Eco News

Napoli
Enel X Way si aggiudica un lotto di oltre 60 stazioni di ricarica

Napoli
Enel X Way si aggiudica un lotto di oltre 60 stazioni di ricarica
Chiudi

Dopo Roma e le metropoli del Nord, anche a Napoli la rete di ricarica è destinata a una rapida espansione. Un grande aiuto arriverà da Enel X Way, la neonata business unit di Enel dedicata alla mobilità elettrica, che provvederà a installare 60 stazioni nel capoluogo campano, tra infrastrutture quick da 22 kW e di tipo fast e ultrafast, con potenze fino a 300 kW, fondamentali per chi ha necessità di ripristinare gran parte dell’autonomia del veicolo in tempi brevi.  

Il bando comunale. L’azienda italiana si è aggiudicata il primo lotto del bando del Comune di Napoli per adeguare la rete di ricarica cittadina alla crescente domanda di auto elettriche e, quindi, di infrastrutture a supporto. “Napoli è una città strategica per lo sviluppo di un modello di elettrificazione dei diversi tipi di mobilità”, ha spiegato Elisabetta Ripa, amministratrice delegata di Enel X Way. “Doteremo il xapoluogo campano di soluzioni di ricarica veloce e tecnologicamente all’avanguardia che serviranno da volano per la realizzazione di servizi connessi alla mobilità elettrica per rendere la città più smart e attenta alle esigenze dell’ambiente”.

Lo stato della rete. Stando a quanto riportato da un recente rapporto di Motus-e sullo stato dell’infrastruttura elettrica in Italia, al termine del 2021 Napoli contava 211 punti di ricarica, in numero assai inferiore rispetto a Roma (1.673), Milano (717), Torino (387) e Genova (314). La media nella città campana è quindi di soli 2,29 charging point ogni 10 mila abitanti, ma non è il dato che più impressiona: dallo stesso studio apprendiamo che alla fine dello scorso anno erano solo 5 i punti di ricarica a corrente continua nel territorio partenopeo, per una media di 0,05 unità ogni 10 mila cittadini.

COMMENTI