Diario di bordo

BMW X1
Una settimana con la xDrive20d

BMW X1
Una settimana con la xDrive20d
Chiudi

Protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la BMW X1 nella versione xDrive20d, quindi dotata di trazione integrale e spinta dal 2.0 litri turbodiesel da 190 CV della Casa. Parliamo di una Suv di dimensioni medie, lunga 4,45 metri, larga 1,82 e alta 1,60, recentemente aggiornata con un restyling che ha introdotto lievi ritocchi al design, un impianto infotainment più moderno, nuovi proiettori e gruppi posteriori a Led. Invariata è la capienza del bagagliaio: 505 litri. In questa configurazione, la sport utility dell’Elica dichiara uno scatto da 0 a 100 km/h in 7,8 secondi, una velocità massima di 219 km/h e consumi pari a 4,7 l/100 km, mentre le emissioni di CO2 si attestano su 123 g/km. Il listino della X1 xDrive20d parte da 43.200 euro, che diventano 48.500 per la versione X-Line, base di partenza dell’esemplare del Diario. La sua dotazione comprende i fari full Led adattivi, i cerchi di lega da 18" con disegno a Y, la finitura bicolore, gli interni in pelle Dakota traforata, il tetto panoramico, le sospensioni adattive, il cambio automatico con taratura sportiva, le regolazioni elettriche dei sedili, l'head-up display, il touch screen da 10,25" con il supporto per con Apple CarPlay (ma non per Android Auto), la ricarica wireless per lo smartphone e i servizi Connected Drive. Sul fronte degli ausili elettronici per la guida, poi, troviamo l'ausilio al parcheggio, la retrocamera, il cruise control con funzione stop&go, l’assistenza alla guida in colonna (fino a 60 km/h), l’avviso di abbandono della corsia di marcia, la frenata d’emergenza con il riconoscimento dei pedoni e la lettura dei limiti di velocità.

2019-bmw-x1-diario-15

Bella pescata [Day 1]. Se le auto fossero delle carte da gioco, la BMW X1 potrebbe fare il jolly. Non solo si è reinventata, passando da uno schema a trazione posteriore a uno anteriore (ferma restando l’opzione xDrive, cioè l'integrale), ma soprattutto, come si dice nel calcio, sa interpretare più ruoli. Specialmente questa xDrive20d, che ben si comporta nei viaggi come nel quotidiano. Il bagagliaio è modulabile, grazie al doppio fondo e alle sedute posteriori che possono scorrere in avanti di 13 cm: in tutto sono 505 litri, non male considerata la taglia del mezzo e le forme slanciate della carrozzeria. Detto questo, io ho apprezzato soprattutto la versatilità del motore, che fa della X1 una macina-chilometri confortevole e silenziosa, ma che allo stesso tempo mette un po' di brio nel day by day. Mentre affronto il traffico per raggiungere casa, il turbodiesel serve i suoi 190 CV e 400 Nm al piede destro con prontezza: insomma, si fa sentire, anche con il vocione che affiora non appena accelero. Non solo: l'unità lavora in perfetta sintonia con il cambio automatico a otto rapporti dotato paddles al volante, metronomo di una guida spigliata alla quale si allineano pure lo sterzo (piuttosto reattivo) e l’assetto (granitico, specialmente in Sport). Il tutto senza grosse pecche da mettere sulla bilancia: anche sul fronte del consumo, infatti, il centinaio di chilometri che ho percorso (perlopiù in una tangenziale trafficata) si è concluso con l'indicatore a quota 13,5 km/l, una media interessante. L'assetto, tarato per garantire la compostezza del mezzo, sente un po' gli ostacoli più secchi e brevi, ma basta sfruttare la regolazione adattiva per trovare un confortevole compromesso. Anche perché l'abbinamento gomma-cerchio non è dei più estremi: 225/50 R18. Luca Cereda, redazione Online.

