Eventi

Bentley
Turbo-show a Goodwood: 40 anni di sovralimentate in parata

Bentley
Turbo-show a Goodwood: 40 anni di sovralimentate in parata
Chiudi

L'edizione 2022 del Goodwood Festival of Speed vede la Bentley impegnata su molteplici fronti. Oltre alle numerose novità di prodotto, che comprendono l'anteprima della Continental GT Mulliner e degli allestimenti S delle Continental e della Flying Spur, la Casa inglese ha voluto celebrare la sua storia con due iniziative: la sfilata per i quarant'anni dei motori turbo e l'annuncio della serie Continuation della Speed Six.

Quarant'anni dell'era Turbo della Bentley. Nel 1982 la Bentley presentò la Mulsanne Turbo, il primo modello sovralimentato della propria storia. A quarant'anni di distanza da quell'importante evoluzione tecnica, la Casa ha voluto dare vita a Goodwood a una sfilata che ha riunito i dieci modelli più significativi appartenenti alla Heritage Collection e alla produzione attuale.

Agli albori fu Mulsanne. Tutto era iniziato aggiungendo un turbocompressore al classico V8 da 6.75 litri che la Bentley utilizzava dal 1959, con il risultato di portare la potenza da 200 a 300 CV: la Mulsanne ottenne così prestazioni da supercar e nel 1985 la presentazione della successiva Turbo R coincise con la nascita di quello che diventò un vero e proprio status symbol del decennio.

Le protagoniste della parata. A Goodwood, la Bentley ha riunito il meglio della propria collezione: una Turbo R del 1991 (prodotta in 4.111 esemplari in nove anni), una Continental R dello stesso anno (capace all'epoca di 355 CV e 245 km/h), una Arnage Red Label del 1998 (nata sotto la proprietà della Volkswagen e dotata di un propulsore da 405 CV), la Continental GT del 2003 (la prima con il W12, qui nella sua incarnazione originaria da 560 CV), la Brooklands del 2010 (una serie limitata da 296 km/h di velocità massima), la Mulsanne, sempre del 2010 (512 CV e 1.020 Nm), la Continental GT V8 del 2012 (la prima con l'otto cilindri di origini Audi) e la gamma completa dei modelli attualmente in commercio.

La Continuation Series della Speed Six. Alla rassegna inglese, la Casa ha inoltre annunciato che attraverso il reparto Mulliner saranno realizzati dodici nuovi esemplari della Speed Six, nell'ambito del programma Continuation Series. Le vetture replicheranno i modelli da competizione (equipaggiati con un monumentale 6.5 litri sei cilindri in linea e impegnati a Le Mans nel 1929 e nel 1930), seguendo la stessa filosofia che ha già dato vita alla Continuation Series della Blower.

Tutte già vendute (per 1,5 milioni di sterline). Le dodici unità, che adottano anche lo stesso "inline six" da 200 CV delle originali (e che come quelle sono capaci di raggiungere i 200 km/h di velocità massima) sono già state tutte vendute, per 1,5 milioni di sterline ciascuna. La Bentley costruì tra il 1928 ed il 1930 soltanto 182 esemplari del modello, e per raccogliere tutte le informazioni necessarie alla realizzazione delle repliche ha utilizzato due unità della serie: la Old Number 3, impegnata alla 24 Ore di Le Mans del 1930 e un esemplare del 1929 di proprietà della Heritage Collection.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Bentley - Turbo-show a Goodwood: 40 anni di sovralimentate in parata

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it