Opel Grandland X Una settimana con la 2.0 diesel Ultimate

Redazione Redazione
Opel Grandland X
Una settimana con la 2.0 diesel Ultimate
Chiudi
 

Questa settimana il Diario di bordo è dedicato alla Opel Grandland X 2.0 diesel Ecotec S&S nell'allestimento Ultimate. La Suv tedesca è lunga 4,48 metri, larga 1,86 e alta 161 con un passo di 2,68 metri e in questo caso è equipaggiata con l'unità diesel più potente della gamma, un quattro cilindri da 177 CV a 3.750 giri/min e 400 Nm di coppia massima a 2.000 giri, abbinato a un cambio automatico a otto marce. Tutto ciò, secondo i dati dichiarati dalla Casa, permette alla sport utility di scattare da 0 a 100 km/h in 9,1 secondi e di toccare una velocità massima di 214 km/h. Dell'equipaggiamento di serie fanno parte, fra l'altro, radio Dab con navigatore 5.0 Intellilink, cruise control adattivo, sistema Opel Eye (frenata automatica d'emergenza, rilevamento della stanchezza del guidatore, mantenimento della corsia), Park&Go (dispositivo automatico di assistenza al parcheggio e telecamera posteriore a 360°), Sight & Light (sensore pioggia e luminosità, specchietto retrovisore interno fotocromatico), Versatility Pack (bracciolo centrale e apertura per passaggio sci, ripiegamento sedili posteriori One Touch, piano bagagliaio regolabile su due altezze), fari full Led, ricarica wireless dello smartphone, vetri posteriori oscurati e climatizzatore automatico bizona. Il prezzo di listino di questa versione parte da 39.600 euro, a cui si aggiungono in opzione la vernice metallizzata, i cerchi di lega da 18 pollici con pneumatici all season, e le barre longitudinali sul tetto, che portano il totale a 40.050 euro.

2018-Grandland-X-new-1

Confort e piacere di guida [Day 1]. Terzo capitolo della saga Opel a ruote alte (dopo la Mokka e la Crossland), la Grandland X ha una linea giovanile e accattivante, anche se non particolarmente appariscente (il che non necessariamente è un difetto). L'abitacolo è la nuova frontiera delle esigenze familiari (e non solo), uno dei primi elementi sui quali ci si basa per giudicare la fruibilità di una macchina (seguito a ruota da infotainment e bagagliaio). E all'interno di questa franco-tedesca - ricordiamo che nel 2017 la Opel è stata rilevata dal gruppo PSA - la qualità percepita è molto alta: la plancia è pulita, con pochi tasti fisici, materiali di buona fattura, cuciture a vista e plastiche morbide al tatto. L'atmosfera generale è sobria, in pieno stile teutonico, tanto che si fatica a scorgere similitudini con la Peugeot 3008, modello con cui condivide la piattaforma. Al centro domina l'ormai immancabile sistema multimediale, in questo allestimento dotato di display touch da 8", che si rivela abbastanza intuitivo, anche se per utilizzare alcune funzioni costringe a distogliere spesso lo sguardo dalla strada. Accedere alla presa Usb e a quella da 12V richiede, invece, buone doti di contorsionismo: entrambe sono ricavate nel fondo di un pozzetto nel tunnel centrale (dove un tempo si trovava il posacenere, per capirci) che non offre molto spazio per la mano. Molto comodi e ben conformati, al contrario, i sedili anatomici, che permettono di effettuare lunghi viaggi senza affaticare la schiena. E che dire del 2.0 diesel da 177 CV? Il piacere di guida ringrazia gli ingegneri di Rüsselsheim: di coppia ce n'è in abbondanza e il motore risponde in maniera vigorosa e progressiva alle sollecitazioni dell'acceleratore anche grazie al riuscito matrimonio con l'automatico a 8 marce, che è molto reattivo e interpreta alla precisione le intenzioni del guidatore. Ottima l'insonorizzazione, anche alle andature autostradali, fatta eccezione per un minimo fruscio aerodinamico causato dagli specchietti retrovisori. L'assetto è confortevole, anche se un po' rigido sullo sconnesso, con uno sterzo sempre pronto e preciso. In generale, si ha sempre una sensazione di grande controllo. Sul fronte consumi, la Grandland si è rivelata un po' assetata: al termine del mio tragitto tra autostrada e tangenziale (168 km) il computer di bordo ha indicato una media 9,4 litri/100 km (circa 10,6 km/l). Roberto Barone, redazione Online 

