Eco news

Auto elettriche
Erion Energy: "Il riciclo delle batterie richiederà una filiera dedicata"

Auto elettriche
Erion Energy: "Il riciclo delle batterie richiederà una filiera dedicata"
Chiudi

Quali sono le potenzialità e le criticità del riciclo delle batterie per auto elettriche e ibride? A fare il punto sulla situazione è la Erion Energy, realtà dedicata a pile e accumulatori all'interno del sistema multi-consortile no profit Erion, attivo nella gestione dei rifiuti associati ai prodotti elettronici. Il presupposto iniziale verte sull'importanza per l'intero settore delle attività di recupero, anche alla luce delle direttive europee: "Il riciclo delle batterie sarà la prossima sfida per i produttori", spiega la Erion. "Il recupero di litio, cobalto, nichel e manganese diverrà ancora più strategico in vista dell’incremento della domanda mondiale di batterie". Le previsioni per i prossimi anni indicano una richiesta 14 volte superiore rispetto al 2018 e per il 17% proveniente dall'Europa. Tutto ciò si tradurrebbe ovviamente nella necessità di riciclare quantitativi notevoli di accumulatori: il consorzio stima che se nel 2030 si dovessero riciclare tutte le batterie delle auto elettriche immesse sul mercato fino al 2020, sarebbe necessario attrezzarsi per la raccolta e il trattamento di circa 28.000 tonnellate di rifiuti, pari al doppio del peso della torre di Pisa.

Le direttive europee. In tal senso sono tre le sfide da superare: efficienza delle risorse, approvvigionamento sostenibile delle materie prime e riciclo responsabile. La questione riguarda, soprattutto, i produttori di batterie che, in base alla direttiva europea 2006/66/CE (recepita in Italia con il Decreto Legislativo 188/2008), sono responsabili dell’intero ciclo di vita del prodotto. A tal proposito, la Commissione europea, nell’ambito del Circular Economy Action Plan, ha presentato la proposta di un nuovo regolamento che, oltre a mantenere i principi e le responsabilità dei produttori, prevede l’introduzione di standard di sostenibilità e sicurezza obbligatori per tutte le batterie immesse sul mercato europeo. Uno degli obiettivi primari è evitare, o minimizzare, l’utilizzo di sostanze inquinanti privilegiando l’impiego di materiali riciclati per la fabbricazione delle nuove celle.

Serve una filiera. Anche per questo motivo la Erion Energy si sta strutturando per sostenere i propri associati coinvolti in specifici settori come quello della mobilità elettrica. L'obiettivo è anche la creazione di una filiera appositamente dedicata alle attività di riciclo e recupero, in particolari di materie prime come il litio e il cobalto, la cui domanda entro il 2030 potrebbe crescere fino a 80 volte rispetto ai livelli attuali. Si tratta di materiali riciclabili a patto, però, "che si sviluppi una filiera nazionale ed europea in chiave circolare per il riciclo e il riutilizzo delle batterie". "I vantaggi di una corretta gestione delle batterie sono rappresentati dalla conservazione delle risorse, ma anche da un aspetto di prevenzione. Un trattamento idoneo permette di evitare l’emissione nell’ambiente di sostanze pericolose", afferma Danilo Bonato, direttore generale di Erion Energy. "Il litio è molto reattivo all’aria e all’acqua poiché entrando in contatto con l’ossigeno genera prodotti tossici e come altri metalli è altamente infiammabile e a rischio esplosione. Alla luce di questo è fondamentale farci trovare pronti e preparati al cambiamento che coinvolgerà tutti gli attori: dall’industria, agli Stati, dalla ricerca agli addetti ai lavori del settore del riciclo". Solo in Europa sono state annunciate 15 gigafactory per la produzione di accumulatori al litio entro il 2025, sufficienti per fornire accumulatori a 6 milioni di veicoli all'anno. “La sfida non è banale sia perché una corretta gestione del riciclo e riuso delle batterie - intesa come la possibilità di dare una seconda vita alle celle al litio secondo i principi dell’economia circolare - necessita di un livello industriale che al momento l’Italia non ha (ora le batterie al litio finiscono per lo più in Germania, che comunque resta ancora molto lontana da Paesi come la Cina che da anni hanno investito in circuiti di recupero volti alla massimizzazione delle materie prime seconde), sia perché l’odierno sistema ha costi elevati, che solo un forte investimento sul fronte tecnologico potrà abbattere", conclude Bonato.

