Foto spia

Porsche 911 GT3
Primi test su strada per la Cabrio

Porsche 911 GT3
Primi test su strada per la Cabrio
Chiudi

Tra pochi mesi la Porsche presenterà l'erede dell'attuale 911: prima dell'arrivo della 992, però, la Casa di Zuffenhausen potrebbe dare l'addio alla 991 presentando una versione totalmente inedita della sportiva, la GT3 Cabrio. Per il momento, tuttavia, non è chiaro se questo modello entrerà in produzione in serie limitata.

GT3 en plein air. Il canto del cigno dell'attuale generazione sarà open top: ma in aggiunta alla già annunciata versione Speedster, i tecnici della Porsche hanno iniziato a collaudare sulle strade attorno al Nürburgring anche un prototipo di cabriolet probabilmente equipaggiato con la meccanica della GT3. Oltre al kit aerodinamico, con paraurti derivati dalla versione Touring, il muletto dispone del doppio scarico centrale tipico della sportiva con motore aspirato, ancora privo dei terminali definitivi, dei cerchi monodado e del possente impianto frenante che caratterizza tutte le GT3.

Dettagli aerodinamici esclusivi. La parte posteriore della carrozzeria ricalca le linee delle varie versioni Cabrio della 911: il tetto in tela si abbina a un cofano motore modificato e a un alettone lievemente allungato rispetto a quello dei modelli attualmente presenti in gamma, Turbo esclusa. Al di sotto dello spoiler, inoltre, non è presente la fascia a Led che sulle altre versioni della 991 facelift congiunge i due gruppi ottici posteriori, esattamente come già visto sulla Touring.

Flat six aspirato da 9.000 giri. Dentro al cofano posteriore potrebbe essere presente il flat six aspirato della GT3: il quattro litri della coupé può raggiungere i 9.000 giri ed è in grado di erogare 500 CV a 8.250 giri e una coppia massima di 460 Nm a 6.000 giri/min. La versione con tetto fisso, proposta con cambio manuale o automatico Pdk a doppia frizione, può scattare da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi (3,9 con trasmissione manuale) e raggiungere una velocità massima di 320 km/h.

COMMENTI