Niki Lauda L'uomo e il pilota

Andrea Stassano Andrea Stassano
Niki Lauda
L'uomo e il pilota
Chiudi
 

Mattina presto, come tante altre. Scorro i giornali sul tablet, per vedere le news. Invece, scopro quello che non avrei mai voluto sapere: Niki Lauda non c’è più, se n’è andato, questa volta non è riuscito a ingannare la morte. Sono svuotato e, come me, credo lo siano milioni di persone, di fan oltre gli anta, un po’ ovunque nel mondo. Forse sapevamo tutti che ciò sarebbe potuto accadere, prima del tempo, ma abbiamo sempre immaginato Niki più forte di tutto, anche degli eventi più difficili.  

Un simbolo insieme alla Ferrari. Per chi ha visto correre (e vincere) Niki Lauda con la Ferrari, per chi ha seguito con affetto e gratitudine la sua meravigliosa parabola di tri-campione del mondo ma, soprattutto quella dell’uomo, è un giorno pesante. Per i più, è il pilota sopravvissuto al rogo della sua Ferrari 312T2 durante il GP di Germania, al Nürburgring, nel 1976. Tutti lo sapevano, anche chi non ha mai guardato una corsa. Per gli altri, è molto di più: è l’uomo che ad appena una quarantina di giorni dall’incidente si presentò a Monza per correre, per difendere il suo titolo dal rivale James Hunt. Ecco, nel suo desiderio di non mollare mai, fin da quando era ferito, nel volto e nell’anima nel letto di un ospedale, scorgo una grandezza e una forza d’animo che in pochi possono vantare di avere avuto. Anche in qualsiasi altro campo. Quel quarto posto, raccolto alla fine di una commovente ed esaltante rimonta a Monza, che ricordo istante per istante, è forse la sua gara più memorabile, perché nell’abitacolo, a fargli compagnia, c’erano la paura e la morte. Rivali ben più temibili degli altri colleghi in pista. Da lì, dopo poco più di un mese, si arrivò al G.P. del Giappone al Fuji, ultima corsa di quella pazza stagione 1976. E al colpo di scena del ritiro, al secondo giro, nel diluvio, perché Niki aveva considerato impraticabili le condizioni del tracciato. Paura, delusione per il comportamento dei colleghi, freddezza nel valutare la situazione? Poco importa, ci voleva più coraggio a ritirarsi che a correre, ad ammettere un rifiuto. Ben sapendo poi di aver a che fare, a Maranello, con un gigante delle corse come il Drake. Tanto che, una volta assicuratosi il Mondiale del 1977, Lauda decise di lasciare la scuderia ancora prima della fine della stagione.

Computer sì, ma non fuori dall’abitacolo. Tutti hanno sempre dipinto Lauda come un ragioniere al volante. Efficace, ma poco spettacolare. Non era il più veloce di quella straordinaria pattuglia di piloti degli anni '70 e dei primi '80, ma di certo era quello che "sentiva" meglio la macchina e decideva la strategia migliore guidando a 300 all’ora, con la stessa naturalezza di chi sta seduto in poltrona. Uno che non avrebbe rischiato oltremodo se non fosse stato strettamente necessario. Anche questa una dote rara, degna dei grandi, come Fangio, Stewart, Fittipaldi e Prost, che proprio da Niki imparò come si vincono i mondiali. E ci volle coraggio e un po’ d’incoscienza anche quando, nel bel mezzo delle prove del G.P. del Canada 1979, Niki decise di ritirarsi (per la prima volta), per concentrarsi sul suo nuovo giocattolo, gli aerei della compagnia Lauda Air. Una persona iper razionale non l’avrebbe mai fatto. Al volante sì, sapeva essere un calcolatore, come nel GP del Portogallo del 1984, dopo il clamoroso ritorno in F.1 nel 1982, quando si stava giocando il terzo mondiale (poi vinto) con il suo compagno di squadra Prost. Partito indietro nello schieramento, Lauda ebbe la freddezza di saper aspettare a sferrare l’attacco decisivo, rimanendo molti giri dietro alla Toleman-Hart di Johansson. Ce la fece, anche grazie al ritiro nelle battute finali di Mansell, e la spuntò per l’inezia di mezzo punto su Prost. Un piccolo miracolo di una carriera luminosa, quanto la vita di un grande uomo, che ci mancherà molto.

COMMENTI

leggi tutto

FOTO

VIDEO
 -
 -

 -
 -

 -
 -

 -
 -

https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19456/poster_001.jpg Il record della Stelvio Quadrifoglio al Ring http://tv.quattroruote.it/news/video/il-record-della-stelvio-quadrifoglio-al-ring News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News

RIVISTE E ABBONAMENTI

Il nuovo numero di Quattroruote vi aspetta in edicola e in edizione digitaleUn appuntamento da non perdere, che vede il proprio punto di forza nelle prove su strada, impreziosite da analisi ancora più approfondite su prestazioni, dotazioni tecnologiche e confort delle auto e personalizzate per i diversi modelli.

Quattroruote

Abbonati a Quattroruote!

Sconti fino al 41%!

SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

UTILITÀ

SERVIZI QUATTRORUOTE

Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

Non ricordi la tua targa? Clicca qui >
Targa
Cerca