Eco news

Emissioni Usa
Biden è pronto a ripristinare i poteri della California

Emissioni Usa
Biden è pronto a ripristinare i poteri della California
Chiudi

L'amministrazione Biden è pronta a ripristinare le prerogative legislative su temi ambientali concesse alla California dalla riforma del Clean Air Act voluta dal presidente Richard Nixon e poi cancellate da Donald Trump due anni fa. In particolare, secondo quanto comunicato dal Dipartimento dei Trasporti, la National Highway Traffic Safety Administration ha presentato una proposta per ritirare le sezioni della normativa che impediscono alle istituzioni statali di stabilire in modo autonomo gli standard sulle emissioni inquinanti e gli obblighi relativi ai veicoli elettrici.

Il processo. Si tratta solo di un primo passo nel percorso avviato dall’attuale amministrazione lo scorso gennaio quando, con un ordine esecutivo, il presidente Joe Biden ha espressamente chiesto al Dipartimento dei Trasporti e all’Epa, l'agenzia per la protezione ambientale, di rivedere la decisione presa da Trump di revocare i poteri della California nel pieno di uno scontro sui limiti alle emissioni. Ora la Nhtsa ha aperto un periodo di consultazioni della durata di 30 giorni, dopodiché la revisione entrerà in vigore e Washington non potrà più impedire agli Stati di imporre normative più restrittive di quelle federali. Inoltre, l’Epa ha intenzione di ripristinare un’ulteriore prerogativa concessa alla California, ossia la possibilità di rinunciare all’applicazione delle norme di Washington per privilegiare le sue disposizioni: anche in questo caso, sarà aperto un giro di consultazioni di 30 o 60 giorni.

Nuovi limiti a luglio. A gennaio, Biden ha anche chiesto al dicastero e all’Epa una nuova riforma degli standard (sostanzialmente congelati dall’ex inquilino della Casa Bianca): entro la fine di luglio dovrebbero dunque essere annunciati nuovi limiti, analoghi a quelli voluti anni fa da Obama. "Il settore dei trasporti fornisce il maggior contributo alle emissioni di gas serra nella nostra economia, ciò significa che può e deve essere una parte importante della soluzione ai cambiamenti climatici", ha affermato il segretario ai trasporti Pete Buttigieg. Proprio ieri si è tenuto un summit mondiale sul clima che ha visto Biden annunciare una serie di obiettivi, tra cui l’impegno degli Stati Uniti a tagliare le emissioni di gas serra di almeno il 50% entro il 2030. 

Il piano di rilancio. Il target sarà raggiunto anche grazie alle molte iniziative inserite all’interno del piano di rilancio economico da oltre 2 mila miliardi di dollari, che prevede una serie di disposizioni anche per il mondo dell’auto: sono stati stanziati 174 miliardi di dollari per favorire l’adozione dei veicoli elettrici e la realizzazione di stazioni di ricarica, in modo da rendere la mobilità sostenibile "conveniente e accessibile a tutti". L’impegno a tagliare le emissioni non include, però, un addio alle motorizzazioni endotermiche come richiesto esplicitamente da 12 governatori pochi giorni fa. Del resto, durante la campagna per le presidenziali, Biden aveva già escluso uno suo sostegno al divieto di vendita di veicoli con propulsori tradizionali varato dalla California per il 2035. Inoltre, secondo quanto precisato da Gina McCarthy, figura di spicco della Casa Bianca per i temi legati alla crisi climatica, l’Amministrazione Biden non ha ancora delineato eventuali obiettivi di riduzione delle emissioni per il solo settore automobilistico, né ha indicato quote di vendite per i veicoli a batteria. "Non stiamo facendo alcuna promessa o richiesta in questo momento, perché si tratta fondamentalmente di utilizzare il mercato per generare il tipo di riduzioni di cui abbiamo bisogno", ha spiegato McCarthy.  

COMMENTI