Eventi

Esame di maturità
Diteci la vostra sulla Mini III serie

Esame di maturità
Diteci la vostra sulla Mini III serie
Chiudi

Alec Issigonis, il papà della Mini del 1959, ne sarebbe contento: constatare che la sua creatura si è reincarnata in un'auto moderna, in grado di attrarre la clientela e di evolversi attraverso ormai tre generazioni, è un risultato che non tutti possono vantare. Detto questo, la Mini di oggi è più grande, è tedesca anche se prodotta a Oxford (e in Olanda) e ha dato vita a numerose varianti, alcune delle quali vivono di luce propria come la Countryman. Il modello che abbiamo voluto sottoporre al giudizio di voi navigatori e proprietari è dunque la Mini III Serie (F56): dopo Fiat 500, Ford Fiesta, Fiat Panda, Volkswagen Golf, BMW Serie 3, Opel Corsa E, Audi A4 (B9) e Jeep Renegade, adesso tocca a questa icona anglo-tedesca passare sotto la lente d'ingrandimento.

mini19

Stile di famiglia. Come accennavamo, una delle caratteristiche della "nuova Mini", per essere più chiari quella rinata nel 2000 e arrivata attualmente alla terza generazione, è sempre stata la capacità di reinterpretarsi in varianti più o meno riuscite. Abbiamo infatti avuto la Paceman (due porte, carrozzeria vagamente coupé), la Clubman (station wagon con due porte e mezzo per i passeggeri e portello posteriore ad antine), la Coupé e la Roadster (due porte, due posti, la seconda con tetto di tela) e la Countryman (piccolo Suv cinque porte). Di queste varianti, solo la Countryman è riuscita a crearsi una clientela per conto proprio e a far registrare un numero consistente di immatricolazioni. Che siate, dunque, proprietari della berlina o della Suv, siete invitati a partecipare alla nostra indagine. Come? Basta cliccare sul bottone rosso in basso del nostro sondaggio e attribuire un giudizio in stelle, da una a cinque. E non dimenticate di raccontare le vostre storie e di lasciare un commento sulla vostra esperienza al volante. Grazie per la collaborazione e... buon sondaggio!

COMMENTI

  • Avendone più volte noleggiata una con il car sharing (quindi prendi quello che capita altrimenti non avrei gradito il modello) e avendo viaggiato su quelle di amici, personalmente la giudico in modo estremamente negativo. A parte lo stile che ha personalmente stufato, per il prezzo che ha le finiture sono patetiche, i materiali orrendi e reggono malissimo l'usura, dentro ha sempre lo stesso stile ormai antiquato e di cattivo gusto. È un trionfo di plasticaccia. Gli spazi interni sono angusti specie per un'auto che è cresciuta troppo, è spiacevole farci un viaggio seduti davanti e ancor di più seduti dietro. E a meno di acquistare motorizzazioni brillanti e quindi costose le motorizzazioni base sono una noia mortale. E' deludente sotto tutti i punti di vista. Salvo solo in parte la cabrio, ma solo in quanto cabrio e perché l'open air fa spostare la vista dall'angustia che generano gli interni.