Industria e Finanza

Paolo Fresco
Quando proposi all'Avvocato di vendere la Fiat Auto...

Paolo Fresco
Quando proposi all'Avvocato di vendere la Fiat Auto...
Chiudi

«Proposi all'Avvocato di vendere la Fiat Auto. Rispose che era la cosa giusta da fare, ma che il nonno si sarebbe rivoltato nella tomba e quindi di farlo soltanto dopo la sua morte». Pochi giorni dopo il quindicinale dalla scomparsa di Gianni Agnelli, il supermanager Paolo Fresco, al timone della Fiat dal ’98 al 2003, ricorda quegli anni a Torino in una bella intervista di Pier Luigi Vercesi, sul Corriere della Sera. Fresco, avvocato pure lui, negli anni 90 era nel mirino di Agnelli che cercava un successore di Cesare Romiti, e aveva individuato nel numero due della General Electric, una delle più grandi aziende a livello mondiale, la persona giusta. Una stima reciproca, afferma l’84enne Fresco, che accettò l’incarico dopo aver compiuto 65 anni, per incassare il premio di fedeltà dalla GE.

Difficoltà italiane. Fresco, nato a Milano, liceale a Genova con un compagno di classe come Paolo Villaggio (e quindi amico anche di Fabrizio de André) si era costruito una carriera americana fino ai vertici della GE. Tornato in Italia, però, dovette fare i conti con alcune difficoltà: la prima, la differenza di ruolo di un presidente in un’azienda Usa, dov’è pienamente operativo, e quello che lo aspettava alla Fiat, dove l’amministratore delegato, Paolo Cantarella, aveva le stesse deleghe. “Lui immaginava di poter fare come Romiti e con il suo atteggiamento mi turbava perché sembrava volermi isolare dal resto dell'azienda: se chiamavo un dirigente, lui imponeva che passasse prima e dopo dai suoi uffici per riferire”, ricorda Fresco. “Andai dall'Avvocato e gli chiesi di scegliere; mi disse di aspettare sei mesi. Alla fine mi concentrai su ciò che sapevo fare meglio: negoziare. Individuare azioni strategiche e poi trattare ottenendo il massimo dalla controparte. In America ero il migliore".

La sua strategia alla Fiat. Di fronte al divieto di vendere la Fiat Auto, la soluzione fu quella di cercare un'alternativa progressiva. “Cominciai una trattativa con la Mercedes: offrivano 10 miliardi di euro, noi ne chiedevamo 12”. E non se ne fece niente, neppure dopo un incontro a New York tra Jürgen Schrempp, presidente della Daimler, e l'Avvocato. Ma la strada era quella giusta. "Qualche tempo prima mi avevano cercato dalla General Motors. Li richiamai e giocai il tutto per tutto: stiamo chiudendo a 12 miliardi con i tedeschi, firmiamo tra 15 giorni, avete qualcosa da proporci? Dissero che 12 miliardi andavano bene, ma preferivano partire rilevando il 20%. Risposi che la proposta mi allettava, perché l'Avvocato auspicava una soluzione graduale. Però dovevano darmi garanzie. Si rifiutarono, ma i tempi erano stretti e alla fine accettarono la fatidica clausola: a richiesta della Fiat, sarebbero stati obbligati a comprare il restante 80%".

Il salvataggio di Marchionne. Grazie alla trattativa di Fresco, fu poi possibile al ceo, Sergio Marchionne, nel 2005, con Luca Cordero di Montezemolo alla presidenza, di negoziare la rinuncia alla clausola ottenendo in cambio una penale salatissima e la restituzione gratuita del 20% delle azioni. Nel frattempo, però, gli scenari erano cambiati. L’Avvocato era morto e l’ex manager della General Electric aveva preferito uscire di scena per “opportunità”, come ammette, per la scarsa sintonia con Umberto Agnelli. E qui racconta un altro interessante aneddoto. “Quando l'Avvocato era già malato, Umberto tentò un golpe: riuscii a sventarlo grazie a una manina gentile che fece pervenire alla stampa il piano architettato per farmi dimettere durante un Cda già convocato". Secondo Fresco, il fratello dell’Avvocato avrebbe voluto in campo “l'uomo dei fallimenti”, Enrico Bondi, che poi si sarebbe occupato di Parmalat. Ma il suo piano fallì. Il resto è storia, fino all’uscita definitiva dagli anni più difficili e al “miracolo” della FCA.

