Industria e Finanza

Carlos Ghosn
"Contro di me un complotto della Nissan e della procura giapponese"

Carlos Ghosn
"Contro di me un complotto della Nissan e della procura giapponese"
Chiudi

Duro e lungo j'accuse di Carlos Ghosn davanti a una folta platea di giornalisti: nel corso dell'attesa conferenza stampa organizzata a Beirut dopo la fuga dal Giappone, l'ex manager si è protratto per oltre un'ora in un monologo denso di strali contro la Nissan e la giustizia giapponese, accusate di aver "orchestrato un complotto" contro la sua persona pur di rimuoverlo da tutti i suoi incarichi. E non solo.

I motivi della defenestrazione. Ghosn ha spiegato le ragioni che hanno portato a un arresto che lo ha colto "totalmente di sorpresa, come accadde agli americani a Pearl Harbor". I motivi sono legati, nello specifico, al progetto di maggior integrazione tra la Nissan e la Renault. Secondo l'ex manager, i suoi guai sarebbero infatti iniziati nel 2017, quando "sono cominciate le perdite per la Nissan: c'era molto nervosismo ed è allora che hanno concepito il complotto con la procura". Ghosn ha rivendicato di aver portato la Casa di Yokohama a registrare "oltre 20 miliardi di dollari" di utili nei suoi 17 anni da numero uno. Con Hiroto Saikawa, invece, i risultati "sono crollati: era lui il responsabile, doveva trovare lui le soluzioni". L'altro motivo sarebbe stata la cosiddetta legge Florange, che ha portato la Francia ad aumentare la sua influenza sulla Renault e quindi sulla stessa Nissan. "Non volevano che la Renault acquisisse maggiore peso nell'Alleanza. Pensavano che facendo fuori me avrebbero risolto il problema". Il presunto complotto, dunque, sarebbe stato orchestrato per impedire a Ghosn di fondere completamente la Nissan con la Casa francese. "Ero pronto per andare in pensione prima di giugno 2018. Purtroppo, ho accettato l'offerta di proseguire per continuare a integrare le due società. Ma alcuni dei miei amici giapponesi pensavano che l'unico modo per sbarazzarsi dell'influenza della Renault sulla Nissan fosse sbarazzarsi di me".

Dito puntato sul management. Ghosn, che ai giornalisti ha fatto vedere alcuni documenti per smentire le accuse della procura, tra cui quella di aver sottostimato i compensi ("non determinati, non approvati e neanche pagati") e di aver utilizzato indebitamente fondi aziendali ("tutto falso, non c'è stato nessun trasferimento"), ha accusato i dirigenti della Nissan di "collusione" con le autorità giudiziarie per il presunto complotto: tra i nomi fatti dall'ex manager, ci sono quelli di Hitoshi Kawaguchi, già responsabile degli affari istituzionali, Hidetoshi Imazu del reparto revisione contabile e il consigliere Masakazu. Saikawa, così come gli altri dirigenti, hanno rispedito al mittente ogni tipo di accusa. Ghosn ha chiamato in causa anche il governo giapponese, però senza fare nomi "per proteggere il Libano".

2020-Ghosn

Le rivelazioni su FCA. "La Renault-Nissan-Mitsubishi era il numero uno al mondo nel 2017, le tre società erano redditizie e in crescita, avevano strategie e c'erano iniziative tecnologiche. Ci stavamo preparando per aggiungere FCA all'Alleanza: ho trattato io con John Elkann", ha quindi rivelato Ghosn, sottolineando come sia stato "incredibile" il fallimento delle trattative tra la Fiat Chrysler e la Losanga: "È stata persa una grande opportunità, non sono andati con l'Alleanza ma con PSA. Incredibile, come fai a perdere questa enorme opportunità di diventare il player dominante in questo settore, sviluppando legami con persone totalmente complementari con l'Alleanza?". Ora, agli occhi di Ghosn la situazione è ben diversa: "Non ci sono utili, non c'è crescita, non ci sono innovazioni tecnologiche e non ci sono iniziative strategiche". Tornando sulla questione FCA, l'ex dirigente ha fornito ulteriori dettagli: "Il gruppo Fiat Chrysler e la Renault dovevano proseguire i negoziati nel gennaio del 2019 per l'accordo di fusione, ma sono stato arrestato e tutto è saltato. L'accordo doveva essere concluso in un incontro a gennaio (dell'anno scorso, ndr).

