Industria e Finanza

Nissan
Via libera alla nuova governance tra i malumori dei piccoli soci

Nissan
Via libera alla nuova governance tra i malumori dei piccoli soci
Chiudi

L'assemblea degli azionisti della Nissan ha approvato la riforma del governo societario della Casa di Yokohama. L'esito della riunione era ormai dato per scontato visto il compromesso raggiunto negli scorsi giorni con l'azionista di maggioranza, la Renault, per concedere maggior rappresentanza ai francesi nei comitati interni al consiglio di amministrazione fulcro della nuova governance. Tuttavia l'assemblea non si è rivelata una passeggiata per i vertici aziendali, a partire dall'amministratore delegato Hiroto Saikawa e dal neo vice presidente Jean-Dominique Senard. 

I nuovi comitati. L'assemblea, la prima senza Carlos Ghosn, per venti anni plenipotenziario e architetto dell'Alleanza tra la Nissan e la Renault, ha innanzitutto varato una riforma della governance pensata con l'obiettivo di separare le funzioni di vigilanza da quelle esecutive, aumentare la trasparenza nei processi decisionali e quindi porre la basi per evitare quell'eccessiva concentrazione di potere di cui è stato accusato il manager di origini brasiliane. Le modifiche principali riguardano la creazione di tre comitati endoconsiliari (per le nomine, le remunerazioni e il controllo) e l'aumento del numero dei membri del consiglio di amministrazione da 8 a 11, di cui ben 7 indipendenti.

Il compromesso con i francesi. Il via libera è arrivato per lo più grazie al supporto della Renault, azionista con il 43,4% del capitale. Il sostegno dei francesi è stato ottenuto, a sua volta, in seguito al compromesso raggiunto pochi giorni fa per evitare la loro astensione dal voto e quindi la mancanza del quorum dei due terzi del capitale necessario per l'approvazione. I vertici della Renault, per bocca del presidente Senard, avevano minacciato di boicottare la nuova governance se non avessero ottenuto una maggior rappresentanza in ogni nuovo comitato. La richiesta era di ottenere almeno due rappresentanti ma, alla fine, è stato raggiunto un compromesso che ha portato Senard nel comitato nomine e l'amministratore delegato Thierry Bolloré in quello per il controllo, mentre tra i consiglieri addetti alle remunerazioni è entrato solo l'indipendente Bernard Delmas. In tal modo i giapponesi sono riusciti a evitare quel possibile conflitto di interessi nella determinazione dei compensi che ha rappresentato una delle accuse più dure all'opera manageriale di Ghosn.

Il nuovo presidente. Con la nuova governance  i vertici della Nissan hanno voluto esplicitamente ridurre l'influenza francese nel Cda e a dimostrarlo è stata la proposta di nominare quale nuovo presidente Yasushi Kimura, attuale consulente del gruppo energetico Jxtg. Tuttavia proprio Kimura e gli altri neo consiglieri indipendenti rappresentano per i francesi una garanzia o comunque un buon segnale per un altro fronte caldo. A Boulogne-Billancourt, sede della Renault, pensano, infatti, che un consiglio di amministrazione composto per la maggior parte da indipendenti possa essere più favorevole o comunque meglio predisposto a valutare i meriti strategici del progetto di fusione con FCA saltato non solo per l'eccessiva ingerenza della politica transalpina, ma anche per la riluttanza dei giapponesi a esprimere un sì convinto alle nozze. 

