Kia Sorento Una settimana con la 2.2 CRDi AWD Rebel

Redazione Redazione
Kia Sorento
Una settimana con la 2.2 CRDi AWD Rebel
Chiudi
 

La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la Kia Sorento, appena interessata dal classico restyling di metà carriera e vista in anteprima al Salone di Francoforte. In sostanza, la Suv coreana resta quella del 2015, ovvero la terza generazione, ma cresce di un altro paio di centimetri, fino a 480 cm di lunghezza (dodici in più rispetto al precedente modello), e beneficia di importanti novità, stilistiche e di sostanza. Quanto all'estetica, oltre ai vari aggiornamenti (dai nuovi fari a Led al design dei paraurti) debutta l'allestimento GT Line, con i suoi fendinebbia a quattro Led (Ice Cube), le pinze dei freni rosse, le pedane laterali e il doppio scarico cromato. Passando al gruppo propulsore-cambio, si ritrova il 2.2 CRDi da 200 CV, ma l’automatico guadagna due rapporti: debutta anche sulla Suv, infatti, l’8 marce a convertitore di coppia che equipaggia la Stinger. Tra i sistemi di assistenza alla guida, arrivano le tecnologie di ultima generazione del pacchetto Drive Wise: oltre alla frenata automatica, c’è il riconoscimento della stanchezza del guidatore e il mantenimento attivo della corsia. Il prezzo della 2.2 CRDi AWD Rebel, top di gamma con quasi tutto di serie, dal navigatore alla terza fila di sedili, in attesa del listino ufficiale, dovrebbe essere di circa 47.000 euro. Il nostro esemplare, con l'allestimento GT Line, il Premium pack (con assistenza al parcheggio, telecamera e abbaglianti automatici) e la vernice metallizzata, dovrebbe superare di poco i 50.000 euro.  

2017-Kia-Sorento-2.2-TD-64

Bell'otto [Day 1]. Come anticipato nell’introduzione, la novità "vera" della Sorento è il cambio. Un otto marce che in un certo senso "sfida" gli ZF di ultima generazione. La sensazione, dopo pochi metri al volante, è che i coreani, tra i pochi costruttori a realizzare tutto in casa, invece che acquistare questo componente dagli "specialisti", abbiano fatto un buon lavoro. Si parte con il Drive mode in Comfort, e se ne apprezza da subito la fluidità che rende i passaggi di marcia quasi inavvertibili. Soltando selezionando Sport diventa un pochino brusco in alcune situazioni, mentre spostando la leva del cambio a sinistra, su manuale sequenziale (che fa scattare la spia dello Start&Stop disattivato) permette di guidare con il massimo controllo, senza brillare per particolare rapidità degli innesti. In Eco, come di consueto, "taglia" la risposta dell'acceleratore, mentre la modalità più curiosa è Smart: l'auto, in modo intelligente, apprende lo stile del guidatore e si tara in modo auto-adattivo per assecondarlo al meglio. Manca, invece, il settaggio personalizzato. L'otto marce resta, in ogni caso, un convertitore di coppia da grande Suv, senza velleità sportive (nonostante le levette al volante) e ideale compagno per i lunghi viaggi. C’è da dire che la coreana partiva da un buon livello: il sei marce ci aveva già impressionato favorevolmente (nella prova sul numero di giugno 2015). Abitacolo e posto guida non presentano grandi novità: per quanto mi riguarda, mi sistemo facilmente, grazie ai comandi elettrici del sedile, abbastanza “sotto” come preferisco, tranne allontanarmi di un paio di centimetri dopo un’oretta di viaggio perché l’appoggio del ginocchio sulla console m’infastidisce un po’. Si sta molto comodi, in ogni caso, e lo spazio è abbondante. Una cosa che non mi è piaciuta molto, come su altre Kia che ho provato in passato, è la radio che mette insieme in lista FM e DAB, rendendo complicato trovare rapidamente le mie stazioni preferite (annegate nelle decine di proposte delle stazioni tematiche); inoltre, a seconda della potenza del segnale, passa dall’analogico al digitale e viceversa, con fastidiose ripetizioni degli ultimi secondi ascoltati. Molto gradevole il suono, invece, assicurato dai dieci altoparlanti Harman/Kardon. Infine, è la prima volta che trovo il cassetto davanti al passeggero chiuso a chiave, senza sapere come aprirlo: ho in tasca la chiave elettronica (di serie ci sono apertura porte keyless e tasto Start) e devo rinunciare a riporre un documento nel cassetto. Lascio la soluzione ai prossimi guidatori. Andrea Sansovini, redazione online

