Eventi

Coronavirus
Il Salone di Los Angeles slitta a maggio 2021

Coronavirus
Il Salone di Los Angeles slitta a maggio 2021
Chiudi

Ora è è ufficiale: la prossima edizione del Salone di Los Angeles è stata posticipata di sei mesi, slittando a maggio a causa dell'emergenza sanitaria legata alla pandemia del coronavirus. Inizialmente prevista dal 20 al 29 novembre, la kermesse californiana si terrà invece dal 21 al 31 maggio (con accesso anticipato al 19 e 20 per la stampa). Le date di apertura al pubblico decise dagli organizzatori coincidono con il weekend del Memorial Day americano, nella speranza di accogliere più visitatori possibile. Ma vanno anche a collocarsi nel pieno della nuova stagione aericana degli eventi motoristici, dopo che il Naias di Detroit si è spostato a giugno (11-26) per schivare la concorrenza del Ces di Las Vegas, posizionandosi a ruota del New York Auto Show, tradizionalmente di scena ad aprile (dal 2 all'11 nel 2021).

Tre show in tre mesi. Il problema della ''concorrenza'' rischia dunque di aggravarsi (salvo ulteriori posticipazioni) l'anno prossimo, con i tre principali Saloni a stelle e strisce programmati in rapida successione. Manifestazioni come queste nascono per offrire alle Case una vetrina strategica per la presentazione loro prodotti, e necessitano perciò di essere spalmate su un arco del calendario il più ampio possibile: con tre grandi appuntamenti in un tre mesi anziché sette, i costruttori saranno costretti a fare delle scelte. Ancor più dure in un periodo gravato dagli effetti della crisi da Covid-19.

La situazione. Lo scenario di fronte ai Saloni dell'auto è sempre più incerto. Alcuni intravedevano segnali di sofferenza già prima della pandemia e, ben prima del coronavirus, si ragionava su una revisione del loro format. Anche le Case, per scelta prima ancora che per necessità, avevano ridimensionato la propria presenza alle fiere preferendo svelare i prodotti attraverso eventi privati, risparmiando sui costi (consistenti) degli stand e dell'organizzazione dell'esposizione. Stanti le attuali difficoltà economiche, le decisioni future dovranno essere ancor più mirate, oltre che intricate dall'indeterminatezza connessa all'evoluzione della pandemia. Il rinvio di Los Angeles è l'ennesimo tassello a complicare il risiko degli uffici marketing.

COMMENTI