Eco news

Studio TomTom
Effetto Covid, traffico giù nel 2020: ecco le città più congestionate

Studio TomTom
Effetto Covid, traffico giù nel 2020: ecco le città più congestionate
Chiudi

Come era lecito attendersi, nell’anno della pandemia e dei relativi lockdown il traffico nelle città è crollato: secondo il TomTom Traffic Index, uno studio elaborato sui dati forniti da 600 milioni di dispositivi di navigazione connessi distribuiti in un totale di 416 città, nel 2020 i livelli di congestione sono diminuiti in media del 19% a livello globale e del 16% in Europa. Se si considera solamente l’orario di punta, il tasso è sceso addirittura del 26% nel mondo e del 24% su scala continentale.

La Top 10 globale. Sono numeri chiaramente prodotti dalla situazione straordinaria dovuta al coronavirus, tant’è che i livelli di traffico risultano per la prima volta al ribasso da quando il marchio di navigatori ha istituito l'osservatorio. Sulle casistiche singole, poi, hanno inciso le dinamiche della pandemia nei vari Paesi e i provvedimenti, più o meno restrittivi, adottati dai governi locali: con risultati che hanno prodotto qualche cambiamento nella graduatoria delle metropoli più congestionate, perlopiù rimaste le solite note. In cima alla classifica mondiale troviamo Mosca (dove il traffico è calato anno su anno del 5%) seguita da Mumbai e Bogotà nonostante diminuzioni della congestione con percentuali a doppia cifra (rispettivamente del 12% e 13%). La metropoli indiana Bangalore e la capitale delle Filippine, Manila, che in base all’indice di TomTom l’anno scorso figuravano come prima e seconda tra le città più trafficate al mondo, oggi occupano rispettivamente il sesto e il quarto posto, con livelli di congestione in discesa del 20% e del 18%. In mezzo, al quinto posto, c’è Istanbul (-4%), mentre dal settimo al decimo posto la graduatoria è completata, nell’ordine, da Kiev (-2%), Nuova Delhi (-9%), Novosibirsk (dove il traffico è rimasto sostanzialmente invariata rispetto a un anno fa) e Bangkok (-95).

La Top 10 italiana. Nel 2020 i livelli di congestione si sono abbassati fortemente anche in Italia: in media del 20%, ma nelle ore di punta si è arrivati addirittura al 29%, con picchi dell’88% e del 55% rispettivamente ad aprile e maggio, i mesi dei lockdown più duri durante la prima ondata della pandemia. La città più trafficata è risultata essere Palermo (ottantesima nel mondo), con valori in discesa del 7%, seguita da Genova (-3%), Roma (-11%, per quella che nel 2019 era la città italiana più congestionata), Messina (-6%), Napoli (-7%), Catania (-6%), Bari (-5%), Milano (-8%), Reggio Calabria (-6%) e Torino (-7%).

In controtendenza. A sorpresa, nell'elenco delle 25 città più trafficate al mondo secondo TomTom figurano alcuni centri che, malgrado la crisi epidemiologica e il trend globale al ribasso, hanno visto addirittura aumentare, seppur di poco, i rispettivi tassi di congestione: si tratta di Chongquing (+1%) in Cina, di Dnipro (+1%) in Ucraina e della capitale di Taiwan, Taipei (+2%).

COMMENTI