Industria e Finanza

Fusione FCA-PSA
Raggiunto l'accordo, ecco tutti i dettagli

Fusione FCA-PSA
Raggiunto l'accordo, ecco tutti i dettagli
Chiudi

I gruppi Fiat Chrysler Automobiles e PSA hanno ufficializzato il protocollo d'intesa vincolante per la loro fusione. Dopo il via libera di ieri da parte di azionisti e massimi organi amministrativi è stato firmato l'accordo per creare il quarto maggior costruttore automobilistico al mondo in termini di volumi e il terzo per fatturato.

I numeri del nuovo gruppo. La fusione porterà alla costituzione di una nuova realtà, che, sulla base dei dati aggregati del 2018, avrà vendite annuali pari a 8,7 milioni di veicoli, con ricavi di quasi 170 miliardi di euro (per il 46% generati in Europa e per il 43% in Nord America), un utile operativo corrente di oltre 11 miliardi di euro e un margine operativo del 6,6%. "La solida struttura patrimoniale congiunta - si legge nel comunicato di ufficializzazione dell'operazione - offre significativa flessibilità finanziaria e ampi margini sia per implementare piani strategici che per investire in nuove tecnologie, per tutto il ciclo. Il nuovo gruppo avrà una presenza bilanciata e attività redditizie a livello globale, con un portafoglio di brand iconici e altamente complementari a copertura di tutti i principali segmenti da luxury a premium, dai veicoli passeggeri mainstream fino alle Suv, ai truck e ai veicoli commerciali leggeri. Questo grazie alla forza di FCA in Nord America e in America Latina e alla solidità di PSA in Europa".

Fusione FCA-PSA: la firma del memorandum d'intesa

Le sinergie. I due gruppi hanno anche fornito uno spaccato delle sinergie stimate dall'integrazione con maggiori dettagli rispetto a quando indicato alla fine di ottobre in occasione dell'annuncio di una prima intesa preliminare. "Le efficienze che risulteranno dall’ottimizzazione degli investimenti in piattaforme veicoli, famiglie motori e nuove tecnologie e dalla maggiore scala consentiranno al business di incrementare la sua capacità di acquisto e la creazione di valore per gli stakeholder", sottolineano i due gruppi. "Oltre due terzi dei volumi a regime saranno concentrati su due piattaforme, con volumi annuali di circa 3 milioni di veicoli sia sulla piattaforma small che su quella compact/mid-size". I risparmi associati alle tecnologie, ai prodotti e alle piattaforme rappresenteranno il 40% circa dei 3,7 miliardi di euro di sinergie annuali a regime, mentre i risparmi relativi agli acquisti, generati principalmente delle economie di scala e degli allineamenti al miglior prezzo, rappresenteranno un ulteriore 40%. Il restante 20% sarà rappresentato da risparmi in altre aree, tra cui marketing, information technology, spese generali e amministrative e logistica.

Nessuna chiusura di impianti. I due gruppi, infine, hanno confermato che nessuna fabbrica verrà chiusa. "Le stime non prevedono alcuna chiusura di stabilimenti in conseguenza dell’operazione", si spiega nel comunicato, dove si sottolinea come l'accordo produrrà "un flusso di cassa netto positivo già dal primo anno e che l’80% circa delle sinergie sarà raggiunto entro il quarto anno. Il costo una tantum per raggiungere l'obiettivo è stimato in 2,8 miliardi di euro.  

2019-fusione-FCA-PSA-2

In cda entreranno anche i lavoratori. Sul fronte della governance, non sussistono grandi sorprese rispetto all'accordo di fine ottobre, anche se emerge l'intenzione di consentire ai lavoratori di avere una rappresentanza. Il consiglio di amministrazione sarà composto da 11 membri, per la maggioranza indipendenti. Cinque consiglieri saranno nominati dalla FCA e dall'azionista di maggioranza: di questi, 2 saranno nominati dalla Exor della famiglia Agnelli e 2 dalla stessa Fca. A PSA e a suoi azionisti spetterà la nomina di altri 5 consiglieri: 2 su nomina del gruppo e uno a testa per Bpifrance (la holding di partecipazioni dello Stato francese) e per la famiglia Peugeot. Inoltre, al perfezionamento dell'intera operazione, previsto tra 12-15 mesi una volta soddisfatte diverse condizioni (via libera delle assemble e delle autorità antitrust, per esempio), il consiglio includerà due membri in rappresentanza dei lavoratori (uno in quota FCA e l'altro per PSA). Come noto da tempo Carlos Tavares, attuale numero dei francesi, sarà membro del cda e amministratore delegato per un mandato iniziale di cinque anni. La presidenza andrà a John Elkann, attuale presidente della Fiat Chrysler, mentre spetterà alla PSA indicare il vice presidente e il consigliere indipendente senior. La nuova capogruppo avrà sede in Olanda e sarà quotata su Euronext (Parigi), Borsa Italiana (Milano) e al New York Stock Exchange.

I vincoli alle partecipazioni. L'accordo prevede anche una serie di disposizioni su gestione delle partecipazioni e diritti di voto in capo agli azionisti. Questi ultimi, per statuto, non potranno superare il 30% dei voti espressi in assemblea. Gli attuali diritti speciali (voto raddoppiato) saranno cancellati e ne matureranno di nuovi solo dopo tre anni. È previsto uno "standstill" (impegno a non procedere con qualsiasi operazione straordinaria) di sette anni sulle partecipazioni della Exor, della Bpifrance (la holding di partecipazioni dello Stato francese), della Dongfeng e della famiglia Peugeot. L'unica eccezione è stata concessa agli eredi dei fondatori del gruppo transalpino: potranno aumentare del 2,5% la loro partecipazione del 6% circa acquisendo azioni sul mercato o da Bpifrance o da Dongfeng. La holding degli Agnelli e la Francia non potranno, inoltre, disporre per tre anni delle proprie azioni, che saranno pari, rispettivamente, al 14% e al 6% del capitale. Anche in questo caso, è stata concessa una sola eccezione alla Bpifrance: potrà ridurre del 5% la propria partecipazione nella PSA o del 2,5% nella nuova società. Infine, sono state confermate le indiscrezioni su un ridimensionamento della quota in capo ai cinesi per eliminare possibili ostacoli nel processo di autorizzazione negli Stati Uniti. La Dongfeng, che non avrà alcun rappresentante in cda, ha "concordato di vendere, e Groupe PSA ha concordato di acquistare, 30,7 milioni di azioni prima del closing", in modo da scendere al 4,5% del nuovo gruppo. 

Cambia lo spin-off di Comau. Sono state confermate anche alcune operazioni straordinarie necessarie per allineare i valori dei due gruppi e porre quindi le basi per rendere paritetica la fusione. Prima del perfezionamento, la Fiat Chrysler distribuirà ai propri azionisti un dividendo speciale di 5,5 miliardi di euro e la PSA distribuirà ai propri soci il 46% della società di componentistica Faurecia. Lo scorporo dell'azienda di robotica Comau sarà, invece, realizzato in modo diverso rispetto alle indicazioni originarie. Lo spin-off verrà effettuato dopo il closing dell'operazione e andrà a beneficio di tutti gli azionisti del nuovo gruppo e non più di quelli della sola FCA. Non solo: è previsto che ciascuna società distribuisca un dividendo ordinario di 1,1 miliardi di euro nel 2020. Infine, sono stati definiti anche i rapporti di concambio: gli azionisti della PSA riceveranno 1,742 azioni della società risultante dalla fusione per ogni titolo detenuto, mentre i soci FCA avranno una azione del nuovo gruppo per ogni azione. 