2019-bmw-x1-diario-14

Cavalli d'oggi [Day 2]. Devo stare attento. È la prima cosa che mi viene in mente quando, preso da poco possesso di questa X1, m’immetto su una delle tangenziali milanesi e schiaccio a fondo l’acceleratore per infilarmi nel traffico, impietoso coi nuovi arrivati. Devo stare attento perché questa è una di quelle auto con le quali è facile giocarsi in un attimo la patente. Intendiamoci: una volta, e neppure tanto tempo fa, 190 CV erano un dato da sportiva di rango. Adesso te li ritrovi su di una Suv, a gasolio e non al vertice della gamma (sopra di lei ci sarebbe la 25d, da 231 CV). Ma vanno comunque trattati con rispetto, perché questo quattro cilindri, che si fa un po’ sentire alle basse andature, appena glielo chiedi sfodera tutto il suo bel carattere, garantito dalla generosità della coppia (400 Nm già a 1.750 giri/min). Se poi selezioni l’opzione Sport, le otto marce dell’automatico si sgranano in rapida sequenza, proiettandoti a velocità che, se proprio non sono smodate (Ludicrous, nel linguaggio caro a Musk), bastano e avanzano per metterti nei guai con il Codice della strada. Il tutto, mentre sei comodamente seduto in alto ma non troppo, come si conviene a una BMW, in una posizione che ti garantisce controllo della strada e, al tempo stesso, assicura un buon confort; e con un corpo vettura rialzato, ma che non rolla come una barca a vela nelle rotonde, vizio assai diffuso tra certe Suv assai inclini alla morbidezza. Non ho avuto l'occasione di apprezzare la trazione integrale di questa versione xDrive: in condizioni normali, infatti, la sua presenza è impercettibile. Però sono sicuro che al momento opportuno, qualora servisse, il surplus di motricità non verrebbe a mancare. Emilio Deleidi, redazione Inchieste

2019-BMW-X1

Concreta e piacevole [Day 3]. Ingresso gamma, ma non troppo. Nelle logiche dell’Elica, più è alto il numero e più l’auto è esclusiva. Nel mondo delle Suv, però, non è proprio così. La X1 di precedente generazione era il modello entry level delle ruote alte di Monaco, ma con l’arrivo della X2 la Suv si è riposizionata un po’ più in alto, più dal punto di vista dimensionale che per i prezzi. Più lunga di otto centimetri rispetto alla X2, la X1 si presenta con un animo razionale, fatto di scelte un po’ atipiche per la Casa tedesca. Con questa Suv, Monaco ha voluto puntare sulla concretezza e sulla praticità, senza però snaturare il piacere di guida tipico dell’Elica. Il pianale, come noto, è l’Ukl, l’Untere Klasse per dirla alla tedesca, cioè la base per tutte le auto d’ingresso gamma del gruppo, come le varie Mini e la nuova Serie 1. Ciò si traduce, oltre che in una trazione anteriore o integrale, anche in un buon equilibrio tra dinamicità e confort. A differenza della prima generazione, sull’ultima X1 a prevalere è sicuramente il confort di marcia: la seduta è alta, sia da terra, sia dal pavimento, mentre la posizione di guida è da vera Suv, con le gambe piegate. La visibilità anteriore è buona, ma avrei però preferito un sedile più comodo: per i miei gusti, infatti, lo schienale ha un’imbottitura molto rigida, non il massimo quando si devono affrontare dei viaggi che vanno oltre gli spostamenti quotidiani. Nei fuoriporta, comunque, emerge il suono ovattato del quattro cilindri turbodiesel e si può apprezzare l’assetto ben bilanciato: in curva, il rollio è contenuto e solo quando si incappa in buche profonde ci si trova a desiderare un anteriore più morbido. Mirco Magni, redazione Internet

2019-bmw-x1-diario-63

Ad ampio spettro [Day 4]. Della BMW X1 apprezzo molto lo spazio quasi da monolocale, in particolare sopra la testa. Al posto guida sono seduto a 60 cm da terra, anche se la sensazione, in posizione “fine corsa”, è quella di stare un po’ più in basso. E più in basso possibile regolo la seduta perché, sulla Suv media bavarese, l’impostazione di base induce a guidare col busto piuttosto eretto, le ginocchia piegate (121°) e il volante un po’ inclinato: normale, questa non è la Serie 3, dove il suddetto angolo sale a 129. Ciò non impedisce, comunque, di potersi togliersi delle soddisfazioni al volante, anche se la X1 – la nostra è la xDrive20d – nasce con un’evidente vocazione da famiglia. E il perché è presto detto: il matrimonio riuscito tra il 2.0 turbodiesel da 190 CV e il cambio automatico a otto marce, combinato alle sospensioni a controllo elettronico. Il “190 CV” è molto vivace (e un po’ ruvido ai bassi): basta affondare il piede destro per accorgersene, anche se tra la modalità Comfort e quella Sport c’è una bella differenza in fatto di risposta. Così, si possono realizzare scatti interessanti, con buon margine pure a pieno carico. L’automatico, poi, lavora molto bene sia in Drive, in cui il passaggio di marcia è privo di trascinamenti, sia in manuale, sfruttando paddle ben dimensionati: se poi proprio si vuole utilizzare il selettore, si scoprirà che la scalata è predisposta correttamente in avanti (peccato solo che sia assente la funzione Auto hold). In marcia, grazie alla generosa superficie vetrata, la visuale è buona, anche sul trequarti posteriore: una bella mano in città. Quando invece si vuole alzare il ritmo, ci si accorge che la X1 risponde prontamente ai comandi, è agile quanto basta, curva bene e con poco rollio. E in Sport non diventa mai troppo rigida, anche per merito della gommatura con spalla 50, non molto sportiva. Andrea Stassano, redazione Autonotizie