Il mistero della fuga. Nessun dettaglio è invece emerso sul rocambolesco viaggio da Tokyo a Beirut: "Non sono qui per raccontarvi come ho lasciato il Giappone", ha detto Ghosn. "È stata la decisione più rischiosa e difficile della mia vita, ma non ho avuto altra scelta che proteggere me stesso e la mia famiglia. Non sono fuggito dalla giustizia, ma dall'ingiustizia e dalla persecuzione dopo 400 giorni di prigionia". I procuratori giapponesi, in particolare, sono accusati di "alimentare un sistema arcaico e manipolativo: per questi individui la verità è ininfluente", ha aggiunto Ghosn. "Mi hanno minacciato per ottenere una confessione indipendentemente dalla verità, mi hanno ammanettato e incatenato e mi hanno posto in un brutale isolamento: non mi permettevano di vedere nessuno per giorni e giorni interi, gli interrogatori erano giorno e notte, senza pause, e perfino le medicine mi erano proibite".

"Voglio giustizia". Infine, Ghosn ha promesso battaglia. "Le accuse non sono vere e io non avrei mai dovuto essere arrestato. Sono stato trattenuto senza prove. Non ho neanche capito per cosa". L'ex manager si è anche chiesto per quale motivo sia stato più volte rinviato l'inizio del processo: "Ho rischiato di vivere cinque anni senza contare su una sentenza del tribunale e sono giunto alla conclusione che se non fossi fuggito sarei morto in Giappone. Contro di me è stata orchestrata una compagna sistematica di diffamazione che ha distrutto la mia reputazione. Ora voglio giustizia, è per questo che ho lasciato il paese. Sono innocente e voglio giustizia. E se non posso averla in Giappone, la cercherò altrove". La procura di Tokyo ha già fornito la propria risposta, definendo "categoricamente falsa" l'ipotesi di una cospirazione e un "crimine" la stessa fuga di Ghosn. Secca anche la replica del ministro della Giustizia nipponico, Masako Mori: difendendo le leggi e le procedure locali, la responsabile del dicastero ha ribadito che il governo cercherà di riportare Ghosn nel paese per il processo: un'operazione complessa, visto che il Libano non ha accordi di estradizione con Tokyo. Gli inquirenti libanesi, comunque, hanno già interrogato Ghosn e pianificano di fare lo stesso con la moglie Carole nel momento in cui arriverà una specifica richiesta dell'Interpol.

