Dieselgate Volkswagen L'ex ceo Winterkorn al centro del processo iniziato in Germania

Rosario Murgida Rosario Murgida
Dieselgate Volkswagen
L'ex ceo Winterkorn al centro del processo iniziato in Germania
Chiudi
 

L'ex numero uno del gruppo Volkswagen, Martin Winterkorn, sarebbe stato troppo lento nell'affrontare la questione del dieselgate. È questo il principale capo d'accusa lanciato dal giudice Christian Jaede durante la seconda giornata di udienze del processo avviato presso il tribunale di Braunschweig, in Germania, per le mancate comunicazioni al mercato sulla manipolazione delle emissioni dei motori diesel. 

Richieste danni per oltre 9 miliardi. La ratio del processo ruota intorno a due semplici domande: chi era a conoscenza della truffa perpetrata e da quando. Le risposte sono ritenute fondamentali per determinare l'esito di un procedimento giudiziario con numeri talmente elevati da aver spinto il tribunale a convocare la prima udienza in un centro congressi della città sassone a pochi chilometri da Wolfsburg, sede storica della Volkswagen: sono più di 50 gli avvocati coinvolti e numerose le cause, molte riunite in forma di class action, 1.670 le richieste di risarcimento danni presentate da investitori e azionisti per un ammontare di 9,2 miliardi di euro, con il gestore del fondo Deka Investment della banca Sparkasse che ha promosso la cosiddetta causa-pilota chiedendo da solo 4 miliardi. Alcune delle richieste, comunque, potrebbero anche essere escluse. In particolare, i reclami basati su iniziative prese dalla Volkswagen prima del mese di luglio del 2012 potrebbero essere respinti per prescrizione.

Tempi lunghi. Oltre ai numeri del processo, anche i tempi rischiano di dilatarsi. Si parla di una durata che potrebbe protrarsi per tutto il 2019, anche se qualcuno ha ipotizzato diversi anni prima di giungere a una conclusione definitiva. Del resto, non è escluso che alla fine sia una corte di maggior grado a doversi pronunciare per chiudere una questione già costata al gruppo tedesco 27,4 miliardi di euro tra multe, sanzioni e oneri legati agli accordi transattivi raggiunti, per esempio, negli Stati Uniti. Il processo riguarda, tra l'altro, le cause avviate da alcuni azionisti o investitori della sola Volkswagen e non coinvolge altri filoni come le class action promosse da associazioni ambientaliste o dai consumatori. Proprio oggi è previsto l'avvio di un secondo procedimento promosso dagli azionisti della Porsche, anche se non è escluso che venga sospeso in attesa della conclusione del processo di Brauschweig.

Winterkorn sapeva o no? Questo di Braunschweig è nato dalle azioni legali intentate in seguito all'accusa mossa alla Volkswagen di non aver informato in modo tempestivo il mercato dell'impatto finanziario dello scandalo emerso il 18 settembre del 2015 con l'avviso di violazione emesso dall'Epa, l'agenzia statunitense per la protezione ambientale. Si tratta di una data spartiacque. Jaede ha infatti contestato a Winterkorn di non aver reagito con prontezza e rapidità dopo una riunione che si era svolta due mesi prima con il top management in cui era stato discusso come trattare l'intera questione con le autorità americane. Già allora, secondo le querele presentate, l'ex amministratore delegato sapeva delle conseguenze dello scandalo e pertanto avrebbe dovuto informare gli investitori dei possibili effetti sul mercato. "Chiunque avesse agito in buona fede avrebbe dato un seguito alle informazioni ottenute e invece non sembra sia successo", ha argomentato il giudice sottolineando, inoltre, come non siano chiari i motivi che hanno spinto i vertici a non rilasciare alcuna dichiarazione dopo la scoperta della manipolazione dei software per il controllo delle emissioni. Non solo. Jaede ha accusato Winterkorn di essere venuto a conoscenza della truffa molto prima di quanto finora ammesso dallo stesso dirigente anche in audizioni pubbliche davanti ai parlamentari tedeschi. L'ex ad, che, tra l'altro, deve affrontare un processo negli Stati Uniti per cospirazione, ha infatti affermato di aver scoperto la truffa solo successivamente all'ammissione ufficiale della Volkswagen dopo l'avviso emesso dall'Epa. Una posizione ribadita dai suoi legali durante il processo. Eppure, secondo alcuni investitori, Winterkorn sapeva già dal 2008.

Il 17 riprendono le udienze. Tutto il processo, dunque, ruota attorno ai tempi. I querelanti ritengono di essere stati truffati, visto che con le adeguate e tempestive informazioni avrebbero potuto dismettere le azioni in possesso o non procedere con gli acquisti ed evitare quindi di subire il crollo del titolo dopo il 18 settembre del 2015. Su tale questione la società, tramite i suoi legali, si è difesa affermando di non aver diffuso informazioni per non compromettere la possibilità di raggiungere un accordo con le autorità degli Stati Uniti, a partire da quell'Epa che ha assunto un ruolo chiave nell'intera vicenda. Anche se per Jaede la difesa della Volkswagen non ha fondamento, perché le mancate informazioni al mercato sarebbero state legittime solo nel caso di un accordo prossimo a essere chiuso o di una piena collaborazione con le autorità Usa. Il giudice tedesco non si è comunque limitato ad accusare il gruppo e i suoi difensori, come nel primo giorno di udienze, ma pur definendo illegale l'installazione dei software, ha fatto presente come non fosse del tutto chiaro l'intento dei vertici di ingannare i suoi azionisti e investitori. Lunedì prossimo è in programma una nuova udienza.

COMMENTI

  • In Italia con gli intrecci tra politica e grossi gruppi industriali dove sino ieri,le grosse industrie minacciavano di lasciare o licenziare se non avessero ottenuto contributi:FIAT in testa,avrebbero processato il capo supremo o avrebbero solo pagato i direttori delle varie divisioni con le motivazioni che il capo si occupa di far quadrare i conti e non può sapere cosa fanno le decine di migliaia dei suoi sottoposti?
  • Anche se con un po' di ritardo (strano perché le Vagnews arrivano subito) ma alla fine questa new è arrivata anche qui...
  • leggi tutto

    FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20703/poster_b2b78af8-fb64-4f91-9022-16d4d443b34e.jpg Nuova Volkswagen Touareg: la prova completa http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/la-nuova-volkswagen-touareg-la-prova-completa- Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20690/poster_001.jpg Teaser - Le prime immagini della nuova Volkswagen Touareg http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/teaser-le-prime-immagini-della-nuova-volkswagen-touareg Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20519/poster_9b57a20e-47bf-45b0-bd0b-95a972364152.jpg Nuova Volkswagen Touareg: ecco quanto è cambiata la terza generazione http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/nuova-volkswagen-touareg-ecco-quanto-cambiata-la-terza-generazione Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20399/Vw I.D. R.jpg Scoprite con noi la Volkswagen I.D. R che affronterà la Pikes Peak http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/scoprite-con-noi-la-volkswagen-i-d-r-che-affronter-la-pikes-peak Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20377/WhatsApp Image 2018-04-23 at 15.25.09.jpeg Volkswagen GTI: meglio up!, Polo o Golf? http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/volkswagen-gti-meglio-up-polo-o-golf- Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20126/vw vizzion.jpg Volkswagen I.D. Vizzion Concept, la Model S a guida autonoma presentata a Ginevra http://tv.quattroruote.it/eventi/ginevra-2018/video/volkswagen-i-d-vizzion-concept-la-model-s-a-guida-autonoma-presentata-a-ginevra Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19910/poster_07bf1e7c-15b6-46e2-aea8-43cbfcd925f3.jpg Volkswagen Arteon, la prova definitiva della 2.0 BiTDI 240 CV http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/prova-volkswagen-arteon-mp4 Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19837/poster_002.jpg Volkswagen Polo GTI: abbiamo guidato la 2.0 TSI da 200 CV http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/volkswagen-polo-gti-abbiamo-guidato-la-2-0-tsi-da-200-cv Première
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19832/poster_f3688ed8-8d24-440b-9779-1ef4dce994ff.jpg Teaser - Volkswagen T-Roc: le prime immagini della nostra prova con benzina e diesel! http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/teaser-volkswagen-t-roc-le-prime-immagini-della-nostra-prova-in-alta-montagna Flash

    RIVISTE E ABBONAMENTI

    Il nuovo numero di Quattroruote vi aspetta in edicola e in edizione digitaleUn appuntamento da non perdere, che vede il proprio punto di forza nelle prove su strada, impreziosite da analisi ancora più approfondite su prestazioni, dotazioni tecnologiche e confort delle auto e personalizzate per i diversi modelli.

    Quattroruote

    Abbonati a Quattroruote!

    Sconti fino al 41%!

    SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

    UTILITÀ

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui >
    Targa
    Cerca