COMMENTI

  • Sta tutto qua il malinteso senso della parola "salvataggio", in quel "Marchionne ha salvato la Fiat" buttato sul tavolo senza alcun ritegno. Per fortuna tutto ciò ha diverse sfaccettaure e ciascuno sceglie di osservare la preferita. Quella forse più realistica è che non ha salvato un bel tubo. Percui il verbo correttamente coniugato sarebbe "ridimensionato". Allora, con una visione più obbiettiva, ci si renderebbe conto che "salvare" una azienda ridimensionandola fino quasi all'estinzione, sarebbe un modo elegante per farla girare al minimo purché respiri, per compiacere Governo e Sindacati, altrimenti sul piede di guerra alla sola idea di chiudere i suoi pochi siti produttivi nazionali. Non saprei in che altro modo definire le 700.000 insignificanti e decotte vetturette prodotte da FCA-Italy nel 2017 (800.000 le Golf che escono da un solo stabilimento nello stesso anno), di cui la metà in Italia, ormai paese terzomondista della prima ora visto che ne produce più la Tailandia. Il salvataggio non è stato né di Fiat Auto Spa (oggi brand di FCA Italy) né dell'industria dell'auto nazionale ma del portafoglio di casa. Cosicchè i coreani prendono 5 stelle nella prova Euroncap e noi con la incolpevole ed ormai rincoglionita Ypsilon, prendiamo fuoco.
  • La storia, non io, ci dice che la FIAT è morta nel momento in cui fu cacciato l'ing. Ghidella. Venne Romiti e furono svenduti tutti gli asset per rimpinzare le tasche degli Agnelli. Questa è la storia! Con la FIAT morì anche la LANCIA, patrimonio nazionale con una storia unica nel suo genere! Invito tutti a non nominarla invano! Compreso MArchionne, i cui milioni non lo salveranno dal naturale corso della vita. Invece la LANCIA con la sua storia eisterà per sempre!
  • Col senno di poi era meglio vendere tutto a Daimler; almeno adesso ci sarebbe ancora (e più vitale) una Lancia (perfetta da inserire in una fascia sotto Mercedes), una Alfa senza orrendi "miti" e una Fiat non così scoordinata .
     Leggi risposte
  • forse fresco ha fatto (concordato?) inserire la clausola per difendere la proprietà da un ripensamento gm: farla valere senza un progetto industriale avrebbe solo ridotto le perdite. quanto poi occorso la dice lunga sulla differenza tra un fresco zelante esecutore della volontà di un singolo (e particolarmente attento a non perdere nulla di quanto gli spettava) e marchionne, che, se non sbaglio, ha dichiarato che adesso fca ha le capacità per procedere senza l'aiuto di nessuno nel mondo dell'auto. ritengo quindi che l'intervista al vecchio manager non faccia altro che ribadire quanto già sappiamo: fiat ha avuto la fortuna di trovare, nei suoi momenti più critici, persone che l'hanno traghettata da protagonista in nuovi scenari. sono figure controverse, sia valletta che marchionne, ma sono uomini che molti dovrebbero ringraziare, a cominciare da chi, lavorando in fiat, ha un ad e non un liquidatore scarsamente interessato alle conseguenze del suo operato
  • Cioè sostengo una tesi idiota che nessuno si è mai sognato di sostenere (cioè che il Dott. Marchionne, che all'epoca era lontano anni luce da FCA, abbia inserito lui l'opzione di PUT di un contratto firmato prima che arrivasse) e poi do ragione ad un ex (pessimo) manager che racconta quello che tutti sanno... No no: qui qualcuno ha seri problemi!
     Leggi risposte
  • la Fiat di allora non è la FCA di oggi. Gli incapaci manager del passato, più finanzieri che industriali, non sono riusciti a creare un gruppo internazionale e a sfondare nei mercati esteri. Ed è quello che sta tentando (finora con molto successo a dispetto di varie critiche) Marchionne, che ha letteralmente salvato l'azienda. Ha potenziato un brand internazionale (jeep), sta lanciando Alfa con prodotti finalmente all'altezza, ha cessato i rami secchi e senza futuro (Lancia), e ha riposizionato Fiat da costruttore generalista a costruttore di auto più alla moda (famiglia 500). Per non parlare di Maserati e Ferrari che ogni anno macinano record di vendite e profitti. Direi che la strategia funziona e i prodotti ci sono altri ne arriveranno a breve. Purtroppo il passato era pieno di manager poco lungimiranti e di vedute corte. Comunque Fresco poteva tenersele per lui certe esternazioni dell'Avvocato, che siano vere o false nessuno può confermarlo, mi sembra scorretto parlare per altri quando non ci sono più .
     Leggi risposte
  • Toh! "Parli del diavolo e spuntano le....." Avevo giusto citato Fresco giorni fa a margine di un articolo su Marchionne. .... Quel che si evidenzia qui è che fu Paolo Fresco ad insistere per una vendita del comparto auto mentre l'avvocato sarebbe stato contrario, ai tempi si parlava invece che il manager fu scelto proprio per le sua abilità a trovare un compratore, con la vendita già decisa nel palazzo di famiglia e col parere contrario del fratello Umberto. ..... Viene confermata poi la tesi che la clausola di risarcimento per la famosa mancata "Opzione Put" fu inserita nel contratto proprio da Fresco e che l'attuale AD canadese al suo insediamento ne ha solo preteso da GM l'esecuzione pratica, di fatto ha soltanto raccolto il frutto maturo seminato e coltivato da altri, vengono così smenti i soliti "paggetti reggi_strascico" di Marchionne che in passato si sono affrettati ad attribuirgli tutto il merito dell'operazione.......... Si potrebbe scrivere un libro: "Famiglia Agnelli/Elkann, la Fiat e i suoi amministratori, pagine nere della storia industriale italiana" .....
     Leggi risposte
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/22535/2019-ford-mustang-mach-e-00312.jpg Ford Mustang Mach-E: ecco com'è http://tv.quattroruote.it/news/video/ford-mustang-mach-e-ecco-com- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22651/THUMB.png Ferrari Roma, l'analisi stilistica: tutti i dettagli del design spiegati in esclusiva http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-roma-lanalisi-stilistica-tutti-i-dettagli-del-design-spiegati-in-esclusiva News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22925/FAST LAP CORVETTE.jpg Il giro di pista della Chevrolet Corvette C8 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-giro-di-pista-della-corvette-c8 News

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca