Industria e Finanza

Nissan-Uber
Londra, 2.000 Leaf per la mobilità elettrica

Nissan-Uber
Londra, 2.000 Leaf per la mobilità elettrica
Chiudi

La Nissan ha stretto un accordo con Uber per favorire la diffusione dei veicoli elettrici a Londra. La partnership prevede la fornitura di 2.000 Leaf da 40 kWh e 270 km di autonomia da parte della Casa giapponese, che offrirà all’azienda californiana anche incentivi sui prezzi di acquisto.

Il Clean Air Plan. La collaborazione tra le due parti nasce nell'ottica del Clean Air Plan di Uber, un’iniziativa ideata nel gennaio del 2019 per contrastare l’inquinamento atmosferico proprio attraverso il passaggio alla mobilità a zero emissioni. Tra le misure presentate, rivolte ai soli clienti dell’app, spicca l’introduzione di una “tassa sull’aria”, equivalente a 15 penny al miglio (0,11 euro/km) per tutte le corse londinesi, che nel primo anno ha portato l’azienda a raccogliere circa 80 milioni di sterline (9,5 milioni di euro). Secondo le stime di Uber, questa tassa dovrebbe aiutare i conducenti a sostenere i costi per il passaggio alla mobilità elettrica.

Obiettivi a lungo termine. Il piano elaborato dall’azienda californiana prevede un passaggio totale alle zero emissioni per tutta la community Uber presente nell’area metropolitana di Londra, circa 45.000 conducenti, entro il 2025. Nel corso del 2019, i clienti dell'app hanno viaggiato a bordo di vetture elettriche per un totale di circa 900.000 corse (il 350% in più rispetto all'anno precedente): attualmente, più di 500 conducenti utilizzano ogni settimana veicoli a zero emissioni per i loro spostamenti.

COMMENTI

  • E' una vettura pratica e robusta, 2 mila esemplari sono proprio tanti. Nelle città, per i tassisti, è una manna!
     Leggi le risposte