2017-Kia-Sorento-2.2-TD-73

Spazio a volontà [Day 2]. Imponente, quasi mastodontica. Se già la terza generazione della Suv coreana vantava dimensioni di tutto rispetto, questa Sorento aggiornata e rivista sfoggia ancor di più la sua stazza, quasi con baldanzosa tracotanza, complice anche la maggiore lunghezza (seppur di soli 20 millimetri), oltre al 1,70 metro di altezza e al 1,89 di larghezza. Le proporzioni si ripercuotono, ovviamente, nell’abitacolo. Lo spazio a bordo abbonda davanti, ma dietro è addirittura quasi esagerato: tre persone vengono accolte più che comodamente e anche i più alti possono permettersi il lusso di distendere le gambe. Il confort dei passeggeri è garantito anche dal divano posteriore scorrevole, dallo schienale con vari gradi di inclinazione e dalle bocchette d'aerazione dedicate. Ricca la dotazione di questo allestimento GT Line, che offre materiali di pregio, sedili di pelle e tessuto, modanature di alluminio spazzolato e una lunga lista di optional. Nell’abitacolo, la plancia è dominata dallo schermo touch da otto pollici del sistema di infotainment, compatibile con gli standard Apple CarPlay e Android Auto, abbinato al navigatore, all'Around view monitor a 360 gradi e alla retrocamera, quest'ultima fondamentale nei parcheggi considerando la visibilità posteriore limitata. Completa il quadro il pacchetto di sistemi di assistenza alla guida, fra i quali la frenata automatica d'emergenza, il dispositivo che monitora la stanchezza del guidatore, il mantenimento di corsia attivo, il cruise control adattivo, il rilevamento dell'angolo cieco, la riproduzione sul cruscotto dei segnali stradali. Molto comodo il bagagliaio a cui si accede tramite il portellone ad apertura elettrica, che si aziona anche senza mani posizionandosi davanti (con le chiavi). Secondo i dati dichiarati dalla Casa, viaggiando in cinque ci sono a disposizione 660 litri, che possono arrivare a 1.732 abbattendo i sedili posteriori, tra l’altro frazionabili in tre posizioni. L’unica pecca è la soglia di carico piuttosto alta, posta a circa 80 cm da terra. Nel vano bagagli trovano spazio anche i due alloggiamenti della terza fila (attenzione qui sono proprio sedili, non strapuntini). Piccola nota di colore: nella prova su strada della terza generazione, pubblicata su Quattroruote di giugno 2015, facevamo notare come la configurazione sette posti fosse disponibile solo nella coreana a due ruote motrici; in questa nuova Sorento, invece, si può viaggiare con una piccola tribù anche optando per la trazione integrale. Roberto Barone, redazione Online

