Eventi

Panda a Pandino
L'edizione 2022 è da record

Panda a Pandino
L'edizione 2022 è da record
Chiudi

Torna il raduno “Panda a Pandino” ed è subito record: dopo uno stop di tre anni, dovuto all’emergenza pandemica, l’evento dedicato alla citycar italiana ha visto la partecipazione di ben 939 esemplari della vettura. Più delle precedenti edizioni, con pandisti al seguito provenienti da oltre 20 paesi nel mondo. Non male, per una kermesse andata in scena nello stesso weekend, quello del 18 e 19 giugno, in cui non sono mancati altri grandi appuntamenti per gli amanti delle auto, tra cui la Mille Miglia 2022 e il Milano Monza Motor Open Air Show, peraltro nella stessa regione.

Le auto. Del resto, anche il raduno di Pandino, in provincia di Cremona, può ormai considerarsi un tradizionale appuntamento della Lombardia, qui organizzato traendo spunto dal curioso nome della località, che fa subito pensare al nomignolo della prima generazione della Fiat Panda. Quella di Giugiaro, ormai da tempo over 40, sebbene questo appuntamento sia da sempre aperto a ogni serie e versione della citycar italiana, compresa quella attuale.

Tanti esemplari. Come segnalano gli stessi organizzatori, erano presenti all’evento Panda di ogni tipo e stato di conservazione, tra cui numerose 4x4 e la mitica Italia 90 con i curiosi copriruota-pallone: un dettaglio che rende ancora più esclusivi gli esemplari che ne sono ancora dotati, poiché vari clienti di questa versione preferirono all’epoca sostituirli con quelli ordinari.

Le premiazioni. E come da programma, le 350 vetture arrivate già nel pomeriggio di sabato sono state fin da subito coinvolte in una lunga carovana nel Cremonese, con sosta nel vicino comune di Palazzo Pignano. Nella giornata successiva, invece, le Panda regolarmente iscritte al raduno hanno avuto accesso all’area antistante al Castello Visconteo e al centro storico di Pandino. Non sono poi mancate le consuete premiazioni dell’evento, come quelle assegnate alla Panda “meglio consevata”, nonché alla “più tamarra”, alla “più banale” e alla “4x4 più elaborata”, senza dimenticare il premio “Panda Antonio Narducci”, in ricordo di un giovane pandista del Foggiano. Ricordiamo che i proventi dell’evento, decurtate le spese, verranno devoluti alle associazioni di volontariato locali.

COMMENTI