Eco news

Emissioni auto
Tutti i Paesi che hanno già deciso il bando alle endotermiche

Emissioni auto
Tutti i Paesi che hanno già deciso il bando alle endotermiche
Chiudi

La proposta della Commissione europea di imporre la vendita di veicoli a zero emissioni per il 2035 sancisce di fatto il bando alla commercializzazione di veicoli con motori a combustione interna. Il provvedimento deve sottostare a un articolato processo di valutazione e approvazione da parte dei massimi organi rappresentativi della Ue, a partire dal Parlamento, e soprattutto dei vari Paesi membri. Tuttavia, alcuni Stati europei hanno già calendarizzato lo stop alla commercializzazione di vetture endotermiche, in alcuni casi in anticipo rispetto a quanto proposto dalla Commissione. Ecco, di seguito, un riassunto della situazione, nel Vecchio Continente e non solo.

Scandinavia. Nel Nord Europa c’è, per esempio, un Paese che ha deciso di anticipare le tempistiche previste dalla Commissione: la Norvegia, che non aderisce all’Ue, ha stabilito che dal 2025 non sarà possibile vendere veicoli tradizionali di qualsiasi tipologia. Sempre nell’area scandinava, la Danimarca ha programmato per il 2030 lo stop alla vendita di nuove auto endotermiche e per il 2035 il divieto all'utilizzo. In Svezia, invece, si sta valutando di bandire le immatricolazioni di nuove auto endotermiche dal 2030. 

Germania e Benelux. Simili valutazioni sono in corso da diversi anni anche in Germania ma le pressioni dell’industria automobilistica nazionale stanno rinviando l’iter parlamentare. Del resto, non sono pochi i politici e i sindacalisti a temere fortemente l’impatto di una decisione del genere sulla forza lavoro tedesca e nel settore sono molte le voci critiche nei confronti di una messa al bando di una tecnologia che rappresenta il fulcro del tessuto industriale locale. La confinante Olanda punta, invece, a un divieto di vendita dal 2030 e un bando totale alla circolazione dal 2035, mentre in Belgio si guarda al 2035.

Gli altri. In Irlanda si sta valutando la possibilità di seguire l’esempio del vicino Regno Unito, che ha fissato il divieto per il 2030, mentre in Francia si punta al 2040, anche se non mancano aree, come l’Île-de-France, intenzionate ad anticipare anche di dieci anni lo stop alla vendita (a Parigi vogliono bloccare la commercializzazione dei diesel già nel 2025). Al 2040 guardano anche la Spagna e l’Austria, mentre in Italia la discussione non è mai stata neanche minimamente abbozzata. Al di fuori del Vecchio Continente, spicca il caso degli Usa, dove ogni Stato sembra voler perseguire una propria politica. In ogni caso, la decisione della California di vietare per il 2035 la vendita di nuove auto a combustione interna potrebbe essere seguita da almeno altri 12 Stati che, già da anni, vedono nelle politiche di Sacramento un punto di riferimento. 

COMMENTI

  • Secondo me e' una follia assurda vietare i motori endotermici Tempo dieci anni e l'intera Industria Europea dell'auto sparira' ,tedeschi in primis e verremo letteralmente invasi da una marea infinita di auto low cost made in China Korea e Giappone Quando si accorgeranno dell'errore colossale sara' troppo tardi Prima di tutto dovrebebro dare almeno 20 anni di tempo alle ns industrie per la transazione con utilizzo di motori ibridi che consumano e inquinano ormai nulla dopodiche' se sara' proprio necessario vietare la costruzione di motori endotermici per le city car e le moto di piccola cilindrata ma un cambio cosi radicale e anche senza senso e non green perche' si sposta l'imquinamento dalla strade alle centrali dell ENEL la trovo una pazzia assurda
  • Se la prendono con l'automobile ma poi quando si tratta dei supermilionari che vanno nello spazio, inquinando quanto un'auto termica in 600 anni nessuno dice niente!
     Leggi le risposte
  • PAZZIA ASSOLUTA !!!!!!!!
     Leggi le risposte