Tutto ciò che serve per muoversi agilmente in città: dalle biciclette elettriche agli scooter, dai monopattini ai mezzi in sharing. Quattroruote e Dueruote uniscono le proprie competenze per offrire una guida alla mobilità urbana nell’era post-Covid.

Eco news

Ciclabili
Quel pasticcio di via Tuscolana

Ciclabili
Quel pasticcio di via Tuscolana
Chiudi

Mobilità sostenibile, ma non molto sicura. Lo scorso maggio, il Comune di Roma ha dato il via a un piano straordinario per la realizzazione di 150 chilometri di nuove bike lane transitorie, promuovendo così la mobilità dolce in questi mesi di convivenza con il coronavirus in cui è preferibile non utilizzare i mezzi pubblici. Tra le nuove ciclabili è previsto il prolungamento fino al quartiere San Giovanni della ciclovia Tuscolana, realizzata tra il 2018 e il 2019: un percorso non proprio temporaneo, essendo già stati previsti nel piano urbano per la mobilità sostenibile (Pums) del 2019 ben 2,4 km di corsia destinata ai velocipedi, dal Quadraro alla stazione Tuscolana.

Nessun divisorio. Le novità, semmai, sono rappresentate dall’ulteriore prosecuzione fino a Largo Brindisi e, soprattutto, dall’adozione di una pista "light", approfittando delle disposizioni del decreto Rilancio che, oltre a stanziare 40 milioni di euro (in seguito saliti a 137) per tali opere, prevedono la possibilità di realizzare corsie ciclabili, in sostanza delimitate da sole strisce di vernice. Finora, il nuovo percorso ha fatto emergere non pochi problemi in termini di viabilità e, soprattutto, di sicurezza. Per le bici, ma anche per le stesse automobili e i pedoni.

ciclabili-via-tuscolana-san-giovanni-02

Possibilità d’invasione. Alcuni tra i maggiori pericoli arrivano proprio dal primo segmento della nuova bike lane, lungo la celebre salita del Quadraro. Dalla fermata della metro A di Porta Furba all’arco di Sisto V, lo spazio destinato alle auto delle due carreggiate risulta ora ridotto, ma non abbastanza da scoraggiare i veicoli a disporsi comunque su due corsie: quelle più a destra potrebbero quindi invadere la ciclabile (delimitata solo dalla vernice) per evitare collisioni con i veicoli a sinistra. A creare ulteriore confusione c’è il rilievo delle strisce discontinue che, sebbene cancellate, danno l’impressione di essere ancora lì.

ciclabili-via-tuscolana-san-giovanni-03

Acquedotto (poco) Felice. In direzione centro, il problema sorge quando, nel tratto di cui si discute, è necessario curvare a destra: qui, infatti, le vetture tendono a chiudere la traiettoria invadendo la bike lane, come dimostra l’immagine sopra riportata. Non è finita: al termine della curva, una corsia di immissione, proveniente da destra, confluisce nella carreggiata. In condizioni di scarsa visibilità, i veicoli in arrivo, non obbligati a fermarsi, ma a dare precedenza, rischiano di investire le bici in transito. Un problema analogo avviene nella direzione contraria, dalla parte opposta dell’acquedotto Felice che separa in quel punto le due carreggiate di via Tuscolana, dove le auto provenienti da via Demetriade confluiscono nel bel mezzo di una curva a sinistra, anche in questo caso con il solo obbligo di dare precedenza.

ciclabili-via-tuscolana-san-giovanni-04

Una sola direzione. Dopo l’arco di Sisto V, alla cui destra è presente un improbabile cartello (visibile nella foto qui sopra) che segna la fine del percorso ciclabile, sorge un altro problema. Lo stesso percorso, infatti, prosegue verso il centro senza una corrispondente corsia in direzione opposta: nel momento in cui scriviamo, quest'ultima non è stata ancora realizzata se non all’altezza della stazione Tuscolana, come vedremo. Proprio per questo, diversi ciclisti diretti verso Cinecittà percorrono la bike lane contromano: un comportamento contrario al codice della Strada (la stessa definizione di corsia ciclabile parla espressamente di "circolazione…nello stesso senso di marcia degli altri veicoli") e al buonsenso. Ciò potrebbe spingere alcuni utenti ad allargarsi all’improvviso verso le auto, essendo la corsia troppo stretta per la circolazione di due velocipedi in parallelo. Parliamo di bici per comodità, ma non manca la presenza di numerosi monopattini elettrici, il cui uso disinvolto sta facendo emergere alcune criticità.

ciclabili-via-tuscolana-san-giovanni-05

Spartitraffico naturali. Fino all’ingresso del centro sportivo della Banca d’Italia, la ciclabile è separata dal resto della strada dalle auto parcheggiate in parallelo, a cui sono stati riservati nuovi posteggi. Questa soluzione, pur facendo felici gli automobilisti della zona che temevano una riduzione dei parcheggi, ha reso ancor più esiguo che altrove lo spazio della carreggiata riservato ai veicoli. Il problema è in particolare sentito fino all’incrocio con via di Porta Furba, prima del quale le vetture possono marciare disponendosi in una sola corsia per senso di marcia: basta un’auto in panne per bloccare tutto. Qui, peraltro, circolano durante il giorno numerose ambulanze da e per l’ospedale Vannini del vicino quartiere di Torpignattara, i cui movimenti potrebbero essere ostacolati dal restringimento della strada. Anche per questo Monica Lozzi, presidente del Municipio VII, ha fatto sapere che i nuovi parcheggi potrebbero essere eliminati per agevolare la viabilità, essendo già presenti dei posti auto tra le due carreggiate.

