Tesla - Musk, svolta open source: "I nostri brevetti aperti a tutti" - Quattroruote.it
Eco news

Tesla
Musk, svolta open source: "I nostri brevetti aperti a tutti"

Tesla
Musk, svolta open source: "I nostri brevetti aperti a tutti"
Chiudi

La Model S come Linux, Android e Firefox. Open source, con l'obiettivo di "far progredire la tecnologia elettrica". Da ieri, il "muro" che custodiva gelosamente i brevetti della Tesla Motors è stato abbattuto. Lo ha voluto lo stesso Ceo Elon Musk, convinto che percorrere la strada del futuro lasciando dietro di sé delle "mine di proprietà intellettuale" sia l'esatto contrario di ciò che serve allo sviluppo del trasporto sostenibile.

Tecnologia a disposizione. "Tutti i nostri brevetti vi appartengono". Il titolo della comunicazione della Casa di Palo Alto, inoltrata ieri, non poteva essere più chiaro. Basta cause contro chi - in buona fede - vuole utilizzare la tecnologia Tesla: "Quando ho aperto la mia prima società, Zip2 - spiega Musk - pensavo che i brevetti fossero una buona cosa. Forse lo erano molto tempo fa, ma oggi servono solamente a soffocare il progresso, rafforzare le posizioni delle grandi aziende e ad arricchire le professioni legali piuttosto che i veri inventori". Ma il ragionamento va oltre la filosofia.

La concorrenza. "Alla Tesla - continua Musk - ci sentivamo costretti a registrare brevetti: temevamo che le grandi Case potessero copiare la nostra tecnologia, schiacciandoci con la produzione di massa e la loro forza nel marketing e nelle vendite. Ci sbagliavamo alla grande e oggi la realtà dice esattamente il contrario: i programmi elettrici dei principali Costruttori sono piccoli o inesistenti, e in media rappresentano meno dell'un per cento delle loro vendite. Al massimo, oggi le grandi Case producono elettriche con autonomia e numeri limitati”. Insomma, ragiona il Ceo, il mercato a emissioni zero è ancora "enorme" e c'è spazio per tutti: "Il nostro vero competitor non è lo sgocciolio di elettriche che non sono Tesla, ma l'enorme alluvione di auto a benzina che ogni giorno escono dalle fabbriche”.

Più forti con l'open source. L'idea di Musk è che tutti (Tesla, le altre Case elettriche e persino il "mondo” intero) potrebbero trarre grandi benefici da una “piattaforma tecnologica comune”, in grado di crescere velocemente. “La leadership tecnologica non si ottiene con i brevetti, ma con la capacità di attirare e motivare i migliori ingegneri del mondo. E la filosofia open source ci rafforzerà invece che indebolirci”. Una conclusione perfetta per un uomo che ha trovato la strada del successo nuotando controcorrente. E che ora potrebbe imprimere una nuova svolta al mercato green. 

Davide Comunello



COMMENTI

  • glass climbing per un progetto destinato al flop, malgrado la lobby del nucleare
     Leggi risposte
  • Secondo me fra 5 anni l' intero settore sarà cambiato. Pensate quante emissioni ci potremmo risparmiarci in Italia con macchine EV!!
     Leggi risposte
  • Auspico davvero che il futuro elettrico sia più vicino con questa mossa da parte di Tesla. Il problema dell'inquinamento resta comunque, l'elettricità la si deve produrre e con le tecnologie attuali una produzione di elettricità in grandi quantità ad impatto zero purtroppo non esiste!!! Spero per i miei figli che si vada nella direzione giusta.
     Leggi risposte
  • Per favore date più attenzione alla Tesla e a Elon Musk. Questa casa automobilistica sta cambiando il mondo. Spero che anche noi in Italia ci svegliamo!!
  • Questa è l'America che ci piace. Chapeau!
  • Tanto di cappello!