2017-Kia-Sorento-bis-2

Piccoli dettagli che piacciono [Day 3]. Quando siedo al volante di una Kia, come di una Hyundai, sono curioso di scoprire cosa c’è di nuovo rispetto a tante blasonate, ma un po’ scontate, Suv europee di stampo molto simile l’una all’altra. Nel caso della Sorento trovo subito soddisfazione con una cosa piccola ma geniale. Vi è mai capitato di far salire a bordo un passeggero che non ha dimestichezza con i comandi elettrici del sedile? Di solito occorrono spiegazioni del tipo “cerca lì, a destra in basso, sotto il sedile… ci sono dei bottoni… prova a spingere/tirare/alzare/abbassare…”. Insomma, un disastro. Evidentemente è successo anche a qualcuno del team che ha sviluppato la nuova Sorento, perché sul lato sinistro del sedile passeggero (guardate le foto nella galleria) ci sono due comodi pulsanti a bilanciere per regolare la distanza e l’inclinazione dello schienale. Lo so che non è una novità assoluta, ma quando salgo su un’auto che non guido da tanto tempo sono come un bambino curioso. E, in quanto tale, apprezzo le luci a Led sul battitacco, rosse fiammanti, la super dotazione di prese di alimentazione da 12 V e Usb, nonché la ricarica wireless per il telefono e la plancetta per le varie impostazioni di guida al centro molto chiara e ordinata a far da corona al tasto del freno a mano elettrico. Però, visto che è un bel macchinone da 4 metri e 80, sulla Sorento bisogna guardare e pensare in grande, in particolare pensare di trasportare oggetti ingombranti, e in questo la Suv coreana è molto ben dotata. Il piano di carico, anche nella versione con i sette posti, è livellato e ben rifinito, leggermente “invaso” dai passaruota in larghezza, ma tanto disponibile in lunghezza. Il sedile centrale scorrevole lascia molta libertà di scelta e, alla bisogna, con una levetta sul fianco del sedile si ripiega il tutto in avanti, anche in modo asimmetrico. Il portellone è elettrico e si apre da solo quando rileva che la chiave d’avviamento si trova nelle vicinanze per più di tre secondi. Insomma, vita facile per i grandi viaggi e i piccoli traslochi, ma, sul piano dei consumi, occhio alla velocità di crociera: l’ago del serbatoio scende con un’allarmante rapidità appena si forza l’andatura autostradale. Quello che la Sorento, invece non può affrontare è il fuoristrada, per via della ridotta altezza da terra: solo 18,5 cm non sono molti per superare ostacoli di un certo impegno e anche lo sbalzo anteriore piuttosto pronunciato è origine di un angolo di attacco non molto favorevole, da 17 gradi. Del resto anche le gomme da 19” serie 55 sconsigliano di avventurarsi su una pietraia. Però c’è il controllo per la velocità in discesa. Carlo Bellati, redazione WebTV  

2017-Kia-Sorento-2.2-TD-50

Briosa e turistica [Day 4]. Più che lunga, la Kia Sorento è larga. E me ne accorgo uscendo dal box: con gli specchi retrovisori ripiegati, passo, certo, magari non col margine che vorrei. Quindi, ci vuole un po’ d’attenzione in città? Beh, quella che richiederebbe qualsiasi Suv di pari taglia: in realtà, la Sorento se la cava pure dove non è avvantaggiata. E la posizione di guida alta, con il sedile ben profilato, ha il suo perché: noto solo che, con la seduta tutta abbassata, la visuale non è al massimo, causa specchio grande e montante spesso. Nella marcia caotica apprezzo il cambio automatico, abbastanza fluido e morbido in Drive, e discretamente rapido se si attiva il kick-down. Nonostante i 200 CV, la Sorento è più che altro briosa e turistica: volendo, però, ci sono i (piccoli) paddle al volante: così si velocizza la manovra, anche se, soprattutto in salita di marcia a medio carico d’acceleratore, si avverte un po’ di ritardo tra il comando e l’effettiva cambiata (il selettore, tra l’altro, ha la scalata all’indietro), anche in Sport. Ma non è questa la filosofia della Sorento, fatta per essere caricata e ospitare comodamente passeggeri sulle lunghe tratte. Non a caso, a 130 in D/VIII si marcia ad appena 2.000 giri, solo con qualche fruscio aerodinamico (specchi grandi?). Fa il suo mestiere il sistema di mantenimento attivo della corsia, che “corregge” la posizione della Suv ed è in grado di effettuare pure le curvette sul veloce (tenevo le mani appena sollevate dal volante). Capitolo motore: il 2.2 CRDi ha carattere e spinge forte, ma è un po’ ruvido sopra i 3.000 giri. Ottimo, invece, il riavvio tramite lo Start&Stop. Ultima cosa: con la Sorento non fai le corse, d’accordo, però l’assetto è buono, e il rollio è contenuto. Il tutto senza penalizzare il confort quando, per esempio, si transita su rotaie o grandi irregolarità. Andrea Stassano, redazione Autonotizie

