Sport

Nissan
Mondiale Endurance, addio: i giapponesi si ritirano

Nissan
Mondiale Endurance, addio: i giapponesi si ritirano
Chiudi

È nata strana, evidentemente troppo per essere anche lontanamente competitiva. La pista lo ha dimostrato inesorabilmente, con una stroncatura sul campo che non ha offerto possibilità d'appello. La Nissan GT-R LM Nismo, portabandiera di Yokohama nella classe regina del Mondiale Endurance, viene ritirata definitivamente dalla competizione iridata.

La controversa scelta della trazione anteriore. La sua apparizione nella serie, dove per anni ha spadroneggiato l'Audi (spodestata soltanto nelle ultime due stagioni, da Toyota prima e da Porsche poi), è stata quella delle meteore più fugaci. Attesa ai nastri di partenza all'inizio della stagione scorsa, s'è fatta attendere fino alla terza gara: gli ingegneri che hanno seguito lo sviluppo di questa bizzarra LMP1 a trazione anteriore, di fronte ai limiti subito emersi durante i test, avevano preferito concentrarsi sul grande appuntamento della 24 Ore di Le Mans prima di scendere in pista.

La débacle di Le Mans. Un posticipo che non è servito a nulla: lo scorso giugno, i rettilinei della Sarthe hanno visto il ritiro di due delle tre vetture iscritte alla gara, con la superstite giunta al traguardo ultima e non classificata. Ce n'era abbastanza per tornare in palestra, pancia a terra, in vista degli appuntamenti seguenti, ma il responso dei test estivi è stato ancora una volta deludente.

L'annuncio della sospensione del programnma. Da lì - era il 7 agosto scorso - la decisione di sospendere fino a data da definirsi il programma, salvo poi comunicare oggi l'abbandono definitivo. "L'azienda ha concluso che il programma non sarebbe stato in grado di raggiungere gli obiettivi prefissati", osserva lucidamente il Costruttore.

Nissan resta come motorista nelle classi cadette. Secondo quanto ufficializzato oggi in una nota, la Nissan rimarrà presente nel Mondiale Endurance in veste di motorista, affiancando alla sua ormai consolidata esperienza nella classe cadetta LMP2, quella di fornitore per i nuovi prototipi di categoria LMP3.

Fabio Sciarra

COMMENTI

  • Appunto, proprio come la Delta Wing è l'epilogo inevitabile per un progetto palesemente fatto per creare scalpore ma con zero possibilità di competere su pista. A tal proposito, sto ancora aspettando che il tale "Mattia S" si rifaccia vivo da queste parti dopo che a margine di un precedente articolo di Sciarra, mi aveva accusato di aver scopiazzato da internet delle banalità sulla trazione anteriore quando avevo stigmatizzato quest'auto, "Mattia S" a cui avevo dato appuntamento a riparlarne su queste pagine coi risultati acquisiti.... Tra l'altro sarebbe interessante conoscere il parere anche di un tale "Andrea B" che aveva sostenuto che i progressi della tecnologia potevano superare i vecchi pregiudizi...... La verità è che contro le leggi della fisica non si può andare, a meno di non avere i "Superpoteri", ma quelli ce l'hanno solo i personaggi dei fumetti..... http://www.quattroruote.it/news/endurance/2015/02/02/nissan_gt_r_lm_nismo_alla_24_ore_di_le_mans_con_la_trazione_anteriore.html#loadMore
     Leggi le risposte
  • Volevano fare gli splendidi... prima Deltawigs o come diavolo si chiamava... poi trazione avanti...
  • Il Problema di Nissan è stato l'azzardo e la poca conoscenza della storia da parte di Ben Bowlby: Ci sarà stato un perchè le Cooper con motore centrale stracciavano le Ferrari. Il Drake Dovette convincersi di convertirsi al motore centrale dopo questo fatto.
  • Errata Corrige Audi spodestata da Toyota nel 2014. Poi Porsche nel 2015. E' incredibile anche questa svista....
     Leggi le risposte