Industria e Finanza

Ford
A Valencia nuovi modelli ibridi e un centro per le batterie

Ford
A Valencia nuovi modelli ibridi e un centro per le batterie
Chiudi

La Ford ha stanziato 42 milioni di euro per ampliare le strutture produttive dello stabilimento di Almussafes, vicino alla città spagnola di Valencia. L'investimento è destinato a supportare la strategia di elettrificazione con una struttura di assemblaggio di batterie e due nuovi modelli: le versioni ibride della Galaxy e della S-Max.  

Due nuove linee. In particolare, grazie a un impegno di 24 milioni di euro, saranno realizzate due nuove linee per l'assemblaggio delle batterie da installare anche sulle varianti ibride della Kuga. La nuova struttura produttiva sarà operativa a partire dal prossimo mese di settembre in modo da rispettare l'obiettivo di lanciare le nuove Galaxy e S-Max elettrificate all'inizio del 2021. 

Le strategie della Ford Europe. Per la Kuga ibrida sono stati inoltre stanziati 10 milioni di euro: saranno investiti per acquistare macchinari e strumenti produttivi e per aggiornare le catene di produzione. Ulteriori 8 milioni di euro saranno impegnati per le due monovolume. Il piano di investimenti rientra nel processo di accelerazione delle strategie di elettrificazione della Ford che includono il lancio di 14 modelli a batteria o ibridi in Europa entro la fine del 2020. "Stiamo aumentando i nostri investimenti a Valencia per fornire modelli e motorizzazioni sempre più elettrificati ai nostri clienti", ha affermato Stuart Rowley, presidente della Ford Europe. "Facilitando più che mai la transizione verso un veicolo ibrido, prevediamo che la maggior parte delle nostre vendite di automobili sarà elettrificata entro la fine del 2022". La fabbrica spagnola, che dal 2011 ha ricevuto investimenti per 3 miliardi di euro (750 milioni solo per la Kuga), produce anche le Mondeo Hybrid, sia berlina che station wagon. 

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Ford - A Valencia nuovi modelli ibridi e un centro per le batterie

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it