Un'assemblea turbolenta. Il pensiero dei francesi si deve però scontare con una componente giapponese sempre più sul piede di guerra come dimostrato dallo svolgimento della stessa assemblea. Da tempo i rapporti tra le due anime dell'Alleanza non sono dei più idilliaci e, con l'arresto di Ghosn, gli attriti sono sfociati in un clima di alta tensione, che i segnali di distensione degli ultimi giorni non sembra siano sufficienti ad alleviare. Durante l'assemblea, durata quasi tre ore e mezza con la partecipazione di 2.814 soci, numerosi azionisti hanno preso di mira Saikawa addossandogli tutte le colpe per l'attuale situazione finanziaria della Nissan: le vendite sono in costante calo in Europa e Stati Uniti e nello scorso esercizio fiscale l'utile operativo è risultato in contrazione per la prima volta negli ultimi dieci anni. Alcuni hanno perfino chiesto a Saikawa di rassegnare le dimissioni come suggerito anche da alcune società di consulenza direzionale nei giorni precedenti l'assemblea. Dal canto suo il manager giapponese si è limitato a garantire il suo impegno a lavorare con il nuovo comitato nomine per elaborare un piano di successione. Sulla graticola è finito anche Senard, accusato di agire solo nell'interesse della Renault e non di quello della Nissan. Alcuni azionisti, per sostenere tale tesi, hanno ricordato i progetti di fusione della Régie prima con la Casa giapponese e poi con la Fiat Chrysler Automobiles. Il manager francese, visibilmente innervosito secondo le cronache delle agenzie internazionali, ha rigettato le accuse affermando di aver tentato la strada di operazioni con chiari benefici per la Nissan e di aver agito "per il bene" della Casa di Yokohama. "Dal mio arrivo, ho fatto di tutto per placare le tensioni" dopo lo scandalo Ghosn, ha sottolineato l’ex numero uno della Michelin ricordando di aver "rinunciato al diritto" di presiedere la Nissan e sostenendo, sulla proposta della FCA, quanto sarebbe stata "eccezionale" sia per i giapponesi che per l'Alleanza. "Vi prego di credermi, non avevo alcuna intenzione di essere aggressivo. Mi scuso ancora una volta se voi provate del risentimento dei miei confronti", ha concluso.

I nuovi diktat di Saikawa. La questione delle fusioni rimane comunque una fonte di tensione. Saikawa, da diversi giorni, chiede una riduzione dell'influenza transalpina, magari tramite un taglio alla partecipazione della Francia nel capitale della Renault e della quota detenuta da quest'ultima nella stessa Nissan. Si tratta di una condizione posta in particolare per dare il via libera all'aggregazione con FCA ma esplicitamente rigettata dai francesi. A tal proposito il manager nipponico, a margine dell'assemblea, ha ribadito non solo la necessità di pensare prima a una riorganizzazione della Nissan ma anche di essere pronto a rivedere l'attuale sistema di partecipazioni incrociate nell'Alleanza se dovesse rendersi necessario. "Abbiamo rinviato le discussioni sul futuro dell'Alleanza, ma questo rinvio può portare a un indebolimento della cooperazione e influenzare le operazioni su base giornaliera", ha affermato Saikawa. "Dobbiamo trovare un sistema che renda l'alleanza perenne: dobbiamo rivedere le partecipazioni incrociate? Forse sì, forse no, perché se il disequilibrio diventa un fattore di instabilità, allora la questione va messa sul tavolo". Saikawa, oltre a mettere in chiaro come un qualsiasi progetto di fusione con la Renault non sarebbe "competitivo per la Nissan", ha quindi assicurato il suo impegno a mantenere l'autonomia della Casa nipponica e lavorare con Senard su una futura struttura dell'Alleanza "più sostenibile". Di questo potrebbero parlare anche il presidente della Francia, Emmanuel Macron, e il premier giapponese Shinzo Abe a margine del G20 di Osaka nel corso di un incontro già programmato proprio per risolvere gli attuali attriti nei rapporti tra francesi e giapponesi.

COMMENTI

FOTO


VIDEO

https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News

Servizi Quattroruote

quotazione

Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

Non ricordi la tua targa? Clicca qui

logo

assicura

Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

In collaborazione con logo

finanziamento

Cerca il finanziamento auto su misura per te!

Risparmia fino a 2.000 €!

In collaborazione con logo

usato

Cerca annunci usato

Da a

listino

Trova la tua nuova auto

Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

provePdf

Scarica la prova completa in versione pdf

A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

Cerca