2018-Opel-Grandland-X-3

Un matrimonio felice [Day 2]. A volte, sposarsi fa bene. Niente facili ironie: sto parlando di matrimoni automobilistici, naturalmente. Certo, quella tra il gruppo PSA e la Opel più che uno sposalizio può sembrare sia stato un ratto delle Sabine o una di quelle unioni alle quali non si poteva in alcun modo dire di no. Però, per il soggetto debole, i benefici ci sono stati. E sono tangibili, su questa Grandland X, un po’ da tutti i punti di vista: linea, interni, dotazioni. Insomma, il salto di qualità, rispetto ad altre Opel, si sente. Mentre non si avverte il rapporto di stretta parentela con la Peugeot 3008. Tutto bene, dunque? Quasi. Al volante, mi trovo a mio agio; anche se la mia esperienza con questa vettura si svolge solo in città, riesco ad apprezzare la prontezza del turbodiesel 2 litri, che permette di viaggiar nel traffico urbano con appena un filo di gas (e questo mi fa pensare, per l’ennesima volta, all’assurdità della campagna contro i motori a gasolio anche di ultima generazione intrapresa da molti dei nostri sindaci). È però proprio la marcia stop&go propria delle aree metropolitane che fa emergere quello che, per me, è un limite del cambio: se si affonda un po’ il piede sull’acceleratore, per esempio per sfruttare un varco libero nella circolazione tra un semaforo e l’altro, l’automatico scala inesorabilmente una marcia, e lo fa con un innesto un po’ brusco, interrompendo la fluidità della progressione. Pecca lieve, per carità, ma avvertibile in queste situazioni, non infrequenti nella guida cittadina. Secondo rilievo: finalmente l’estate è arrivata. E se, per rinfrescare l’abitacolo non appena saliti a bordo, si porta alla velocità massima il ventilatore, la sua rumorosità diventa eccessiva, direi fastidiosa. Un disagio che, in genere, dura poco, il tempo di riportare su livelli ragionevoli la temperatura interna della vettura, ma che è avvertibile. Infine, la radio DAB+: la ricezione non è impeccabile, talvolta si perde il segnale e questo, in mancanza di una funzione seamless che compensi il ritardo del segnale analogico, comporta la fastidiosa ripetizione di alcuni secondi del brano musicale in ascolto o delle frasi degli speaker. Emilio Deleidi, redazione Attualità e Inchieste

2018-Opel-Grandland-X-6a

Il diesel è azzeccato [Day 3]. Mi è piaciuta, la Opel Grandland X. Per la quantità di spazio che mette a disposizione in rapporto alla taglia, per le buone qualità del due litri turbodiesel abbinato al cambio automatico a otto marce. E per la facilità con cui può essere gestita anche su percorsi non autostradali. L’abitacolo è spazioso e accogliente e in quattro si può viaggiare davvero bene. Pure sul divano, infatti, non mancano i confort, con le bocchette di ventilazione orientabili, una presa Usb e una 220 V. Sì, l’ambiente è un po’ austero nello stile, anche se del tutto in linea con la tradizione della Casa. Ben studiato pure il posto guida, in quanto sull’esemplare del nostro “Diario” si può far conto su regolazioni ampie e comode (quella lombare elettrica, della cintura di sicurezza che scorre in altezza, quella continua dello schienale e la porzione anteriore del sedile che si muove per offrire un maggior sostegno per le gambe). Sedile che è più sagomato in basso che a livello spalle. Il turbodiesel non si fa sentire troppo ai bassi, in più lo Start&Stop riavvia il motore in modo rapido e privo di vibrazioni. Il due litri da 177 CV, ben dotato di coppia, è azzeccato per la Grandland X, con buona pace di chi, oggi, non può più vedere i diesel. Garantisce buone prestazioni alla Suv Opel ed è capace di un discreto allungo, solo a scapito dell’aumento della rumorosità (in autostrada, invece, gira basso e in sottofondo). Riuscito il matrimonio con il cambio automatico a otto marce, morbido in Drive, orientato a innestare in breve i rapporti più alti e reattivo a scalare col kick-down. Non ci sono paddle, poco male: difficile, in ogni caso, pensare di sfruttare spesso la modalità manuale, perché il selettore prevede la scalata all’indietro. La Grandland X non è sportiva, ma abbastanza agile nel traffico, dove fa valere lo sterzo piuttosto leggero e demoltiplicato. Andrea Stassano, redazione Autonotizie         

2018-Opel-Grandland-X-33

Con il Grip Control, se la cava alla grande [Day 4]. La prima cosa che mi diverte, già sul primo tratto di tangenziale, è quella specie di "effetto anguilla" del volante. Ormai la correzione dello sterzo non è una novità, ma questo movimento lento e forte della corona impugnata tra le mani, per come agisce su quest'auto in certe situazioni, mi fa pensare a quello. Molto utile per restare in carreggiata in caso di distrazione o per gli interventi da insegnante di scuola guida che allunga il braccio se l’allievo è poco pronto, però nella marcia su corsie parallele, con leggeri inevitabili "sconfinamenti", non me l’aspetto e mi sorprende sempre. Alla fine del primo viaggio, devo dire che la Grandland X mi ha davvero convinto per la piacevolezza di marcia e soprattutto per la capacità di assorbire tutto: in particolare, sui rallentatori, di quelli che di solito mi mandano a pezzi l’auto già a 30-40 all’ora, questa volta passo decisamente più veloce ed è come superare un gradino di un centimetro. La Grandland X non è certo una specialista dell’off-road, tanto è vero che non è prevista una versione 4x4, ma è dotata del Grip Control come la Peugeot 3008, e di fronte a un piazzale fangoso, pieno di buche piuttosto profonde e pozzanghere, gioco un po’ al fuoristrada con mia figlia undicenne. Tra schizzi d'acqua e curve al limite dell’aderenza, apprezzo la versatilità di questa macchina, che se la cava alla grande, con una notevole trazione e una positiva impressione di solidità. Devo dirlo: è la prima Opel che mi colpisce veramente da un po' di anni a questa parte (Adam e Corsa, di cui avevo scritto le prove su strada, sono apprezzabili nel loro genere, ma questa, semplicemente, mi prende di più). Mi sono piaciuti i sedili, comodi e ben fatti, con la parte interna di tessuto con cuciture a rombi e i fianchetti di ecopelle, regolabili elettricamente e persino riscaldabili, mentre quello che mi ha colpito di meno è il cruscotto: strumentazione su fondo nero un po' semplice e poco allegra, con un utile display tra i quadranti, mentre al centro della plancia c'è un funzionale touchscreen, tutto sommato "normale". Su motore e cambio confermo gli ottimi giudizi dei colleghi e spendo le ultime righe per il colore: molto bello, a mio parere, questo azzurro metallizzato, che si abbina benissimo al tetto nero. Andrea Sansovini, redazione Online

2018-Opel-Grandland-X-6c

Carica di tutto [Day 5]. Ho guidato la Grandland X durante il weekend, per una gita al lago con annesso movimento merci: non è stato un trasloco vero e proprio, ma un viaggio in cui ho dovuto trasportare degli scatoloni e diversi oggetti ingombranti. Partendo da Milano, la mia esperienza si è concentrata soprattutto sulla guida in autostrada e poi sulla Gardesana occidentale: frangenti, questi, in cui ho potuto apprezzare la fluidità e la progressione del propulsore, pronto a rispondere agli input con un’apprezzabile verve. Ma questo ve l’hanno già detto: dunque, preferisco concentrarmi sulle doti da “soma” della Suv di Rüsselsheim. Il portellone elettrico può essere aperto anche con il piede (basta passarlo sotto il paraurti con una certa decisione) e custodisce un bagagliaio di tutto rispetto: la capacità dichiarata varia dai 514 ai 1.652 litri a seconda della configurazione dello schienale frazionabile 60/40 e io, nel mio piccolo, li ho oggettivamente sfruttati tutti. Oltre ai suddetti scatoloni, nel vano sono riuscito a stipare agevolmente quattro grossi pacchi, un asse da stiro, due valigie e due poltroncine, con l’aggiunta di vari sacchi e sacchetti. Niente di trascendentale, certo, ma in tempi in cui le Suv sembrano strizzare l’occhio più all’immagine che alla sostanza, una capacità di questo tipo non va trascurata. Il piano di carico, poi, è regolabile in altezza e sono apprezzabili anche le leve che permettono di ribaltare gli schienali accedendo dal bagagliaio stesso, comode e pratiche. Completano il quadro la botola per sistemare i carichi passanti e vari ganci per il fissaggio di sporte e oggetti. Vale inoltre la pena di ricordare la notevole abitabilità posteriore, caratteristica che assieme alle succitate doti non fa che confermare la propensione della Grandland X per gli “affari di famiglia”. Concludo con un’ulteriore osservazione che nulla c’entra con lo spazio, ma che può forse interessare chi, come me, apprezza la tecnologia e i sistemi di assistenza alla guida: il lane keeping del pacchetto Opel Eye è, per l’appunto, un mantenimento della corsia e non un più sofisticato lane assist. Non pensate, quindi, che la Grandland segua perfettamente la traiettoria, perché il sistema si limita a correggere le deviazioni e a riportare la Suv in corsia quando le ruote iniziano a superare la segnaletica orizzontale. Occhi aperti, quindi, e mani sempre sul volante. Davide Comunello, redazione Prove su strada

Pic 67

Ecco, il Day5 è il sunto di quest'auto....per fare un weekend fuori città. Ed è in questi frangenti che si capisce l'indole di certe auto; ancor più lo sarà con C5 Aircross che ha i tre sedili posteriori identici (ottima soluzione anche per chi ha bimbi piccoli con seggiolini), ribaltabili e regolabili longitudinalmente (come "le migliori" monovolume) e sembra che abbia anche un volume (minimo) del bagagliaio superiore. Ribadisco che se non lo si leggesse da qualche parte, Grandland X, 3008 (5008), C5 Aircross e DS7 Crossback non si direbbe proprio che siano sorelle....al contrario di altre (sorelle).

COMMENTI

  • Ecco, il Day5 è il sunto di quest'auto....per fare un weekend fuori città. Ed è in questi frangenti che si capisce l'indole di certe auto; ancor più lo sarà con C5 Aircross che ha i tre sedili posteriori identici (ottima soluzione anche per chi ha bimbi piccoli con seggiolini), ribaltabili e regolabili longitudinalmente (come "le migliori" monovolume) e sembra che abbia anche un volume (minimo) del bagagliaio superiore. Ribadisco che se non lo si leggesse da qualche parte, Grandland X, 3008 (5008), C5 Aircross e DS7 Crossback non si direbbe proprio che siano sorelle....al contrario di altre (sorelle).
  • X LA REDAZIONE - Continuo a non ricevere risposta alle mie 4 richieste di quotazione a pagamento. Per cortesia ho bisogno della quotazione. Non ricevo neanche risposte scrivendo a contatti.
  • PER FAVORE ASPETTO UNA RISPOSTA A BREVE TERMINE, HO BISOGNO DELLA QUOTAZIONE. GRAZIE
  • BUONGIORNO, vediamo se usando questo modo riesco ad avere risposta, visto che i "contatti" di 4Ruote non rispondono. Ieri ho richiesto per ben 3 volte la quotazione a pagamento della mia auto, senza avere alcuna risposta. Mi serce la quotazione per ASSICURAZIONE, grazie. Vi prego di provvedere al più presto. Cordiali saluti.
  • ah, scusa pietro, non ho ricambiato il saluto. Ciao!
  • trovo la Opel g.l. molto riuscita esteticamente. tutto il trio psa-opel, nettamente superiore a quello Vag. pietro schiavio, puoi citare tutti i dati di vendita che ti pare, è un'argomentazione innegabile, quindi facile. Ma altrettanto oggettivamente tiguan, kodiaq e la seat che neanche ricordo come si chiama, sono 3 mattoni quadrati. la mia classifica personale comunque è c5 aircross, 3008, grand land. Anche paragonare citroen alla dacia, bond, mi pare una mezza trollata alla guidocarrette.
     Leggi risposte
  • Ad Andrea Stassano va il mio solito plauso per aver nel Day 3 sottolineato (purtroppo è il solo a farlo) l'assurda scelta di posizionare nella leva del cambio automatico il "più" in avanti e il "meno" indietro contravvenendo ad ogni elementare principio di ergonomia...... e nel Day 4 visto il suo apprezzamento cromatico, abbiamo forse scoperto la fede calcistica di Andrea Sansovini??? ..... (-_-)
  • Per PicPsa dicevo che Peugeot vende poco meno di Citroen sbagliando volevo dire poco meno di Peugeot non so se si sia mai avvicinata così alla rivale storica Renault sicuramente pic lo sa. Ovvio ora Renault ha anche la "rivale" in casa Dacia...quella si sta avvicinando alla rivale Citroen in PSA ma non ancora... In zona qui ci sono molto Tiguan full opt... vendite che vanno anche a discapito della premiumm di quel gruppo, per vedere che è falso che tutte le Tiguan siano 1600, che cmq vende bene, vedere le vendite di Tiguan 4x4 considerate su unrae. grandlandX sta per ora andando male, finalmente pare che anche in Italia Opel stia perdendo il suo "appeal"...in tutto il resto d'Europa l'ha perduto da tempo sia in patria inglese, con vaxull, che in Germania... Ripeto che però grandlandX si fa "guardare" fuori:-)
     Leggi risposte
  • A mio gusto la Opel meglio riuscita, una buona linea e che non presenta quel profilo cromato delle sorelle che fa tanto "vettura funebre", un cambio automatico all'altezza delle migliori concorrenti (L'Aisin AWF8), ed è una piacevole novità sia in casa Opel che PSA notoriamente arretrate su questo aspetto. .... e a proposito delle similitudini con PSA, vista la mia idiosincrasia per l'icockpit Peugeot, dovendo scegliere un'auto di questo tipo preferisco senza ombra di dubbio la Grandland alla 3008.
     Leggi risposte
  • Credo che nel gruppo PSA alla Opel sia stato affidato il compito di attirare una clientela piu' "matura" e credo che tutti i modelli attualmente a listino del gruppo tedesco (Adam esclusa) siano in linea con questa filosofia.
     Leggi risposte
  • leggi tutto

    FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19457/poster_020.jpg Opel GrandLand X: ecco come va su strada! http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/opel-grandland-x-ecco-come-va-su-strada- Première
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19365/poster_eb11941d-98e0-42c4-8f1a-9273e15dd2fd.jpg Grandland X: la nuova Suv di Opel a Francoforte http://tv.quattroruote.it/news/video/grandland-x-la-nuova-suv-di-opel-a-francoforte News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19357/poster_6ed14747-a318-4ddc-944f-4a73f46852f8.jpg Opel Grandland X: a Francoforte l'abbiamo guardata da vicino - LIVE http://tv.quattroruote.it/eventi/francoforte-2017/video/opel-grandland-x-a-francoforte-l-abbiamo-guardata-da-vicino-live Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20900/poster_001.jpg Le Ferrari Monza SP1 e SP2 http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/le-ferrari-monza-sp1-e-sp2 Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20898/poster_001.jpg La nuova Audi e-tron vista da vicino http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/audi-e-tron-mp4 Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20894/poster_003.jpg Quattroruote Street Show 2018: ecco com'è andata! http://tv.quattroruote.it/eventi/video/streetshow-2018-def-mp4 Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20890/poster_007.jpg Al volante della nuova Jeep Cherokee http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/premiere-jeep-cherokee-mp4 Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20874/Fiat 500X.JPG Abbiamo guidato la nuova Fiat 500X http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/premiere-500x-mp4 Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20801/poster_002.jpg Incredibile: un milione di pezzi LEGO per la Bugatti Chiron marciante! http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/incredibile-un-milioni-di-pezzi-lego-per-la-bugatti-chiron-marciante Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20800/poster_def508de-48d4-4d5f-baef-0a46aa18c652.jpg Quattroruote di settembre vi aspetta in edicola http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/quattroruote-di-settembre-vi-aspetta-in-edicola Mondo Q

    RIVISTE E ABBONAMENTI

    Il nuovo numero di Quattroruote vi aspetta in edicola e in edizione digitaleUn appuntamento da non perdere, che vede il proprio punto di forza nelle prove su strada, impreziosite da analisi ancora più approfondite su prestazioni, dotazioni tecnologiche e confort delle auto e personalizzate per i diversi modelli.

    Quattroruote

    Abbonati a Quattroruote!

    Sconti fino al 41%!

    SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

    UTILITÀ

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    Scarica la prova completa in versione PDF

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!
    Seleziona
    • Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ALPINA-BMW
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CHRYSLER
    • CITROEN
    • CORVETTE
    • DACIA
    • DAEWOO
    • DAIHATSU
    • DALLARA
    • DODGE
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • GREAT WALL
    • HONDA
    • HUMMER
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • INNOCENTI
    • IVECO
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MAHINDRA
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MERCEDES
    • MG
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROVER
    • SAAB
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TATA
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Seleziona
    • Seleziona