COMMENTI

  • Vero, la gente non compra piu questi marchi per solidarietà a questo novello Nelson Mandela che ogni mattina dal suo ufficio sistemava le cose da far suo.
  • dite e pensate quello che volete, ma: da fine dicembre 2018 la Nissan sta perdendo un mare di denaro e la Renault non è messa molto bene,.......... sarà un caso? Quando si elimina un comandante di questo peso e valore, gli incompetenti al potere danno i loro frutti,
  • Da questa vicenda emerge in modo chiaro che i paesi "liberi" fanno di tutto per difendere i propri interessi, in modo più o meno lecito. l'unico paese occidentale che ha spesso lasciato che pezzi della propria industria e del proprio Pil andassero a ramengo è proprio il nostro..(il caso Libico è solo l'ultimo di tanti scivoloni in politica estera e non solo..)
  • Nn me ne può fregare di meno. Quello che mi fa specie è che abbia più commenti sta notizia che le auto. Anzi, le auto normali, perché gli articoli sulle benedette lavatrici sono sempre ben frequentati.
  • Presto tutto finira` nel dimenticatoio. Penso che anche Renault si sia lavate le mani troppo in fretta per sbarazzarsi si Ghosn.
     Leggi risposte
  • Non che la cosa sorprenda, gli unici a difendere il fuggitivo che si arrampica sui specchi nel tentativo di spiegare che è tutto un gomblotto, sono gli abitanti di uno dei paesi più corrotti della galassia conosciuta. Mentre la stampa internazionale e in primis quella FRANCESE trova oltremodo ridicola l’autodifesa del personaggio che soffre del complesso di Napoleone, vedi le feste a Versailles, pagate a loro insaputa dalla Renault. Ma che vi mettono la mattina nel caffè perché voi continuate a credere alla marea di caxxate sparate a raffica da personaggi di ogni tipo ?? https://www.google.ch/amp/s/www.nouvelobs.com/economie/20200108.OBS23206/la-drole-de-version-de-carlos-ghosn-sur-sa-soiree-d-anniversaire-au-chateau-de-versailles.amp
     Leggi risposte
  • Segno evidente che la cospirazione contro di lui era gia in corso li abbiamo appresi quando è emerso che qualcuno contro la sua volonta aveva caricato sul conto della renault la festa in maschera a versaiiles in occasione del suo recente matrimonio. E' vero, un personaggio come lui, paragonabile ad Enrico Mattei o Adriano Olivetti sono spesso invisi ai poteri forti perche smascherano i loro giochetti e se non fosse per la professione accosterei la vicenda e lo spessore morale di carlos a quelli del nostro Enzo Tortora. Sulla giustizia giapponese poi, lasciamo perdere: le storie di abusi specialmente verso uomini di potere sono all ordine del giorno. Adesso che però ha eroicamente riconquistato la libertà potra dire al mondo qual e la vera verità. Sento gia che in futuro si occuperà di diritti umani, peccato non sia anche cittadino italiano perche sarebbe la figura adatta per dirigere il Nostro Ministero delle Infrastrutture e Trasporti.
  • Volevo dare il mio supporto al GHOSN , penso che la storia sia vera, penso anche che un uomo che abbia intenzione di fuggire con il malloppo cerca di far perdere completamente le sue tracce e di vivere una vita agiata là dove nessuno lo possa cercare. Lui questo non la fatto, sta semplicemente cercando giustizia dove può riuscire a trovarla. Penso anche che il Giappone abbia molta paura di quello che Ghosn possa riuscire a dimostrare con le prove che ha in mano e sta facendo di tutto per arrivare a prenderlo , mi sta dando l’impressione di una corsa contro il tempo che spero perdano. Ora mi spiego perché l’alleanza con FCA è saltata.
  • lui si che può parlare dopo essere fuggito come un coniglio, anzi no, i conigli non fuggono dentro ad una valigia ... ohh che grande uomo (scandaloso che si pubblichino pure sue interviste)
  • Segno evidente che la cospirazione contro di lui era gia in corso li abbiamo appresi quando è emerso che qualcuno contro la sua volonta aveva caricato sul conto della renault la festa in maschera a versaiiles in occasione del suo recente matrimonio.
     Leggi risposte
  • Mai decisione fu più saggia che quella di fuggire... Se la controparte è più fosca di chi si vorrebbe poco trasparente, ben vengano "iniziative" rivoluzionarie come una "semplice", quanto legittima, fuga.
  • La giustizia Italiana che la sisnistra ha paura di riformare funziona alla stessa maniera. I giudici/procuratori sono onnipotenti ed intoccabili e come in Giappone si usa la carcerazione preventiva per estorcere confessioni. Da Mani Puliti al famoso caso Contrada dove gli accusati passavano anche anni in carcere da innocenti. Almeno in Giappone e' prevista la cauzione in Italian neanche. Che abbiamo la peggior giustizia del mondo occidentale ?
  • Ho sempre sospettato che la sponda giapponese dell'Alleanza avesse crescenti mal di pancia nei confronti dei francesi. La scintilla è stata innescata quando Ghosn voleva fondere completamente Nissan in Renault. Il suo racconto è verosimile.
     Leggi risposte
  • Nel corso della storia di personaggi "fatti fuori" perchè divenuti troppo potenti e troppo scomodi ce ne sono stati tanti, alcuni "semplicemente" infangati ed emarginati, altri eliminati fisicamente. Leggevo giorni fa la storia di Enrico Mattei, il padre della petrolchimica italiana, ecco, ci rivedo molto di quelle vicende in ciò che è capitato a Ghosn, fortunatamente per il brasiliano però, con epilogo meno drammatico...
     Leggi risposte
  • Sarà un fuilleton che durerà anni, fra accuse e controaccuse, prove e controprove. Non si saprà mai la verità, tutto il mondo è paese...



  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/22535/2019-ford-mustang-mach-e-00312.jpg Ford Mustang Mach-E: ecco com'è http://tv.quattroruote.it/news/video/ford-mustang-mach-e-ecco-com- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22651/THUMB.png Ferrari Roma, l'analisi stilistica: tutti i dettagli del design spiegati in esclusiva http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-roma-lanalisi-stilistica-tutti-i-dettagli-del-design-spiegati-in-esclusiva News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22925/FAST LAP CORVETTE.jpg Il giro di pista della Chevrolet Corvette C8 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-giro-di-pista-della-corvette-c8 News

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca