L'Audi taglia gli investimenti nel nuovo ciclo di pianificazione quinquennale: per il 2020-2024 sono stati stanziati 37 miliardi di euro per attività di Ricerca e sviluppo, proprietà immobiliari, impianti e attrezzature, contro i 40 miliardi indicati per il 2019-2023. Tuttavia, a Ingolstadt hanno deciso di mantenere un impegno a favore della mobilità elettrica, con la previsione di spendere 12 miliardi (nel precedente budget ne erano stati impegnati 14, non solo per i veicoli alla spina ma anche per la digitalizzazione e la guida autonoma). 

Risorse interne per le elettriche. L’impegno finanziario sarà sostenuto anche dal programma di efficientamento Audi Transformation Plan, lanciato due anni fa con l'obiettivo di liberare circa 15 miliardi di euro per futuri progetti. Finora, il piano ha contribuito con 4 miliardi di euro alla redditività operativa della Casa tedesca, ma entro il 2029 saranno liberate ulteriori risorse per 6 miliardi grazie alle misure per la produttività e la flessibilità stabilite nell'accordo raggiunto pochi giorni fa con le organizzazioni sindacali.

Obiettivi e piattaforme. I nuovi investimenti per la mobilità elettrica, a livelli record secondo i vertici aziendali, consentiranno all'Audi di finanziare l'accelerazione impressa a fine maggio alle strategie di elettrificazione. Per il 2025, la Casa di Ingolstadt punta ad avere in gamma più di 30 modelli elettrificati: inoltre, entro cinque anni il 40% delle vendite dovrà essere rappresentato da modelli ibridi o elettrici puri assemblati sulla base delle architetture PPE (sviluppata con la Porsche per i segmenti premium) e MEB, frutto della collaborazione con la Volkswagen. L’accelerazione dell’Audi è in linea con quanto deciso a Wolfsburg per l’intero gruppo Volkswagen: sono stati alzati i target di vendita per le elettriche e aumentati gli investimenti totali sulle nuove forme della mobilità.