Gruppo Volkswagen Al via il riassetto, Herbert Diess è il nuovo ceo

Rosario Murgida Rosario Murgida
Gruppo Volkswagen
Al via il riassetto, Herbert Diess è il nuovo ceo
Chiudi
 

Il gruppo Volkswagen avvia una profonda riorganizzazione della sua struttura organizzativa e, a conferma delle indiscrezioni dei giorni scorsi giorni, nomina Herbert Diess nuovo amministratore delegato.

Müller lascia dopo due anni. Diess, attuale responsabile del marchio Volkswagen, prenderà il posto di Matthias Müller, il dirigente della Porsche diventato amministratore delegato nel settembre del 2015 in sostituzione di Martin Winterkorn e protagonista del ritorno alla crescita dell'intero gruppo dopo lo scandalo del dieselgate. "Matthias Müller ha svolto un lavoro eccezionale per il gruppo Volkswagen. Ha assunto la presidenza del consiglio di gestione nell'autunno del 2015 quando l'azienda ha affrontato la più grande sfida della sua storia", ha commentato il presidente del consiglio di sorveglianza, Hans Dieter Poetsch. "Non solo ha traghettato in tutta sicurezza la Volkswagen in questo periodo. Insieme alla sua squadra, ha anche radicalmente riallineato la strategia del gruppo, avviato il cambiamento culturale e, con grande impegno personale, ha fatto in modo che il gruppo Volkswagen non rimanesse semplicemente in carreggiata, ma diventasse ora più robusto che mai".

Modifica all'intera struttura. A Diess, sulla base di un mandato di durata quinquennale, sarà ora affidata la responsabilità di un gruppo destinato a cambiare pelle in maniera profonda. I consigli di gestione e di sorveglianza hanno infatti deliberato di rivederne "in modo radicale", la struttura societaria con la creazione di sei divisioni, cui si affiancherà una struttura organizzativa esclusivamente dedicata alla Cina, a causa - ha spiegato il nuovo numero uno durante un'apposita conferenza stampa - della "enorme importanza del mercato cinese per i ricavi e gli utili e per il crescente ruolo nell'elettrificazione". Oltre alle divisione saranno costituiti tre gruppi di marchi sulla base del posizionamento sul mercato dei 12 marchi in portafoglio. Diess ha fornito spiegazioni ben precise proprio sui nuovi "supergruppi" interni. Uno riunirà i brand di massa VW, Seat, Skoda, i veicoli commerciali leggeri e i servizi per la mobilità del futuro. Il secondo sarà dedicato al segmento premium e consisterà dell'attuale Audi, mentre il terzo per il segmento superpremium sarà guidato da Porsche e composto anche da Bugatti, Bentley e "in prospettiva" dalla Lamborghini. Il nuovo amministratore delegato, interpellato sul futuro della Ducati, non ha fornito indicazioni limitandosi ad affermare come "nulla sia stato ancora deciso". Infine è anche prevista la quotazione in Borsa dell'attuale divisione Truck & Bus, responsabile delle attività nel campo dei veicoli industriali con la tedesca Man e la svedese Scania. Ne sarà trasferita la sede a Monaco di Baviera, ma questo non significa, stando alle parole di Poetsch, che Wolfsburg intenda rinunciare al suo controllo.

Rimpasto manageriale. La nuova organizzazione prevede che gli attuali responsabili dei singoli marchi del gruppo (sono 12) assumano ulteriori ruoli gestionali secondo un principio della trasversalità che sarà perseguito anche per altre funzioni come negli Acquisti e nella Componentistica, destinate a confluire in futuro in un'unica organizzazione. Diess sarà, per esempio, responsabile anche delle attività di Ricerca e Sviluppo e nel campo della connettività dei veicoli e pertanto sarà affiancato da un direttore operativo per il brand VW con responsabilità su gran parte delle attività del marchio principale del gruppo di Wolfsburg. Inoltre Rupert Stadler, attuale numero uno dell'Audi, assumerà la guida delle vendite dell'intero gruppo, Oliver Blume, alla guida della Porsche, supervisionerà le attività produttive, e il direttore finanziario Frank Witter avrà in mano anche l'Information Technology. Il principio della trasversalità sarà perseguito anche per altre funzioni come negli acquisti e nella componentistica, che confluiranno in futuro in un'unica organizzazione. Il nuovo assetto è volto, secondo i vertici di Wolfsburg, a semplificare la gestione, a sfruttare le sinergie tra le singole unità operative e ad accelerare i processi decisionali. Con l'occasione il board ha annunciato anche l'uscita di alcuni manager. Karlheinz Blessing, dall'inizio del 2016 responsabile delle risorse umane, sarà sostituito dall'attuale segretario generale del Consiglio di Fabbrica, Gunnar Kilian, ma rimarrà comunque all'interno del gruppo con un incarico di consulenza. Infine lascia il gruppo Francisco Javier Garcia Sanz, il cui ruolo di responsabile degli Acquisti sarà assunto ad interim da Ralf Brandstaetter, attualmente incaricato degli  approvvigionamenti per il marchio VW.