COMMENTI

  • Buongiorno a tutti, vi pongo una domanda. Sto leggendo svariati articoli sulla fusione FCA-PSA dove gli analisti sostengono che PSA stia pagando a FCA un premio di 6,7 miliardi sul valore delle azioni post fusione. Questo perché il valore di FCA dopo lo scorporo dell’extra dividendo di 5,5 miliardi e della partecipazione in Comau sarà di 13,25 miliardi, mentre quello di PSA sarà di 20. Non so se sbaglio, ma a mio parere il premio è di 3,6 miliardi, ovvero la metà rispetto a quanto viene scritto, essendo la fusione 50/50. Facendo due conti, infatti, 13,25+20 fa 33,25, che diviso 2 fa circa 16,75. Il premio a mio avviso è proprio la differenza tra il valore pre fusione di FCA (13,25) e quello post fusione (16,75)..Se fosse di 6,7 miliardi vorrebbe dire che subito dopo la fusione entrambe le aziende varrebbero 20+20 miliardi, come se si creassero dal nulla 3,6 miliardi...in parole povere, se io metto 500€ e il mio amico 1000, il nostro valore post fusione sarà 1500 (750 a testa) non 2000, no?
  • Speriamo bene!!!
  • Il dado è tratto. Chi in effetti comanderà (francesi o italiani) non è ancora dato di sapere (sta a vedere che è proprio una fusione paritetica). Vabbè, con il tempo si capirà. Stando alle prime dichiarazioni degli AD sembrerebbe confermato l' impegno a non chiudere nessuno degli attuali stabilimenti, anche se è evidente che ci saranno profonde ristrutturazioni per razionalizzare le risorse (condivisione di pianali e motori). Spero in una grande riscossa dei marchi italiani, che confrontati con quelli franco-tedeschi richiedono un maggiore rinnovamento. Quindi Fiat dovrebbe essere riattualizzata ma a pari fascia di Peugeot ed Opel, e non, come già ventilato da qualcuno, ridotta a marchio low cost (una specie di Dacia, tanto per intenderci), quindi, si dovrebbe cominciare con una Punto con pianale e contenuti tecnologici simili alla nuova 208/Corsa. E poi passiamo alle vere perle di Fca (a parte Jeep e Ram, le uniche a camminare sulle proprie gambe) Alfa e Maserati: finalmente hanno le risorse per competere ad armi pari con le rivali tedesche. Vedremo se questo sogno finalmente diventerà realtà.
  • Ottima intesa che ci fa ben sperare sia per la continuità degli stabilimenti italiani, sia per la ormai non più rinviabile implementazione delle nuove tecnologie. Mi sto riferendo soprattutto all'elettrificazione, dove la Fiat-Chrysler è ancora in ritardo nei confronti dei principali concorrenti.
  • Domanda: anche i post saranno divisi 50-50 tra Night Prowler e Pic67 ?
     Leggi risposte
  • Fanno ancora in tempo a prendersi per i capelli. 😘 in attesa del Piccione
  • La "grandeur" finisce sempre con l'uscire vincente, a scapito dei soliti sprovveduti. Se questa fusione l'avesse gestita "il maglionato" sarebbe stata sicuramente un'altra cosa. Staremo a vedere come andrà a finire, ma mi sà che FCA ne uscirà con le ossa rotte...
     Leggi risposte
  • Naturalmente non un commento ancora dal Governo italiano !
  • Questo è l'inizio della fine per certe residue attività di FCA in italia. ....... Probabilmente le prime a saltare saranno certe figure professionali di "colletti bianchi" divenute ridondanti nel nascente gruppo, la stessa cosa che è avvenuta per Opel del resto. Quanto agli impianti produttivi, la posizione più debole è senz'altro quella in UK, anche alla luce della ormai confermata Brexit, ma chi oggi lavora nelle fabbriche powertrain di FCA è meglio che cominci a prepararsi al peggio perchè è scontato che in quel 40% di risparmio annunciato dalla condivisione di componentistica ci sarà la soppressione degli attuali motori "italiani" (virgolette) soppiantati dai PSA, seguita poi da quella delle piattaforme (queste si, oggettivamente più obsolete di quelle francesi). ....... Ne riparleremo prossimamente......
     Leggi risposte
  • Raccoglitrici di Datteri in andropausa presenti. 😘 in attesa del Piccione
     Leggi risposte
  • Per coloro che dicevano che PSA avrebbe pagato il dividendo straordinario agli azionisti FCA. Sarà FCA a farlo, prima del closing, con la sua cassa e COMAU sarà successivamente scorporata passando le nuove azioni ai vecchi azionisti
  • Se solo me lo avessero detto appena 10 anni fa avrei anche solo faticato a crederci...
  • e dal pianale della 208, dopo la C3 e la Corsa, uscirà fuori anche la nuova Punto.
  • Ma come, e la storia che sarebbe stata PSA a comprare FCA, partita da analisti di borsa mezze tacche (per me era un caso che fossero francesi: molto più importante il dettaglio che fossero mezze tacche...)? Già finita? Guarda caso, le uniche compagini che per sette anni potranno diminuire le loro quote sono Dongfeng (obbligata a farlo per concretizzare la fusione) e lo stato francese (obbligato a farlo per pagare le pensioni)...
     Leggi risposte
  • Auguri!



  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/22535/2019-ford-mustang-mach-e-00312.jpg Ford Mustang Mach-E: ecco com'è http://tv.quattroruote.it/news/video/ford-mustang-mach-e-ecco-com- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22651/THUMB.png Ferrari Roma, l'analisi stilistica: tutti i dettagli del design spiegati in esclusiva http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-roma-lanalisi-stilistica-tutti-i-dettagli-del-design-spiegati-in-esclusiva News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22925/FAST LAP CORVETTE.jpg Il giro di pista della Chevrolet Corvette C8 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-giro-di-pista-della-corvette-c8 News

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca