Curiosità

Asfalto
Los Angeles va in bianco

Asfalto
Los Angeles va in bianco
Chiudi

L’asfalto scuro viene ricoperto con una specie di gelatina a base di diossido di titanio che, riflettendo i raggi del sole, dovrebbe contribuire a far scendere di qualche grado (Fahrenheit) la temperatura ambientale: è la tecnica sperimentata per la prima volta dalla città di Los Angeles in un insolito approccio ai cambiamenti climatici, avviato con il sustainable city plan del 2015: un progetto parito con l’imbiancatura di alcuni parcheggi.

Quando il troppo (sole) stroppia. Con 300 giorni su 365 di cielo sereno l’anno e il riscaldamento globale che comincia a far sentire i suoi effetti, L.A. può diventare un vero inferno. Per la metà di questo secolo, il numero di giorni di calore estremo potrebbe raddoppiare. Molti sono gli interventi messi a punto per porre freno all’effetto “urban heat island”, che si verifica quando il terreno è coperto da un’alta concentrazione di asfalto, edifici e altre superfici che assorbono calore. Quello che maggiormente ha incuriosito gli stessi Angelenos è lo strato, spesso non più di un quarto di millimetro, di una sostanza chiamata CoolSeal, che è stata stesa su alcune strade della metropoli californiana nella seconda fase del progetto pilota, avviata nel giugno 2017. Secondo le prime verifiche, il materiale riflettente riesce a ridurre di circa 5 gradi Celsius la temperatura dell’asfalto, ma solo di 0,2 quella dell’aria.

Il 10% di superficie “cool” entro il 2025. Obiettivo del sindaco Eric Garcetti, eletto nel 2013 e riconfermato nel 2017, definito un “progressista pragmatico” molto sensibile ai temi ambientali, è di ridurre la temperatura della città di 1,6° Celsius entro il 2050. Per il 2025 dovrebbe essere quindi riflettente il 10% delle strade (che coprono circa il 15% della superficie totale della metropoli californiana), percentuale che dovrebbe passare al 30 nel 2045. Nella terza fase del programma, iniziata nel 2019, dai 15 singoli tratti stradali a macchia di leopardo si è passati a trattare interi quartieri, scegliendoli secondo il criterio del microclima, della mancanza di ombra e delle condizioni economiche svantaggiate. Secondo il Green new deal che il mayor ha presentato nello stesso anno, nel 2028 il “cool pavement” dovrebbe coprire 250 miglia di percorsi urbani.

I tetti anticondizionatori. Prima di passare alle “cool street”, Los Angeles ha sperimentato, con buoni risultati, qualcosa di simile, imponendo agli edifici di nuova costruzione o ristrutturati l’adozione di tetti in grado di eliminare la necessità degli impianti di condizionamento dell’aria.

Non è tutto oro quel che è bianco. Basterà imbiancare Los Angeles per rinfrescarla? Aspettando risultati con una solida base scientifica, alcuni studi hanno evidenziato qualche perplessità. Il materiale usato per ricoprire l’asfalto potrebbe essere maggiormente energivoro rispetto all’asfalto tradizionale. Inoltre, sono stati riscontrati effetti negativi sui residenti, i pedoni e gli automobilisti. I primi due potrebbero addirittura subire un aumento della temperatura esterna, mentre chi è al volante può essere abbagliato. Infine, molti ritengono molto più efficace l’azione degli alberi che, oltre a fare ombra, catturano l’anidride carbonica. Va detto che il piano di Los Angeles prevede che assieme all’asfaltatura in bianco si proceda alla contemporanea piantumazione dei lati della strada. Stando attenti a non ripetere gli errori del passato. Tutti sappiano cosa succede quando le radici dell’albero invece che in profondità si diffondono in superficie.

COMMENTI

  • Ho letto delle cose..... Qualcuno ha idea di come funzioni la scala Fahrenheit rispetto alla scala Celsius? Avete idea che la corrispondenza non è lineare? Tra tutti i commenti non ce n'è uno che abbia senso.....
     Leggi le risposte
  • Ragazzi (gli altri commentatori), vi consiglio un ripassino di termodinamica. 1 °C = 1,8 °F Non viceversa. Né tantomeno 33.
  • L'articolo è corretto, temo che lei stia facendo confusione con i gradi Kelvin, che in valore assoluto coincidono con i gradi Celsius. Come le hanno scritto una differenza di un grado Fahrenheit è quasi il doppio di una in Celsius o Kelvin.
     Leggi le risposte
  • Non è che se la temperatura la misuri in Celsius non varia... che senso ha quel Fahrenheit tra parentesi?
     Leggi le risposte