Strategy 2025 non cambia. Il nuovo assetto  "a matrice" è volto, secondo l'azienda di Wolfsburg, a semplificare la gestione, a sfruttare le sinergie tra le singole unità operative e ad accelerare i processi decisionali senza però generare conseguenze sull'attuale piano industriale. "Non c'è motivo di cambiare il business plan Strategy 2025, ma bisogna aumentarne la velocità in modo significativo", ha fatto presente il nuovo amministratore delegato sottolineando la necessità di imprimere un colpo di acceleratore anche per effetto dei cambiamenti in atto nel settore automobilistico a livello globale. 

COMMENTI

  • Essere esautorato prima del termine del mandato è una bocciatura. Il consiglio di amministrazione ha scelto il cambiamento. Diess ricordiamoci ha rlanciato il marchio Mini(completamento defunto) integrandolo con Bmw rinnovando la gamma puntando su designer, qualità del prodotto ed innovazione. Muller è stato un traghettatore.
     Leggi risposte
  • Bellissimo vedere i frottolini fca dimenarsi come ballerine di lap dance al palo, purtroppo la realtà è questa un gruppo che produce auto e vende contro un gruppo che più che 2/3 modelli per brand non ha e rinfilza i concessionari di km zero! Buah Buah Buah Buah ridiculous
  • X MAROCCHI - PRIMA DI CRITICARE LEGGERE BENE PREGO. Marocchi forse devi stare più attento quando leggi, così eviti di scrivere cose che non sono vere. La mia Audi non è del 2000, la Audi A3 è 2000 cc. TDI del 2013. Quindi le tue considerazioni non sono veritiere e fondate. La mia Audi A3 ha il FAP perché è del 2013. Grazie per leggere attentamente.
     Leggi risposte
  • Mi sembra allucinante come tutti sembrano conoscere molto bene le dinamiche interne ai consigli di amministrazione e di sorveglianza della VW nonche' la politica locale di Wofsburg. E io che pensavo che il commentatore medio di 4R si trovasse in Italia di istruzione medio bassa, venditore di auto o chiacchierone di professione al bar sottocasa. E invece scopro con sorpresa che tutti hanno ruoli chiave a livello manageriale alla VW in Germania e hanno contribuito in prima persona a questa ristrutturazione. Complimenti a tutti.
     Leggi risposte
  • @Marco Leone. Sono andato a vedermi la nuova Superb in concessionario. Il venditore me l'ha presentata così:"Saprà sicuramente che Skoda fa parte del gruppo VW. Sotto questa carrozzeria c'è un' Audi. Ma mantenendo la qualità ai massimi livelli, siamo riusciti a creare un prodotto dal prezzo più accessibile. Anzi, le dirò di più: utilizzando componentistica ultra collaudata, che ci ha permesso di contenere i costi, questo prodotto è probabilmente più affidabile dei nostri modelli di punta, che qualche fisiologico problema di gioventù puossono averlo." Dopodiché è ovvio che tu al ristorante sei servito con "Mezzano DoP su mousse di mais", mentre a me buttano lì un piatto di "polenta e formaggio".
     Leggi risposte
  • @Marco Leone. Sono andato a vedermi la nuova Superb in concessionario. Il venditore me l'ha presentata così:"Saprà sicuramente che Skoda fa parte del gruppo VW. Sotto questa carrozzeria c'è un' Audi. Ma mantenendo la qualità ai massimi livelli, siamo riusciti a creare un prodotto dal prezzo più accessibile. Anzi, le dirò di più: utilizzando componentistica ultra collaudata, che ci ha permesso di contenere i costi, questo prodotto è probabilmente più affidabile dei nostri modelli di punta, che qualche fisiologico problema di gioventù puossono averlo." Dopodiché è ovvio che tu al ristorante sei servito con "Mezzano DoP su mousse di mais", mentre a me buttano lì un piatto di "polenta e formaggio".
     Leggi risposte
  • @Gianni Borg: Scusami, spesso il mio nick si impadronisce delle mie dita e scrivo con troppo sarcasmo. Ma sono assolutamente d'accordo con te nell'affermare che mettere una faccia pulita e sorridente che ha infuso calma e tranquillità nell'ambiente ha raggiunto il suo scopo. D'altronde, non mi permetterei mai di contestare il marketing tedesco, che fin dagli anni 30 del secolo scorso ha dimostrato di essere il migliore al mondo. Finendo col "Mild Hybrid", anche qui ci sono andato giù troppo pesante. Sicuramente da i suoi vantaggi. Ma non è una rivoluzione in campo motoristico. Purtroppo, qui scrivono persone che non sanno nulla di altri settori, altrimenti saprebbero che su altri veicoli il "recupero di energia" è stato installato già 20 anni fa. Concordo con te che sia vantaggioso in termini di costi, ma per me la definizione "Mild Hybrid" è una boiata che solo la mente di un pubblicitario tedesco poteva partorire. Sul Full Hybrid Toyota, ho le mie opinioni che concordano con le tue. Aspetto di vedere se il mercato mi darà ragione o torto.
     Leggi risposte
  • muller ha svolto un grande lavoro, traghettando il gruppo nella fase più difficile della sua storia. la proprietà, unica responsabile del dieselgate ed inspiegabilmente non chiamata a rispondere delle proprie colpe, non lo ha di certo supportato ed ora affida il gruppo ad un uomo che di certo non è di prodotto. viene spontaneo il confronto con fca: qui, la "dissoluta famiglia di proprietari" come qualcuno la definisce, non solo ha pescato il jolly dal mazzo, ma se lo è tenuto, e a ragione, ben stretto: anche quest'anno gli obiettivi di bilancio sono stati raggiunti, si può pure ipotizzare che gli utili verranno in parte distribuiti e la scarna gamma di prodotti è comunque composta esclusivamente da eccellenze. magari si presentano poche novità, ma la capacità di fare ottime auto è elevata ed indiscutibile: è questo che serve ad un'azienda automobilistica. intanto, nel capitale di hyundai, colosso globale, entrano (chissà perché) i capitali di un fondo che propone cambiamenti societari rilevanti; vag, costruttore primo tra i primi al mondo, cambia il proprio ad prima della scadenza del contratto e in mb, eccellenza cristallina, si scopre che il maggior azionista produce bus in cina e possiede pure volvo. come mai marchi di assoluto successo stanno vivendo quello che da tempo molti di noi si augurano succeda a fca dove, invece, si raggiunge un utile senza imputare alcuna plusvalenza (che, come qualcuno ignora, è tale quando è realizzata e che di ipotetico non ha un bel nulla)?
  • Quotare in borsa parti dell'azienda? Ma che strategia è mai questa?
     Leggi risposte
  • Secondo informazioni della stampa tedesca, vicine alla famiglia Porsche (possiedono il 52 % delle azioni del gruppo VAG), Müller è caduto in disgrazia, perché non ha saputo gestire il scandalo diesel. Inoltre voleva vendere varie aziende appartenenti al gruppo, non solo la Ducati, questo era il momento che ha fatto "arrabbiare" Wolfgang Porsche, che ha bloccato la svendita dei gioielli di famiglia e decretato la fine della carriera di Müller. Ma come in tutte le favole, esiste un lieto fine: Müller riceverà una buon'uscita di ca.30 milioni e vissero felici e contenti ..
  • Massimo rispetto per Muller, è lui che si è preso in carico quella enorme vagonata di cacca del dieselgate per quasi tre anni, ogni giorno. Ora è comprensibilmente "provato" e dopo aver impedito l'affondamento della corazzata, si può giustamente dedicare, a 64 anni, a quel che più gli aggrada, senza più farsi il sangue amaro dalla mattina alla sera. Continui scontri, tra azionisti arrabbiati, sindacati intransigenti, politicanti della Bassa Sassonia e non solo, associazioni di consumatori ecc, non devono essere stati proprio una passeggiata, immagino. Ora che le acque di sono calmate, tocca al 59enne Diess, ex BMW, uomo del fare che è stato in grado di tener testa al più forte sindacato tra le grandi aziende tedesche, portare avanti il cambiamento. Auguri, ti serviranno davvero due p...e colossali!
     Leggi risposte
  • ai
  • Muller non ha mai avuto (né mai avrà) le doti manageriali di Marchionne, ma sperare che con Diess vada meglio è quantomeno azzardato...
     Leggi risposte
  • Se vogliamo che tutto rimanga com'è, bisogna che tutto cambi...... (-_-) .... Battute a parte concordo con le analisi già scritte dagli altri, Müller da Ceo è durato come un gatto in tangenziale nonostante l'ottimo lavoro svolto, evidentemente la sua nomina è stata operata in fretta e furia per tappare la falla provocata dalle note vicende, le quali hanno portato all'improvvisa nonchè inattesa dipartita di Winterkorn ma evidentemente l'ex Porsche non godeva della fiducia di tutto il board. Altra cosa è il riassetto dei marchi, effettivamente Lambo e Ducati erano sottoposte gerarchicamente ad Audi, ora la prima figura come indipendente e della seconda non si fa neppure menzione, ok che la volevano vendere ma ora sembrerebbe non sia più sul mercato, a meno che, non sia nelle intenzioni rivedere la decisione presa a suo tempo da Müller. Circa l'assenza della Bentley presumo sia un'omissione giornalistica, mi pare improbabile se ne vogliano disfare dopo i cospicui investimenti operati anche a livello infrastrutturale.
     Leggi risposte
  • Complimenti per la riconoscenza: Müller ha trasformato una situazione da schifo in opportunità di rafforzamento. Una volta salvato il Gruppo, gli dicono: Danke, ma ora fatti da parte. Auf Wiedersehen!!
     Leggi risposte
  • Vent'anni fa fece scalpore un manager, che arrivato in capo all'Iveco, ha rivoluzionato i vertici dell'azienda: ogni dirigente deve essere responsabile di una linea di prodotto e di una linea di attività (sistema a matrice). Visto il successo venne subito promosso a capo del Gruppo Fiat. Certo, parlo di Marchionne. Nel mondo automotive è stata poi più o meno copiata, ma senza mettere in discussione la struttura piramidale classica. Vediamo quanto si spingerà il gruppo VW in questa direzione. La vedo come una rivoluzione interna, ma niente di rivoluzionario in generale. 2 domande: Lamborghini esce dall''Audi e passa al Gruppo? E la Ducati dove viene messa?
     Leggi risposte
  • Bentley nn viene menzionato ma ritengo sara'nel gruppo con Porsche,Lamborghini e Bugatti
     Leggi risposte
  • leggi tutto

    FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/21660/poster_001.jpg Teaser - Volkswagen T-Cross: le prime immagini della nostra prova http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/teaser-volkswagen-t-cross-le-prime-immagini-della-nostra-prova Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21632/Thumb_t-cross.jpg Volkswagen T-Cross vs Polo: quale scegliere http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/volkswagen-t-cross Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21401/WhatsApp Image 2019-03-05 at 19.05.07.jpeg Volkswagen Passat restyling 2019: ecco com'è cambiata (+ GTE) http://tv.quattroruote.it/eventi/ginevra-2019/video/vw-passat-mp4 Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21398/WhatsApp Image 2019-03-05 at 19.10.44.jpeg Volkswagen T-Roc R: come la Golf, anzi di più! http://tv.quattroruote.it/eventi/ginevra-2019/video/vw-t-rock-mp4 Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21366/id buggy1.jpg Volkswagen ID Buggy: la concept in onore di Bud Spener http://tv.quattroruote.it/eventi/ginevra-2019/video/vw-id-buggy-mp4 Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20703/poster_b2b78af8-fb64-4f91-9022-16d4d443b34e.jpg Nuova Volkswagen Touareg: la prova completa http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/la-nuova-volkswagen-touareg-la-prova-completa- Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20690/poster_001.jpg Teaser - Le prime immagini della nuova Volkswagen Touareg http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/teaser-le-prime-immagini-della-nuova-volkswagen-touareg Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20519/poster_9b57a20e-47bf-45b0-bd0b-95a972364152.jpg Nuova Volkswagen Touareg: ecco quanto è cambiata la terza generazione http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/nuova-volkswagen-touareg-ecco-quanto-cambiata-la-terza-generazione Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20399/Vw I.D. R.jpg Scoprite con noi la Volkswagen I.D. R che affronterà la Pikes Peak http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/scoprite-con-noi-la-volkswagen-i-d-r-che-affronter-la-pikes-peak Prove

    RIVISTE E ABBONAMENTI

    Il nuovo numero di Quattroruote vi aspetta in edicola e in edizione digitaleUn appuntamento da non perdere, che vede il proprio punto di forza nelle prove su strada, impreziosite da analisi ancora più approfondite su prestazioni, dotazioni tecnologiche e confort delle auto e personalizzate per i diversi modelli.

    Quattroruote

    Abbonati a Quattroruote!

    Sconti fino al 41%!

    SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

    UTILITÀ

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui >
    Targa
    Cerca