Tutto ciò che serve per muoversi agilmente in città: dalle biciclette elettriche agli scooter, dai monopattini ai mezzi in sharing. Quattroruote e Dueruote uniscono le proprie competenze per offrire una guida alla mobilità urbana nell’era Covid.

Eco news

Piste ciclabili
Dallo Stato arrivano 137 milioni di euro

Piste ciclabili
Dallo Stato arrivano 137 milioni di euro
Chiudi

Il governo accelera sul fronte delle piste e delle corsie ciclabili. È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il piano di riparto dei fondi destinati alla progettazione e alla realizzazione di ciclostazioni e all’ampliamento della rete ciclabile, sia in termini di piste, sia di corsie. I fondi, oltre 137 milioni di euro, di cui 51,4 per il 2020 e 85,8 per il 2021, sono riservati alle città metropolitane (30%), ai Comuni capoluogo di città metropolitana (40%), ai Comuni capoluogo di Regione o di provincia con popolazione inferiore a 50 mila abitanti (3%), a quelli con popolazione superiore ai 50.000 abitanti (27%) e a quelli sedi di università (4,2 milioni).

Tempi strettissimi. Va notato che il finanziamento non è illimitato nel tempo, anzi, pone vincoli stringenti alle amministrazioni locali. In primo luogo entro 15 giorni dalla pubblicazione del decreto sulla Gazzetta ufficiale, quindi entro il 25 ottobre prossimo, i Comuni dovranno chiedere al ministero dei Trasporti l’assegnazione delle risorse previste dall’allegato al provvedimento (ed entro i successivi dieci giorni il dicastero di piazza di Porta Pia trasferirà ai comuni già il 50% delle risorse). Non solo: gli interventi dovranno essere realizzati entro 22 mesi dalla pubblicazione del decreto sulla Gazzetta ufficiale, quindi entro il 10 agosto 2022. Ed entro due mesi dalla realizzazione e comunque entro il 10 ottobre 2022, dovranno inviare al ministero dei Trasporti la rendicontazione relativa all'intervento finanziato. Il mancato adempimento comporterà la revoca del finanziamento.

Ecco quanto va alle grandi città. Quanto alla suddivisione delle risorse, l’allegato al decreto specifica, ente per ente, le somme a disposizione. Per qunato riguarda le grandi città, per Roma sono stanziati 7,7 milioni per il 2020 e 9,5 per il 2021; per Milano rispettivamente 2,8 e 4,7 milioni; per Napoli 1,9 e 3,1 milioni; per Torino 1,8 e 3,1 milioni. Sul fronte delle città metropolitane, invece, a Roma vanno, rispettivamente, 1,7 e 2,8 milioni; a Milano 2,1 e 3,5 milioni; a Napoli, 2,4 e 4 milioni; a Torino 1,6 e 2,6 milioni.

COMMENTI