2019-bmw-x1-diario-50

Nuovo schema, tattica vincente [Day 5]. Mettendomi al volante della X1 non posso che ricordare la mia perplessità suscitata dalla transizione dal modello precedente, l’originale crossover basata sulla meccanica della Serie 3, all’attuale, che nasconde sotto le linee da Suv la piattaforma UKL2 con motore trasversale, la stessa delle Mini Countryman. Da appassionato di tecnica e di guida, il passaggio da uno schema con motore longitudinale e trazione posteriore o integrale a quello, più semplice e comune, “tutto avanti” con motopropulsore disposto trasversalmente mi è dispiaciuto un po’: la X1 ha così perso una parte importante della sua personalità ed è diventata, diciamo così, più normale. Lo stesso percorso che, più recentemente, ha compiuto la Serie 1. Per fortuna della BMW, queste cose interessano ormai a una sparuta minoranza di automobilisti e le accese discussioni che popolano i forum di appassionati non si riverberano sulle vendite, anzi. E, per confermare il gradimento dei clienti per questa svolta tecnica, parlano i numeri, che fonti della Casa definiscono “assai soddisfacenti”. Ma non solo: se nella prima X1 l’80% delle consegne era con trazione integrale e il resto solo posteriore, nella nuova la situazione si è ribaltata, segno che per gli automobilisti la trazione anteriore è più rassicurante della posteriore. Del resto, è ragionevole ipotizzare che la maggior parte dei possessori della Suv compatta di Monaco provenga da vetture di pari schema tecnico, cui siamo ormai abituati da molti anni. E pazienza se i controlli elettronici delle auto moderne sono così sofisticati da annullare, volendo, le differenze fra trazione anteriore o posteriore. Guidando la X1, viene naturale pensare che alla BMW abbiano ragione: la macchina è sempre facile e sicura e, per essere una Suv, ha pure un buon piglio nelle curve, mantenendo nel contempo un confort e una qualità di marcia apprezzabili, grazie alle doti del motore, che è silenzioso, pronto e ben in accordo con il cambio automatico. Roberto Boni, redazione Prove/tecnica.

