Eventi

1000 Miglia
Leonardo, un’unità mobile al seguito della Freccia Rossa

1000 Miglia
Leonardo, un’unità mobile al seguito della Freccia Rossa
Chiudi

Un van allestito a unità mobile di controllo seguirà la 1000 Miglia, al via giovedì 22 ottobre da Brescia, per supportarne lo svolgimento in sicurezza. La “corsa più bella del mondo” ha stretto infatti una partnership con Leonardo, azienda leader nel settore della difesa, che metterà le proprie competenze e tecnologie al servizio della manifestazione per tutta la sua durata e lungo l’intero percorso.

Un’infrastruttura complessa. Nello specifico, Leonardo fornirà un sistema di sicurezza integrato predisposto all’interno di un Fiat Ducato, che fungerà da sala di controllo operativa della 1000 Miglia. La struttura itinerante comprende tecnologie avanzate e sensori, un sistema radio "mission critical" (per fornire una comunicazione priva di interferenze) e anche apparati di videosorveglianza. Nelle varie tappe, poi, gli operatori impegnati a garantire il regolare svolgimento della competizione sfrutteranno l’app Leonardo Mcptt (Mission Critical Push To Talk) per utilizzare smartphone e device Android come radio PMR (Professional Mobile Radio): sistemi di radiocomunicazione simili a quelli utilizzati dalla polizia e dai vigili del fuoco.

Disco verde per la partenza. Intanto, dopo un'attenta osservazione dell’evoluzione della situazione sanitaria dovuta alla pandemia da Covid-19, la "Freccia Rossa" ha ottenuto oggi in prefettura il via libera definitivo allo svolgimento. L’edizione 2020 della gara di regolarità riservata alle auto storiche, rinviata lo scorso maggio a causa del coronavirus, partirà domani da viale Venezia a Brescia, attraverserà l'Italia fino a Roma, facendo ritorno nella città lombarda domenica 25 ottobre. Al via sono iscritti 400 equipaggi. L’ok alla partenza è arrivato dopo un lungo confronto tra l'organizzazione e le istituzioni per mettere al sicuro la competizione. Inoltre, per evitare assembramenti di persone, sono state effettuate modifiche al percorso originario.

COMMENTI