Immaginate di avere un’auto ormai vecchiotta, ma ancora in buono stato, ma di volerla o doverla sostituire, perché si tratta di una Euro 4 o, peggio, di una Euro 3 diesel. Che soluzioni vi si prospettano? Cambiarla con una nuova, certamente, ma l’esborso è notevole, le circostanze non sono favorevoli (situazione generale d’incertezza, economia traballante…): quindi, pensate a qualcosa di alternativo. Quattroruote lo ha fatto per voi, provando sul campo che cosa vi potrebbe capitare e valutando i pro e i contro di ogni soluzione in un corposo dossier, raccolto sotto la testata Quattrosoldi, ideata da Gianni Mazzocchi, nostro fondatore, già nel 1961, come prima rivista di difesa dei consumatori. A bordo di una Mazda3 Euro 4 a benzina del 2003 e di una Volvo XC70 Cross Country Euro diesel del 2003, inevitabilmente con un po’ di chilometri sulle spalle ma mantenute in buone condizioni dai loro proprietari, abbiamo visitato decine di concessionari, ipotizzando soluzioni diverse: la permuta con un’auto usata Euro 6 a benzina e con una di pari caratteristiche a gasolio, la sostituzione con una km 0 disponibile nel punto vendita o con un esemplare nuovo, ma di un modello destinato a breve a essere rinnovato o uscito da poco di listino (è il caso, per esempio, della Toyota Yaris). Infine, abbiamo richiesto online dei preventivi per il noleggio di una vettura usata, in genere proveniente da un noleggio precedente, una soluzione proposta da un numero crescente di operatori del settore. Sul numero di ottobre di Quattroruote potete trovare i dettagli di tutte le nostre visite in incognito.