Eventi

106 Elevator Pitch Audi
In Triennale i vincitori del contest sulle città del futuro

106 Elevator Pitch Audi
In Triennale i vincitori del contest sulle città del futuro
Chiudi

Biocittà organiche e sostenibili, black box con sensori tattili in grado di registrare le sensazioni umane, automobili condivise e capaci di ricaricarsi all'interno di vetrine speciali, persino un frigorifero intelligente dotato di superfici trasparenti e luminose: sono le idee elaborate dai vincitori di "106 Elevator Pitch Audi", il contest di idee organizzato dalla Casa dei quattro anelli con Naba (Nuova Accademia di Belle Arti) e Domus Academy, in mostra alla Triennale di Milano fino al 10 luglio.

Il concorso. Lanciato in occasione della Design Week, l'evento si è svolto dal 13 al 15 aprile scorso e ha coinvolto 106 creativi e studenti di Domus Academy e Naba, chiamati a immaginare la città del futuro: il numero di partecipanti non è casuale, visto che corrisponde ai metri di altezza della Torre Velasca, sede dell'Audi City Lab di quest'anno. Le idee e le visioni personali delle metropoli dei prossimi anni sono state sviluppate a partire dalla nuova Audi Q2, la Suv in prevendita dalle prossime settimane e in consegna a partire dal quarto trimestre di quest'anno.

I vincitori. I lavori sono stati valutati da una giuria d’eccezione, composta dal direttore creativo di Domus Academy Gianluigi Ricuperati e da un team di esperti marketing e comunicazione dell'Audi: i vincitori sono l'ecodesigner milanese Barbara Pollini (con il progetto "Symbiotic City"), l’architetto indiano Suhash Logarajan (con "Design Black Box"), la studentessa Sahra Masrour (con "Hobuca") e Stefano Baldini (con "The Smart Fridge"). I lavori sono esposti nel padiglione Noosphere XX1, allestito in Triennale da Tsinghua University, Naba e Domus Academy. Tutti i nomi e i progetti dei partecipanti all’evento sono reperibili sul sito www.audi-innovativethinking.it, la piattaforma di comunicazione sviluppata dall'Audi e dedicata all’innovazione.

Redazione online

COMMENTI