Eventi

Università e scuole superiori
La Fondazione Gino Macaluso lancia un nuovo ciclo di lezioni

Università e scuole superiori
La Fondazione Gino Macaluso lancia un nuovo ciclo di lezioni
Chiudi

Gino Macaluso ha fatto tanto, tantissimo per il motorsport, prima come navigatore vincente nei rally (fu, tra l’altro, campione europeo), poi come dirigente della Csai: è, quindi, più che comprensibile che la Fondazione che porta il suo nome, gestita dalla moglie Monica Mailander e dai figli, si prodighi perché la cultura degli sport motoristici si diffonda anche tra i giovani di oggi. A questo scopo prenderà il via il 9 dicembre a Torino, città natale di Gino, la seconda edizione di “Sharing historic car knowledge”, un ciclo di lezioni, riservate agli studenti di università, accademie di design e istituti superiori, tenute da nomi prestigiosi del motorsport. L’iniziativa avrà come focus la condivisione con gli allievi di conoscenze legate alle vetture facenti parti della collezione Macaluso, tra le più importanti al mondo soprattutto per quanto riguarda la storia dei rally mondiali. A questo fine sarà preziosa la disponibilità anche dell’officina specializzata in restauro e manutenzione della Fondazione stessa, dove operano tecnici con una profonda conoscenza diretta delle vetture appartenenti alla raccolta.

Professor Miki. Ad aprire il ciclo il 9 dicembre al Politecnico di Torino, dove tra l’altro Macaluso si laureò in architettura nel 1974, saranno Miki Biasion, due volte campione del mondo rally con la Lancia (nel 1988 e ’89), e l’ingegnere Vittorio Ruberti, coordinatore del progetto della Delta che prese parte al Safari Rally, coinvolto anche nella realizzazione di vetture leggendarie come la 037, la Delta S4 e la Lancia LC2: il loro intervento sarà concentrato sulla Delta Safari, di cui un esemplare appartiene alla Fondazione. Sempre Vittorio Roberti sarà protagonista della seconda lezione, prevista il 15 dicembre sempre al Politecnico di Torino, dedicata alle Lancia Endurance LC1 e LC2; ad affiancarlo sarà il designer Giorgio Camaschella, che ne curò gli aspetti aerodinamici.

Anno nuovo. Il 13 gennaio 2022 le lezioni si sposteranno invece alla sede della Fondazione, nell’hinterland torinese, per una masterclass destinata a dieci studenti del corso in Brand extension & licensing del Politecnico di Milano: sotto la guida del professor Marco Turinetto gli allievi lavoreranno al progetto “Rally style: 1966-1992” dedicato alle 17 auto della collezione che, nell’autunno del prossimo anno, saranno protagoniste della mostra “The golden age of rally”, prevista al Mauto di Torino. Il ciclo di lezioni si concluderà il 20 gennaio con una visita della Fondazione, per riprendere nei mesi successivi con una serie d’interventi da parte dei più conosciuti car designer.

COMMENTI