Industria e Finanza

Coronavirus
Ferrari riduce il personale in fabbrica, ampio ricorso allo smart working

Coronavirus
Ferrari riduce il personale in fabbrica, ampio ricorso allo smart working
Chiudi

Personale al minimo sulle linee di montaggio e massiccio ricorso allo smart working. Sono queste alcune delle misure messe in atto dalla Ferrari per tutelare i propri dipendenti nell’attuale momento di emergenza sanitaria causata dall’epidemia del coronavirus. In particolare, la Casa emiliana ha deciso di attuare "ulteriori e ancora più rigorose misure di prevenzione per garantire i più alti standard sanitari, alla luce del decreto del Governo Italiano dell’11 marzo 2020 relativo al Covid-19”.

Nessun problema produttivo. "La presenza dei lavoratori negli stabilimenti di Maranello e Modena è stata ridotta al minimo, mentre la restante parte dei dipendenti lavora da remoto, in linea con la lettera e lo spirito del decreto”, sottolinea ancora la Ferrari, escludendo, almeno per ora, criticità sul fronte produttivo: "La continuità della produzione si fonda sulla continuità della catena di fornitura in un contesto estremamente mutevole che, tuttavia, fino a ora non ha comportato delle problematiche per gli impianti produttivi”. Il Cavallino rampante, anche in risposta ai timori che stanno crescendo tra le tute blu di tutta la penisola, ha intenzione di tenere alta l’attenzione per tutelare la salute dei propri dipendenti. “La Ferrari continuerà a valutare l’equilibrio più corretto fra il benessere dei lavoratori, che ha sempre la priorità, e i bisogni dei partner e dei clienti”, concludono da Maranello.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Coronavirus - Ferrari riduce il personale in fabbrica, ampio ricorso allo smart working

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it