Eco news

Enel X OpenCharge
Nuovi piani "flat" per la ricarica

Enel X OpenCharge
Nuovi piani "flat" per la ricarica
Chiudi

Ricaricare l'auto elettrica da casa o dall’ufficio senza limiti, a una tariffa prestabilita, proprio come da tempo già avviene per i telefonini: è quanto prevede OpenCharge, la nuova offerta congiunta di Enel Energia ed Enel X, che oltretutto include l’equivalente in kWh di un paio di pieni di elettroni dalle colonnine pubbliche secondo piani modulabili in base alle caratteristiche del veicolo.

L’offerta base. I nuovi abbonamenti "flat" di Enel X, dei quali si può usufruire a patto di avere una wallbox, partono dalla tariffa OpenCharge 20, che è pensata per i veicoli dotati di batterie fino a 20 kWh, come le Smart EQ fortwo ed EQ forfour, equipaggiate con accumulatori da 18 kWh, e la microcar Citroën Ami, che si ferma a 5,5 kWh. In tal caso, l’offerta comprende fino a 30 kWh al mese erogati dalle colonnine pubbliche della rete di Enel X, in aggiunta a un numero illimitato di ricariche dalla propria rete domestica o da quella dell'ufficio.

Più kWh fuori casa. OpenCharge 50 è invece un abbonamento pensato per le elettriche con batterie fino a 50 kWh, come, per esempio, quelle nate dalla piattaforma e-Cmp di Stellantis. La sottoscrizione prevede, mensilmente, rifornimenti per un massimo di 80 kWh dalle infrastrutture pubbliche di Enel X e un numero illimitato di kWh dalla propria wallbox. C’è poi la OpenCharge 75, dedicata soprattutto ai veicoli con accumulatori fino 75 kWh, come l’Audi e-tron in versione 50 quattro (71 kWh): in questo caso sono inclusi nel contratto fino a 150 kWh di ricarica dalle colonnine pubbliche di Enel X, oltre a rifornimenti illimitati da casa o dall'ufficio.

Prezzi ridotti al lancio. Fino al 31 luglio, le tre soluzioni di OpenCharge saranno sottoscrivibili con canoni da 20, 50 e 75 euro al mese rispettivamente, applicati al posto delle tariffe ordinarie da 50, 80 e 120 euro. Come detto, un requisito necessario per aderire all’offerta è avere a disposizione una JuiceBox, l’infrastruttura di ricarica domestica di Enel X, gestibile da remoto tramite lo smartphone e proposta con potenze di 3,7 kW, 7,4 kW e 22 kW.

Bonus governativi. A tal proposito, ricordiamo che anche nel 2021 è possibile usufruire di una detrazione fiscale del 50% per l’acquisto e l’installazione di una colonnina di ricarica, applicata fino a un importo massimo di spesa di 3.000 euro. La percentuale detraibile sale addirittura al 110% se gli interventi sono effettuati insieme a opere “trainanti” di efficientamento energetico, come l’isolamento a cappotto dell’edificio interessato dall'installazione della wallbox.

COMMENTI

  • Che voglia di comprare un diesel 4lt euro 3 che consumi 15lt/100km per fare drift davanti alle colonnine elettriche e a tutti quelli che si sentono green solo perché guidano un auto ibrida, ignorando che ha monte stanno inquinando più di prima