Industria e Finanza

General Motors
Investimenti per 20 miliardi di dollari sull'elettrificazione

General Motors
Investimenti per 20 miliardi di dollari sull'elettrificazione
Chiudi

La General Motors ha in programma di investire 20 miliardi di dollari (18 miliardi di euro) fino al 2025 per sviluppare auto elettriche e tecnologie per la guida autonoma. Il gruppo di Detroit, nel corso di un evento espressamente dedicato al tema, ha così quantificato, per la prima volta, l'impegno finanziario legato alle strategie per l'elettrificazione della gamma. 

General Motors: il video-teaser dei futuri modelli elettrici

L’obiettivo per il 2025. La General Motors, nel tentativo di convincere gli investitori sulle sue capacità di fronteggiare la concorrenza della Tesla, ha anche confermato che l'obiettivo è arrivare a vendere, entro il 2025, circa 1 milione di veicoli alla spina l'anno tra Stati Uniti e Cina. Per raggiungere tale traguardo, saranno diversi i lanci di prodotto programmati per i prossimi anni. La road map riguarda, sin dal 2020, tutti i brand del gruppo (Chevrolet, GMC, Buick e Cadillac) e include almeno venti modelli elettrici entro il 2023

Mary Barra - EV Day

Le nuove elettriche. All’evento (a porte chiuse e con il divieto di filmare e fotografare) ne sono stati presentati più di dieci, a partire dalla nuova Chevrolet Bolt, in arrivo sul mercato verso la fine del 2020. Seguiranno, per lo stesso marchio, un pick-up e, nell'estate del 2021, una crossover elettrica basata sempre sulla Bolt: sarà la prima vettura non Cadillac dotata della tecnologia per la guida autonoma Super Cruise, che la General Motors intende installare su 10 modelli entro il 2021 e su 22 veicoli entro il 2023. La Chevrolet lancerà successivamente anche una nuova Suv di medie dimensioni. Inoltre, sono previsti diversi modelli a batteria per la Cadillac, tra cui uno a ruote alte, denominato Lyriq (sarà presentato in aprile e arriverà sul mercato nel 2022) e un altro (una lussuosa ammiraglia "assemblata a mano") chiamato Celestiq. Per la famiglia Hummer, che sarà commercializzata con il marchio GMC, ci sarà anche una Suv oltre al pick-up elettrico, che sarà svelato in streaming il 20 maggio e sarà prodotto dal prossimo settembre nel rinnovato impianto Detroit-Hamtramck

The Cadillac Lyriq

Nuova tecnologia per le batterie. L’offensiva di prodotto farà leva sulla terza generazione della piattaforma per le elettriche: sarà modulare e altamente flessibile ma sopratutto potrà contare su una nuova tecnologia proprietaria per le batterie. Denominata Ultium, è caratterizzata da particolari configurazioni delle celle per ottimizzare la densità energetica e la disposizione all'interno dei veicoli; si distingua anche per un basso utilizzo del cobalto, l'elemento chimico più costoso e complesso da gestire negli attuali accumulatori agli ioni di litio. Grazie anche a questa nuova soluzione, l'azienda di Detroit e il suo partner LG Chem contano di abbassare a meno di 100 dollari il costo per kilowattora delle batterie, dagli attuali 145 dollari della Bolt. Le batterie saranno disponibili con una potenza variabile tra 50 e 200 kWh e quest'ultima opzione, secondo i vertici aziendali, consentirà ai veicoli di raggiungere un'autonomia di almeno 400 miglia (643,74 chilometri) con una singola ricarica (bastano 10 minuti per avere una carica sufficiente a percorrere oltre 160 chilometri) e accelerare da zero a 60 miglia in meno di tre secondi. È la Cruise Origin il primo modello a utilizzare la nuova piattaforma e la tecnologia Ultium. Il secondo sarà la Cadillac Lyriq (raffigurata nell'immagine qui sopra) e il terzo l'Hummer elettrico.

GM EV Day - Design Dome - Warren, Michigan

Una strategia redditizia. La General Motors ha, infine, ribadito che la sua strategia di elettrificazione produrrà utili sin da subito. Alla base di tale convinzione ci sono diversi fattori favorevoli: i minori costi per le batterie; una piattaforma abbastanza flessibile da consentire la produzione di un'ampia gamma di modelli; le economie di scala legate alla miglior allocazione del capitale: la riduzione della complessità determinata dal minor numero di componenti e motori necessari per assemblare un'elettrica.  

COMMENTI