COMMENTI

  • Si è dovuto aspettare il giorno 5, per dire che la guida non è più come con la X1 a trazione posteriore. Oggi la X1 di è standardizzata. Inoltre, da quote percentuali di vendita delle due generazioni di X1, si evince come le case automobilistiche manipolino le scelte dei consumatori. Per me rimane una buona auto, come tante altre, che dovrebbe costare 10.000€ in meno, e sempre per me, senza contenuti da cosiddette auto premium, se non per il prezzo.
     Leggi risposte
  • Vorrei solo un piccolo chiarimento: Luca Cereda (Day 1) dice che il motore ha un "vocione", Mirco Magni (Day 3) dice che il rumore del motore emerge "ovattato" ed infine Roberto Boni (Day 5) dice che il motore è silenzioso. Qual è quella giusta? Capisco che ognuno abbia le proprie opinioni (ed il "diario di bordo" dovrebbe servire proprio a far emergere queste differenze), ma non mi aspettavo certo giudizi così distanti!
  • Possiedo da un paio d'anni una X1 Xdrive 18d versione Msport con cambio automatico; in questa versione l'assetto è ribassato di 1 cm e quando viaggio in configurazione "sport" è veloce e ben piantata a terra (in rapporto ad un "SAV", come li chiama BMW). Prima di questa avevo una X3 E83 (prima versione) con il 177 cv e, devo dire che la differenza è minima (si sente un po la mancanza di qualche cv in più negli allunghi a velocità sostenuta). Nell'interno ottimi i sedili sportivi Msport in alcantara e ben curato l'interno, lo spazio a disposizione è superiore rispetto alla X3 (cambiando la disposizione meccanica del motore si sta più comodi e io solo alto 1,90), notevoli i fari a led. Qualche dettaglio non mi convince tipo il climatizzatore con la scala a 1 grado invece del 0,5 gradi che avevo sulla X3, il copri baule posteriore potrebbe essere fatto meglio e, specialmente in inverno il portellone posteriore è rumoroso nei sobbalzi
  • Dopo una XC60, quella si con un bel 5 cilindri che ti faceva venir voglia di abbassare il finestrino per sentirlo, il peccato commesso nel'acquisto di una Mini Clubman (scomodissima, rumorosa insomma pessima esperienza anche perchè costa troppo ) da un anno esatto ho una X1 xdrive 18d. Motore fluido forse meno aggressiva del 20d ma assolutamente in linea con le mie aspettative ed esigenze anche perchè ha una bella coppia. Non noto rumorosità meccanica e il motore non si fa sentire troppo. Auto super confortevole nei lunghi viaggi quindi per me top.Sono meno d'accordo sulla prontezza dello sterzo ma comunque è un'auto alta e ci può stare. Grande difetto per me sono tutte queste parti in nero lucido degli interni che si rigano ancora prima di immatricolarla e alla lunga sanno di invecchiato male. Non ti puoi permettere di appoggiare male un mazzo di chiavi o lanciare (si fa per dire) un cellulare che se tocchi le parti nere lucide rimane il segno o la riga. Per il resto la consiglierei assolutamente. Ora la spremo almeno per i prossimi 4 anni e poi penserò ad un ibrido magari sempre in casa BMW
  • Dopo una XC60, quella si con un bel 5 cilindri che ti faceva venir voglia di abbassare il finestrino per sentirlo, il peccato commesso nel'acquisto di una Mini Clubman (scomodissima, rumorosa insomma pessima esperienza anche perchè costa troppo ) da un anno esatto ho una X1 xdrive 18d. Motore fluido forse meno aggressiva del 20d ma assolutamente in liena con le mie aspettative ed esigenze anche perchè ha una bella coppia. Non noto rumorosità meccanica e il motore non si fa sentire troppo. Auto super confortevole nei linghi viaggi quindi per me top.Sono meno d'accordo sulla prontezza dello sterzo ma comunque è un'auto alta e ci può stare. Grande difetto per me sono tutte queste parti in nero lucido degli interni che si rigano ancora prima di immatricolarla e alla lunga sanno di invecchiato male. Non ti puoi permettere di appoggiare male un mazzo di chiavi o lanciare (si fa per dire) un cellulare che se tocchi le parti nere lucide rimane il segno o la riga. Per il resto la consiglierei assolutamente. Ora la spremo almeno per i prossimi 4 anni e poi penserò ad un ibrido magari sempre in casa BMW
  • il motore 4 cilindri 2.0d ebbi modo di provarlo sulla precedente versione, oltre che rumoroso ha un timbro sonoro tutt'altro che piacevole. Per il resto credo che la scelta di BMW di condividere sulla serie 1 la piattaforma a meccanica trasversale con la Mini, sia stata in qualche modo obbligata al fine di far sopravvivere entrambe le linee di modelli, in definitiva hanno copiato la filosofia già usata dai concorrenti Mercedes ed Audi ed è probabilmente anche frutto, oltre che economico, anche della considerazione che in questa fascia di mercato la "clientela tipo" non è in grado di distinguere la differenza.....
     Leggi risposte
  • anche io preferivo la vecchia con i fari rotondi le ruote rotonde e il volante rotondo. 😘 in attesa del papp
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22230/X1.jpg BMW X1 Restyling 2020: nuovo design e Plug-In, ma dentro.. http://tv.quattroruote.it/eventi/francoforte-2019/video/bmw-x1-restyling-2020-nuovo-design-e-plug-in-ma-dentro- Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/16614/poster_013.jpg Nuova BMW X1: la prova di Paolo Massai http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/nuova-bmw-x1-la-prova-di-paolo-massai Prove su strada
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/16332/poster_001.jpg Scopriamo la BMW X1 con Paolo Massai a Francoforte http://tv.quattroruote.it/eventi/francoforte-2015/video/scopriamo-la-bmw-x1-con-paolo-massai-a-francoforte Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22604/THUMB GOLF.jpg Nuova Volkswagen GOLF 8, ecco come va! http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/nuova-vw-golf-8-la-prova-in-anteprima-quattroruote Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22600/THUMB DEFENDER.jpg Land Rover Defender: ecco come va http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/land-rover-defender-ecco-come-va Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22588/race party.jpg Honda Thanks Day: una giornata tra i tifosi a Motegi (Giappone) http://tv.quattroruote.it/mondo-q/mondo-auto/video/honda-thanks-day-una-giornata-tra-i-tifosi-a-motegi-giappone Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22575/ARS6029.jpg Audi RS6: il test esclusivo della power wagon di Ingolstadt http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/audi-rs6-il-test-esclusivo-della-power-wagon-di-ingolstadt Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22556/Thumb 208.jpg Peugeot 208, è davvero la segmento B più avanzata? La prova definitiva http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/peugeot-208-la-segmento-b-pi-avanzata-la-prova-definitiva Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22553/thumb massai.jpg Mazda3 con Skyactiv-X: la prova di Paolo Massai http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/mazda3-con-skyactiv-x-la-prova-di-paolo-massai Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22550/poster_c4c18756-bb98-4bc5-ae7a-cb25849ec752.jpg Quattroruote di dicembre vi aspetta in edicola http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/quattroruote-di-dicembre-vi-aspetta-in-edicola1 Mondo Q

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca