malcapitato automobilista fermatosi a una pompa di benzina per il rifornimento della propria vettura.

2022-auto-stranger-things-04

Ford sfortunata. Ad assecondare lo sceriffo in questa prepotenza a fin di bene – i pericoli a cui sono esposti questi personaggi rendono necessario il gesto – c’è la madre di Will (Noah Schnapp), Joyce Byers (Wynona Ryder), che nella serie impiega come auto privata una Ford Pinto degli anni 70. Non bastasse la linea da hatchback, storicamente poco apprezzata nei mercati nordamericani, l’auto divenne all’epoca oggetto di clamore mediatico per vari casi di incendio a seguito di tamponamento. La Ford riuscì a dimostrare in giudizio, come ricorda Ruoteclassiche, che il rischio non era superiore a quello delle sue concorrenti, ma non poté cancellare la triste fama della sua vettura.

2022-Auto-Stranger-Things_01

La bavarese. Anche nella quarta stagione rivediamo la BMW 733i (E23) della famiglia di Steve Harrington (Joe Keery), al volante di questa vettura in molte sequenze della serie. Tralasciando le nostre limitazioni per i neopatentati, immaginate un (neanche) ventenne di oggi al volante di una moderna ammiraglia tedesca: roba da giovani calciatori, vero? Ecco, in Stranger Things accade questo. E proprio il 1986, anno di ambientazione del quarto capitolo, segna il passaggio dalla Serie 7 guidata da Steve a quella di nuova generazione, la E24.       

Il van tedesco. Volgendo infine uno sguardo ai veicoli che appaiono per la prima volta in questa produzione Netflix, non manca in questa quarta stagione la presenza di un simpatico pulmino Volkswagen T3 adibito al trasporto delle pizze. Si tratta di un veicolo mostrato più volte nelle nuove puntate della serie e guidato da Argyle (Eduardo Franco), un inedito personaggio. Com’è noto, il T3 non è mai stato celebrato quanto le due generazioni precedenti (T1 e T2), cioè quelle legate al mito del Bulli, ma anch'esso veniva prodotto sulla base dello storico Maggiolino, e quindi con la trazione posteriore. Le serie successive avrebbero in seguito adottato lo schema tutt’avanti, ma il nuovo Volkswagen ID.Buzz, ispirato proprio al Bulli, segna oggi il ritorno al "tutto dietro": trazione e motore sono sull’asse posteriore, ma la spinta è elettrica.        

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Stranger Things - In arrivo il gran finale: le auto più curiose della serie

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it