2017-sorento-navigatore

Prezzo e dotazioni [Day 5]. Oltre ad alcuni dei nostri navigatori, sono certo che in molti abbiano storto il naso, sentendo in sequenza le parole “Kia Sorento” e “50 mila euro": “Ma come? 100 milioni delle vecchie lire per una Suv coreana? Ma allora mi prendo una Grand Cherokee, una X5, una Velar…”. Ecco, ognuno è libero di scegliere secondo il proprio gusto e le proprie tasche (anche considerando che le Sport utility appena citate hanno prezzi già di base superiori), ma vorrei comunque sottolineare i pregi di questa Sorento. A cominciare dalla cura per i particolari, dalle pedane alle cuciture a contrasto sui sedili di pelle, dalla plancia, morbida al tatto, ai diversi vani portaoggetti che dal bracciolo centrale arrivano alla console: non solo ogni cosa sembra essere al posto giusto, ma soprattutto l’impressione di eleganza e confort si avvicina molto a quella percepita a bordo di un’auto premium. Una sensazione che viene confermata dall’ottima accoppiata motore-cambio, che fanno dimenticare di essere al volante di un bestione da quasi due tonnellate, e da una dotazione top. E così, mentre si viaggia letteralmente in poltrona, ci si può affidare ai vari dispositivi di ausilio alla guida, come il mantenitore automatico della corsia, che è migliorato rispetto ad altri provati (con i quali si arrivava molto a ridosso delle linee di demarcazione della carreggiata e, alleggerendo la presa sullo sterzo, si finiva per “rimbalzare” da un lato all’altro). Ora la Sorento “legge” le corsie di marcia in maniera più precisa e quindi procede come su un binario anche lasciando il volante (non fatelo comunque! I sistemi di terzo livello stanno pian piano arrivando). Impeccabile il funzionamento del cruise control adattivo (anche durante i continui rallentamenti dovuti al traffico intenso) e quello della doppia telecamera di parcheggio. In questo caso, anche grazie al buon raggio di sterzata e alla molto realistica ripresa dall’alto a 360°, che facilita la percezione degli ingombri, in manovra ci si districa senza problemi anche in spazi angusti, nonostante i 4 metri e 78 cm di lunghezza. L'infotainment e il navigatore a prova di automobilisti distratti, che a ogni bivio segnala con un ingrandimento la strada da seguire (vedi foto), si gestiscono attraverso il comodo touchscreen a colori da 8". Completa il quadro un bagagliaio infinito, che raggiunge i 2.066 litri abbattendo il divano posteriore. Insomma, tutto considerato, e anche dando una rapida occhiata al listino delle concorrenti, si può parlare di tutto eccetto che di "euro buttati". Alessandro Carcano, redazione Online

Ben Maf

grazie a questi cosi la SSangyong G4 diventa più appetitosa

COMMENTI

  • grazie a questi cosi la SSangyong G4 diventa più appetitosa
  • grazie a questi cosi la SSangyong G4 diventa più appetitosa
  • grazie a questi cosi la SSangyong G4 diventa più appetitosa
  • sarà anche solo il listino fasullo..ma oltre 50.000 per sto furgone non si possono davvero sentire. Poi magari qualcuno trasloca un giorno si e un giorno no.......ma che sofferenza ogni giorno salirci sopra e doverlo guidare.
     Leggi risposte
  • Ma quando sarà in vendita?
  • con lo stesso prezzo ti porti a casa l'entry-level della Stelvio. Vuoi mettere?
  • Nei prezzi di listino c'è un evidente problema di posizionamento, la vendita di queste versioni full optional è subordinata alla "buona volontà" dei concessionari che, con dei maxi-sconti, rendono più congrua (o meno fuori luogo) la richiesta economica. Lo stesso si può dire della cugina Santa Fe, del resto. Sono entrambe auto molto valide, comode, insonorizzate bene, e garantite praticamente per l'intero ciclo di vita del veicolo. Inutile aspettarsi miracoli dalla dinamica di guida, ma ci si può accontentare. Se il cambio è migliorato tanto meglio, su Santa Fe il 6 marce "strozza" molto la (abbondante) coppia motrice del 2.2 diesel. Ecco, il motore fa il suo dovere ma complessivamente c'è di meglio, in salita fa dei rumori infernali e i consumi sono piuttosto elevati: gli 8.7 l/100 km del computer di bordo mi sono sempre sembrati ottimistici, la verità è più vicina ad un 9.3 l/100 km.
  • Questa volta mi sento di spendere un plauso alla recensione di Sansovini del Day1, ci piace molto (pluralis maiestatis .... (-_-) ....) quando vengono analizzati gli argomenti tecnici più che quelli di "costume". ...... Curiosa questa scelta dei coreani di farsi il cambio automatico in casa, evidentemente sono certi dei ritorni economici dell'investimento, mi pare che solo Mercedes (che vende a ben altri prezzi e margini) e GM (che cmq sta iniziando anche lei ad appoggiarsi ad altri fornitori) fanno altrettanto. ..... Circa la Sorento, resta a mio avviso un'ottima auto ma pur con tutta la fallibilità dell'occhiometro (quindi posso sbagliarmi) mi sembra che in Europa il suo successo commerciale non sia paragonabile a quello della primogenita basata su tecnologia Mercedes di una o due generazioni precedenti. evidentemente la accresciuta "qualità", e di conseguenza i costi, portano al discorso che già nel mio piccolo feci per la Stinger, ..... Hyundai e Kia stanno avendo un grosso boom nelle categorie piccola e media, ma quando le cifre si fanno impegnative quanti sono disposti a spenderle per mettersi nel box una coreana invece di una solita blasonata che oltre alla sostanza fa pure immagine???
     Leggi risposte
  • leggi tutto

    FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19395/poster_002.jpg Kia Sorento restyling, ecco quanto è cambiata - LIVE http://tv.quattroruote.it/eventi/francoforte-2017/video/kia-sorento-restyling-ecco-quanto-cambiata-live Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20702/poster_008.jpg Come nascono le linee della Maserati Levante http://tv.quattroruote.it/mondo-q/mondo-auto/video/come-nascono-le-linee-della-maserati-levante Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20701/poster_005.jpg Che effetto fa un'auto da rally a 200 km/h in sterrato? Hyundai i20 WRC http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/che-effetto-fa-un-auto-da-rally-a-200-km-h-in-sterrato-hyundai-i20-wrc Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20698/poster_6aabc952-cea3-4d9e-95fd-14fda014765c.jpg Nuova Suzuki Swift Sport: le prime immagini della nostra prova | Teaser http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/teaser-le-prime-immagini-della-nuova-suzuki-swift-sport Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20690/poster_001.jpg Teaser - Le prime immagini della nuova Volkswagen Touareg http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/teaser-le-prime-immagini-della-nuova-volkswagen-touareg Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20681/DSC_7593re_JL_Colo.jpg Abbiamo guidato la nuova Jeep Wrangler! http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/premiere-jeep-wrangler-mp4 Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20678/poster_001.jpg QHELP: come trasportare le bici sull'auto http://tv.quattroruote.it/mondo-q/mondo-auto/video/ebay-portabici-2-mp4 Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20673/Hyundai Tucson_20.jpg Guidiamo la nuova Hyundai Tucson con il mild hybrid a 48 Volt! http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/guidiamo-la-nuova-hyundai-tucson-con-il-mild-hybrid-a-48-volt- Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20672/Thumb -3-.jpg Dallara Stradale, supercar extra-terrestre. La prova definitiva su strada e in pista http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/dallara-stradale-supercar-extra-terrestre-la-prova-definitiva-su-strada-e-in-pista Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20671/20180516_135816 -3-.jpg Sul primo treno a idrogeno del mondo! Esiste davvero, si chiama Coradia iLint http://tv.quattroruote.it/mondo-q/mondo-auto/video/treno-idrogeno-alstom-mp4 Mondo Q

    RIVISTE E ABBONAMENTI

    Il nuovo numero di Quattroruote vi aspetta in edicola e in edizione digitaleUn appuntamento da non perdere, che vede il proprio punto di forza nelle prove su strada, impreziosite da analisi ancora più approfondite su prestazioni, dotazioni tecnologiche e confort delle auto e personalizzate per i diversi modelli.

    Quattroruote

    Abbonati a Quattroruote!

    Sconti fino al 41%!

    SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

    UTILITÀ

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    Scarica la prova completa in versione PDF

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!
    Seleziona
    • Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ALPINA-BMW
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CHRYSLER
    • CITROEN
    • CORVETTE
    • DACIA
    • DAEWOO
    • DAIHATSU
    • DODGE
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • GREAT WALL
    • HONDA
    • HUMMER
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • INNOCENTI
    • IVECO
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MERCEDES
    • MG
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROVER
    • SAAB
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TATA
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Seleziona
    • Seleziona