Foto spia

Fiat Tipo
Primi collaudi per il facelift

Fiat Tipo
Primi collaudi per il facelift
Chiudi

La Fiat Tipo rimarrà sul mercato almeno fino al 2024 e per prepararsi ad affrontare altri quattro anni di carriera si aggiornerà con un facelift. La versione rinnovata della media italiana dovrebbe arrivare sui mercati internazionali il prossimo anno, con novità sia dal punto di vista stilistico, sia a livello di motorizzazioni e tecnologia. L'inizio della produzione della Tipo restyling è prevista per l'ultimo trimestre di quest'anno. La segmento C manterrà lo stesso pianale Fga small (portato al debutto dalla Grande Punto nel 2005) già utilizzato dal modello attualmente in commercio e le dimensioni esterne non cambieranno, così come l'abitabilità interna e il volume del bagagliaio. Dovrebbero essere confermate le tre varianti carrozzeria attualmente disponibili: berlina, cinque porte e station wagon.

Nuovo frontale. I tecnici della Fiat hanno da poco avviato i collaudi stradali della Tipo restyling, utilizzando prototipi con poche ma pesanti camuffature che celano quella che sarà la parte che subirà i maggiori ritocchi, ovvero il frontale. Il muletto immortalato in queste foto spia dispone di una copertura totale della calandra e di buona parte del paraurti: proprio la griglia e le prese d'aria anteriori saranno alcune delle modifiche estetiche principali del facelift. Non è da escludere che i designer del marchio torinese abbiano in serbo anche altri aggiornamenti, uno su tutti quello dei gruppi ottici, che potrebbero evolversi con un nuovo stile per le luci diurne a Led. Il facelift, inoltre, potrebbe portare novità anche al posteriore, introducendo paraurti aggiornato e nuovi gruppi ottici.

2020-Fiat-Tipo-facelift-retro

Spazio all'ibrido e a nuovi Adas. Con il restyling che l'accompagnerà verso la fine della carriera, la Tipo potrebbe ricevere importanti aggiornamenti anche a livello di propulsori e tecnologia di bordo, a partire dagli Adas come il cruise control adattivo, il mantenimento della traiettoria e una versione aggiornata della frenata d'emergenza. Molto probabile, se non scontata, è l'introduzione di nuove motorizzazioni mild hybrid che consentiranno di ridurre la media emissioni della gamma di Torino. Per il momento, non sono emersi ulteriori dettagli sui powertrain che verranno elettrificati, ma la Tipo dovrebbe adottare i nuovi motori della famiglia FireFly già visti su altri modelli del gruppo FCA, come il 1.0 T3 da 120 CV attualmente disponibile sulla Jeep Renegade. Da confermare, infine, la presenza in gamma del 1.3 MultiJet turbodiesel.

200 milioni di investimenti. Per aggiornare le linee produttive della fabbrica di Bursa, in Turchia, dove attualmente vengono assemblate le tre varianti della Tipo insieme alla sorella Aegea, la Tofaş (la joint venture creata dal gruppo FCA con la turca Koç Holding) ha annunciato investimenti per 200 milioni di euro. I lavori nello stabilimento turco dovrebbero partire già quest'anno e consentiranno di raggiungere una produzione totale di 1,45 milioni di esemplari, contro gli 1,3 previsti nel 2013.

COMMENTI

  • Questione di gusti. Il posteriore lo trovo mille volte meglio quello della Tipo rispetto al Cesso Audi A3
  • Un'auto purtroppo con un posteriore inguardabile, in primis per quei fari posteriori davvero a dir poco osceni. Peggio di così era davvero difficile pensarli. Peccato veramente perchè poteva uscire un modello d'auto parecchio desiderato, e invece infatti son pochi gli italiani ad averla comprata, non piace, non piace proprio com'è stata finita dietro. Dentro poi andiamo di male in peggio con quella plancia altrettanto oscena e quelle plastiche che andavano bene 10 anni fà.
  • Sono un cliente del gruppo FCA da tempo immemorabile avendo avuto Fiat Lancia e Alfa Romeo . Attualmente posseggo ancora una validissima Alfa 156 1600 SW , mia auto aziendale quando ero ancora in servizio attivo. Ritengo la Tipo un auto validissima e attuale , la 4 porte sembra addirittura di una categoria superiore e con i colori adatti fa una gran bella figura. Bene mantenerla a listino e con motorizzazioni anche più prestanti come il 1300 da 150 CV e un assetto sportivo. Non si vive di solo Golf….
  • Ho la Tipo da tre di anni. La mia è la versione Easy da 5 porte. A distanza di questo tempo e con circa 45.000 km percorsi debbo dire che è una macchina onesta. Mai un problema e consumi nella norma se non la si spinge troppo. Per la sua categoria la ritengo comoda, ed in definitiva è ottima per un uso familiare e per lavoro. Certo, l'allestimento scelto non è il top, ma c'è tutto quello che serve. Del resto per il prezzo pagato, difficilmente si trova in giro qualcosa di simile. Se dopo due anni la dovessi riacquistare lo farei ad occhi chiusi.
  • Bravo è stata prodotta in circa 350 mila pezzi, qui siamo oltre le 500mila.... comunque dopo averla provata in piu' versioni confermo a distanza di tempo quanto dissi, ovvero che questa è una macchina di sostanza dove è sbagliato confrontarla con Golf, 308 ecc. perchè è posizionata più in basso (i prezzi di vendita non sono quelli di listino)... comoda lo è, spaziosa anche, ben piantata a terra e ora anche ben dotata dalla Lounge in su... da comprare e tenere fino a quando cammina perchè si svaluta fortemente. Vorrei che piu' costruttori si cimentassero in auto con questa conccretezza perchè non tutti si possono permettere di spendere cifre elevate.
  • Penso che l'Italia sia il solo mercato dove la Tipo ha fatto buon numeri di vendite. L'estate scorsa sono stato in Belgio e nel nord della Francia per vacanza e ne ho solo viste un paio a Liegi.Qui in Inghilterra se ne vedono pochissime in circolazione anche se sono in vendita con forti sconti sul nuovo e sull'usato.
  • Se avrà un futuro sarà di sicuro progettata sul pianale CMP PSA (la prossima C4 presentata a settembre è costituita su questa nuovissima piattaforma) che permette la "versione" full electric e non penso ci sia un futuro "a metano". Non è più in produzione il Doblò se non in versione commerciale. Non sono sicuro ma penso che escano dalla stessa fabbrica. Probabilmente in futuro ci sarà un Berlingo con stemma Fiat così com'è per Peugeot, Opel, Toyota diversificandone solo il frontale.
  • Tipo auto assurda coi prezzi che costa compri le Audi a 3 fine serie o le golf 7
     Leggi le risposte
  • non sembra cambiare un granché, staremo a vedere...
  • Peccato non leggere di una possibile versione a metano dopo il grave errore di non averla prevista al lancio dell'auto (pare addirittura neanche prevista durante la progettazione dell'auto) quando si aveva il 1.4 T-Jet in casa e montato sulla linea di produzione del Doblò nello stesso stabilimento a Bursa. Si era letto qualche tempo di una possibile versione a metano con il restyling con il 1.0 FireFly ma forse si è soprasseduto, forse per come sono state scritte le regole europee sulla CO2 che manco considerano il biometano? Peccato, rischia di diventare di nuovo un'occasione persa. Poi fra qualche anno, con le piattaforme di PSA, per le versioni CNG sarà un addio definitivo.
     Leggi le risposte
  • Posso confermare che il controllo di velocità adattativo era presente già dal 2016 alla modica cifra di 250 euro, mentre la concorrenza ne era sprovvista o costava quasi 1000 euro sull'Audi
  • Ricordiamo che la nascita della famiglia Tipo è stato un progetto voluto da Altavilla in evoluzione di quella Aegea pensata inizialmente solo per i mercati cosiddetti emergenti, famiglia Tipo che però Marchionne aveva annunciato non avrebbe avuto futuro. ....... Ora evidentemente Gorlier ha ottenuto da Manley i fondi necessari al restyling e al suo prolungamento di vita, del resto lasciare campo libero ai concorrenti anche nel segmento C, dopo averlo già lasciato praticamente in quasi tutto il resto, appariva veramente folle...
  • Gli aggiornamenti permettono anche di migliorare piccoli difetti di gioventù! I powertrain saranno interessanti, una concorrente competitiva della Scala di VW.
     Leggi le risposte