COMMENTI

  • Vi è un mondo che si sta muovendo a grande velocità... e c’è chi è arrivato tardi all’appuntamento 🤷🏻‍♂️ come al solito ... il riciclo della batterie non è un problema, visto che esistono varie aziende sparse per il mondo e chi se ne occupa da decine di anni. Tipo la Umicore di Antwerpen Belgio, uno dei leader del settore, con sedi in Svizzera, Germania e Francia, è dal 2011 che questi collaborano con la TESLA e con diversi costruttori europei. Negli USA è la Kinsbursky Brothers ad occuparsi del recycling … Canada : Li-Cycle … In Svezia due ex-manager della Tesla hanno creato la Northvolt, mettendo su 2019 una Gigfactory che si occupa del recycling di batterie e ne stanno costruendo altre due. Poi vi è la Cina, il più grande produttore di batterie al mondo, che è anche numero uno per quello che riguarda il recycling : il 70% della produzione mondiale viene riciclata nel paese del dragone … non esistono solo le batterie delle vetture🔋... ps. in Cina la Tesla sta creando una propria struttura per il riciclo delle batterie.
     Leggi le risposte
  • Ovvero quello che dico da tempo nella visione complessiva dalla produzione, uso e smaltimento, non vi è vera efficienza energetica, e un reale miglioramentoecologico globale. Non abbiamo ancora, per esempio, tecnologie efficienti per lo smaltimento delle batterie, inoltre la ricarica è basata, in italia, essendo notturna, quasi tutta sull'elettricità prodotta dal termico, ovvero inquinamento globale.
  • Come scritto più volte si fanno i conti senza l’oste. Aggiungo come sempre un altro tema che è quello della revisione urbanistica di tutte le città che non è per nulla banale e soprattutto è l’opposto di quanto per esempio a Milano chi governa sta facendo ormai da anni...Spero che 4R accolga il mio invito ad approfondire questo tema, purtroppo per il momento sono inascoltato...
  • Buona sera a tutti Io personalmente pensavo che i grandi cervelloni avessero già pensato ai risvolti che le macchine elettriche avrebbero dato per l'appunto uno dei problemi" LE BATTERIE" questa spinta sul'elettrico a mio giudizio non può andare visto le implicazioni che ci saranno per le batterie esauste. Io avrei puntato per l'idrogeno.
  • 'materie prime come il litio e il cobalto, la cui domanda entro il 2030 potrebbe crescere fino a 80 volte rispetto ai livelli attuali' - Contesto questa frase che , escluso il litio, non corrisponde completamente a realtà. Il cobalto, cominciando dai più bravi, lo stanno riducendo a 0, quindi è più probabile che il suo smaltimento servirà agli ultimi meno bravi che ancora lo utilizzeranno, azzerando quindi lo sfruttamento a basso costo nelle miniere del terzo mondo a favore dell'autotrazione elettrica.
     Leggi le risposte
  • Giusto per dare una dimensione al problema, cito: "se nel 2030 si dovessero riciclare tutte le batterie delle auto elettriche immesse sul mercato fino al 2020, sarebbe necessario attrezzarsi per la raccolta e il trattamento di circa 28.000 tonnellate di rifiuti...". 28.000 tonnellate di rifiuti e', a livello nazionale, una cifra irrisoria, mi domando da dove arriva quel numero, si tratta di un volume veramente piccolo . Di sicuro non necessita di una "filiera"... Quindi, da un lato abbiamo i catastrofisti, quelli che hanno ignorato per 50 anni la devastazione causata dagli idrocarburi, che si preoccupano dello smaltimento, neanche si trattasse di scorie nucleari. Dall'altra, abbiamo una schiera di cialtroni, tipo questi di Erion Energy, che non sanno neanche fare somme e moltiplicazioni.
     Leggi le risposte
  • Ennesimo tema interessantissimo e fondamentale per il futuro sviluppo della mobilità elettrica. Come si vede dal sito web di Erion, il tasso di riutilizzo di cobalto e litio dalle batterie esauste attualmente è pari allo 0,00%... Questo non vuol dire che le auto con motore endotermico siano più ecologiche delle auto elettriche, anzi. Ma la strada per rendere veramente "green" la tecnologia delle auto elettriche è ancora lunga...