ciclabili-via-tuscolana-san-giovanni-06

Problemi di parcheggio. I posti auto sono stati invece ridotti all’Appio, tra piazza Santa Maria Ausiliatrice e il ponte ferroviario della stazione Tuscolana, dove il percorso della ciclabile è finora arrivato. Nel tratto interessato sono stati eliminati i posti auto a spina, sostituiti da quelli in parallelo, che, insieme ai cassonetti, separano di fatto la corsia ciclabile dal resto della strada. Il tutto appare ora più ordinato, ma il percorso per le biciclette diventa meno lineare, imponendo ai ciclisti alcuni "slalom" lungo la corsia. Quella delle auto parcheggiate sulla ciclabile è una vecchia storia, che già aveva interessato (e interessa ancora) il tratto originario della ciclovia, quello tra piazza di Cinecittà e il Quadraro, in corrispondenza di bar, farmacie e altre attività.

ciclabili-via-tuscolana-san-giovanni-07

I pedoni. Più preoccupanti, tuttavia, sono le auto parcheggiate sulle nuove aree di attesa del bus, verniciate sulla strada a ridosso della corsia ciclabile e, in effetti, facilmente scambiabili per posti auto, come testimonia la foto qui sopra. La loro presenza potrebbe costringere gli utenti ad attendere il mezzo dell’Atac al centro della strada, rischiando di essere investiti dai veicoli in transito. Una possibile soluzione, auspichiamo noi, potrebbe arrivare dall’impiego di pedane rialzate, come quella già adottata in via Gallia, facilmente removibile e installabile altrove, qualora non più necessaria. Del resto, il Municipio ha già fatto sapere di voler mettere a disposizione per la messa in sicurezza della nuova ciclovia il milione di euro stanziato prima del lockdown in previsione del prolungamento del percorso. Una somma poi risparmiata accedendo ai fondi messi sul piatto dal governo per le nuove bike lane.

ciclabili-via-tuscolana-san-giovanni-08

Vernice fresca. I soldi, aggiungiamo, saranno necessari anche per adeguare i nuovi segmenti di percorso nel frattempo realizzati. Del resto, proprio mentre scriviamo, è in corso il completamento della ciclabile fino alla stazione Tuscolana. Non solo: sullo stesso segmento, come accennavamo, si sta procedendo anche alla realizzazione della corsia opposta, al momento fino all’incrocio con via Veturia.

ciclabili-via-tuscolana-san-giovanni-09

Troppo stretta. Anche nel nuovo tratto non mancano i problemi, specie in direzione centro, subito dopo il ponte ferroviario: qui la bike lane segue la corsia di immissione delle auto dirette a destra, stringendosi in alcuni punti fino a un minimo di circa 60 cm (da noi stessi misurati al suo interno). Non solo: subito dopo il semaforo, quando vetture e bici svoltano a destra in via Monselice, c’è il rischio che le prime travolgano le seconde stringendo troppo la curva, dove peraltro la corsia per la mobilità dolce misura solo 80 cm. Un’ipotesi, anche questa, tutt’altro che irrealistica, come testimonia la foto qui sopra. È bene prestare attenzione, in attesa di auspicabili adeguamenti.

COMMENTI

  • Conosco quel percorso...lo percorr(evo) per recarmi al lavoro quotidianamente prima del lockdown e le problematiche segnalate sono reali...Sono terrorizzato al pensiero di quando tornerò al lavoro fisicamente perchè il traffico era veramente congestionato già prima che questo tracciato venisse ristretto...
  • attenzione attenzione! Genova è bloccata, autostrade chiuse e una orografia che la vede tutta in salita/discesa, e hanno riempito di assurde piste ciclabili la città, hanno rovinato il lungomare le auto son bloccate e vanno a passo d'uomo. E le piste ciclabili sono inutilizzate. La piantiamo con ste scemenze????
     Leggi risposte
  • ma davvero su 4R si parla di una parte di una pista ciclabile di una (UNA) città italiana?
  • Questo articolo somiglia tanto ai "clamorosi" servizi di Jimmy Ghione di Striscia, ergo, tanto rumore per poi denunciare problemi piccoli, amplificati però ad arte giusto per fare audience. Qui dal titolo si evincerebbe un disastro di proporzioni bibliche, invece si tratta di piccoli dettagli ancora da sistemare. ......... Come ho già scritto per un analogo articolo su Milano, fare le ciclabili non è facile in delle città non pensate in origine per questo, a Roma poi parliamo della storia plurimillenaria, ma ormai la loro realizzazione è divenuta una necessita improcrastinabile per la mobilità, criticare da una scrivania è facile, ma chi governa queste grandi metropoli deve affrontare problemi complessi da risolvere, spesso scontrandosi con poteri (o potentati) la cui intoccabilità è incancrenita da decenni di lassismo e clientelismo di certa politica purtroppo ben nota........ Detto più in soldoni, certi toni "tranchant" bisognerebbe usarli per le cose che non si fanno (e ce ne sono tante) e non per quelle fatte ma che presentano leggere criticità.....
     Leggi risposte
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/22535/2019-ford-mustang-mach-e-00312.jpg Ford Mustang Mach-E: ecco com'è http://tv.quattroruote.it/news/video/ford-mustang-mach-e-ecco-com- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22651/THUMB.png Ferrari Roma, l'analisi stilistica: tutti i dettagli del design spiegati in esclusiva http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-roma-lanalisi-stilistica-tutti-i-dettagli-del-design-spiegati-in-esclusiva News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22925/FAST LAP CORVETTE.jpg Il giro di pista della Chevrolet Corvette C8 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-giro-di-pista-della-corvette-c8 News

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca