Industria e Finanza

Gruppo FCA
Usa, sanzioni per il mancato rispetto dei limiti su consumi ed emissioni

Gruppo FCA
Usa, sanzioni per il mancato rispetto dei limiti su consumi ed emissioni
Chiudi

Il gruppo FCA dovrà pagare alle autorità statunitensi 79 milioni di dollari (71,3 milioni di euro) per il mancato rispetto dei limiti sulle emissioni e sui consumi per i modelli dell'anno 2017. La sanzione, che non avrà impatti sostanziali sui risultati economici del costruttore italo-americano e dovrà essere pagata entro 60 giorni, è stata comunicata dalla National Highway Traffic Safety Administration (Nhtsa), l'agenzia federale per la sicurezza dei trasporti stradali. 

Quasi tutto il settore ha superato i limiti. La Fiat Chrysler Automobiles ha già dovuto sborsare 77,3 milioni di dollari per non aver soddisfatto gli standard sui model year 2016. Non è però la sola a non aver rispettato le disposizioni delle normative volute dall'ex amministrazione Obama e oggi messe in dubbio dall'attuale presidente Donald Trump. L'agenzia ha sottolineato come 13 delle 18 maggiori Case automobilistiche abbiano superato i limiti senza utilizzare i crediti ambientali. Inoltre, sulla base di quanto emerso dall'analisi delle varie vetture, è stato riscontrato anche un "ritardo rispetto agli standard attuali". "Un crescente numero di costruttori non è a norma con gli standard per i modelli 2018 e 2019", ha affermato la Nhtsa, prevedendo un "continuo aumento" delle potenziali sanzioni a carico delle Case. 

Un problema di mercato. La Fiat Chrysler ha ribadito all’agenzia l'impegno a investire dieci miliardi di dollari fino al 2022 per sviluppare più di 30 veicoli ibridi ed elettrici, ma si trova ad affrontare una questione di mercato di non poco conto: la crescente preferenza degli americani per veicoli di grandi dimensioni come le Suv e, soprattutto, i pick-up. Il problema della divergenza tra gli standard ambientali e l'andamento della domanda è stato più volte sollevato dalle stesse Case automobilistiche e in particolare da un'associazione (The Alliance of Automobile Manufacturers) che rappresentativa degli interessi di diversi gruppi come la General Motors, la Volkswagen e la Toyota. I costruttori sottolineano da anni i continui progressi sul fronte dei consumi e quindi delle emission,i ma anche come i risultati finora raggiunti siano minacciati dai trend di mercato. Lo dimostra l'aumento dei deficit: i model year 2016 hanno superato i limiti di solo mezzo miglio per gallone (0,2 km/l) mentre la media delle flotte 2017 è superiore di 1,5 miglia per gallone (0,6 km/l) rispetto alle 33,8 miglia (14,4 km/l) previsti dagli standard. "L'Alleanza continua a sostenere standard più elevati che siano raggiungibili e che riflettano la realtà del mercato", hanno affermato i costruttori. 

Gli obiettivi di Trump. È in tale contesto che si inserisce l'intenzione della Casa Bianca di riformare le attuali normative. L'amministrazione Trump, proprio alla luce del crescente divario tra emissioni delle flotte e standard, intende bloccare la progressiva implementazione dei limiti varati da Obama. Attualmente, l'obiettivo è di arrivare nel 2026 con un consumo medio di carburante di 46,7 miglia per gallone, ma Trump vuole congelare tutto e imporre uno standard di sole 37 miglia. La Casa Bianca, che già a luglio ha annullato il raddoppio delle sanzioni per il mancato rispetto dei limiti, si trova, però, ad affrontare l'opposizione di numerosi Stati, a partire dalla California, intenzionati a ricorrere fino alla Corte Suprema pur di bloccare i propositi di riforma dell'intero quadro normativo. Già a novembre dovrebbe essere presentata ai legislatori di Washington una bozza di modifica per opera dei funzionari dell'Nhtsa e dell'Epa (l'agenzia per la protezione ambientale). 

COMMENTI

  • Poveri Fiattari e povero Provola Notturna 😘
  • E' evidente che queste sanzioni risultano ai costruttori piu convenienti che non rispettare le leggi. Loro diranno sempre che ci vogliono un sacco di bene e pensano giorno e notte alla nostra salute io invece vedrei meglio sanzioni tali da farli dissuadere da intossicarci. Al momento a loro conviene così.
  • E' evidente che queste sanzioni risultano ai costruttori piu convenienti che non rispettare le leggi. Loro diranno sempre che ci vogliono un sacco di bene e pensano giorno e notte alla nostra salute io invece vedrei meglio sanzioni tali da farli dissuadere da intossicarci. Al momento a loro conviene così.
  • e i fiattari che sputavano di tutto addosso a vw in occasione del dieselgate muti...
     Leggi le risposte
  • Io credo che il mercato, oltre ad essere fatto dalla domanda, sia fatto anche dall'offerta. FCA non vuole più vendere la 500e sottocosto e guadagnare di più sui SUV aumentandone il prezzo. Allora è giusto che paghi le multe. Sinceramente credo che quella debba essere la direzione di tutte le case, ma è una cosa impossibile perché se una casa decidesse di non farlo, sarebbe l'unica a vendere SUV.
  • Ammmmericani....... FCA potrebbe rimettere in produzione la Giulietta con la coda declinata in Dodge Dart e Chrysler 200, non le comprerebbe nessuno ma almeno consumano poco ...... (-_-)
     Leggi le risposte