Industria e Finanza

FCA
Al lavoro per attivare crediti a sostegno della filiera italiana

FCA
Al lavoro per attivare crediti a sostegno della filiera italiana
Chiudi

Il gruppo Fiat Chrysler conferma le indiscrezioni di stampa sull'avvio di colloqui per ottenere le garanzie statali su un maxi-prestito bancario. Tuttavia, a dispetto delle anticipazioni, i dettagli forniti dal costruttore italo-americano forniscono il quadro di un progetto di più ampio respiro volto a sostenere, in prima battuta, la gran parte dell'automotive italiano attraverso un finanziamento non dissimile dai contratti di filiera attualmente in vigore.

Il progetto. Nello specifico, è FCA Italy ad aver avviato con i ministeri dell'Economia e dello Sviluppo Economico la procedura per ottenere dalla Sace la garanzia statale stabilita dal Decreto Liquidità e, al contempo, ad aver intrapreso un dialogo con Intesa Sanpaolo per una linea di credito a tre anni per un ammontare massimo di 6,3 miliardi di euro. Il finanziamento sarà destinato "esclusivamente alle attività italiane del gruppo FCA e al sostegno della filiera dell’automotive in Italia, composta da circa 10.000 piccole e medie imprese, a seguito alla riapertura degli stabilimenti italiani, avviata a fine aprile". È previsto un meccanismo in base al quale tutte le erogazioni "derivanti dalla linea di credito sarebbero gestite attraverso conti correnti dedicati, accesi con Intesa San Paolo al solo scopo di supportare la gestione operativa dei pagamenti alla filiera italiana dei fornitori, sostenendone i livelli di liquidità e garantendo al contempo la ripartenza delle produzioni e gli investimenti negli impianti italiani". 

Il ruolo chiave del settore. L'operazione, sottolineano da Torino, "riconoscerebbe il ruolo del settore automobilistico nazionale, di cui FCA, insieme ai fornitori e ai partner è il fulcro, nella ripartenza del sistema industriale italiano. Tale posizionamento sarà rafforzato nei prossimi anni" dal piano di investimenti da 5 miliardi di euro "già presentato e confermato come testimoniano i recenti avvii della produzione dei nuovi modelli Fiat 500 elettrica a Torino e Jeep Renegade e Compass PHEV a Melfi”. Del resto, sottolinea il gruppo, l'automotive è un settore chiave dell’industria italiana: genera da solo circa il 6,2% del Pil e impiega il 7% dei lavoratori dell’intera manifattura. Inoltre, rappresenta uno dei punti di forza dell'Italia, è uno dei maggiori bacini di competenza specializzata a livello industriale e commerciale in Europa ed è la fonte dei maggiori investimenti in ricerca e innovazione in Italia. In tale contesto la FCA Italy, con un fatturato di oltre 25 miliardi, è la maggior azienda industriale in Italia. Impiega direttamente 55.000 persone in 16 stabilimenti produttivi e 26 poli per la Ricerca e Sviluppo. Il suo indotto conta su oltre 200.000 posti di lavoro in 5.500 fornitori. Altri 120.000 lavoratori, in 12.000 imprese di tutte le dimensioni, sono coinvolti nei concessionari e nell’assistenza ai clienti. Infine, il 40% dei 50 miliardi di euro di fatturato annuale della componentistica automobilista italiana deriva dalle commesse FCA. 

Crisi senza precedenti. La nuova linea di credito, prosegue la FCA nello spiegare i contorni del progetto, "si inserirebbe nell’ampio programma di FCA per una ripresa in sicurezza delle attività in Italia" e "farebbe seguito a un periodo senza precedenti, in cui le azioni tempestive messe in atto per mettere al sicuro dipendenti, famiglie e comunità durante l’emergenza da Covid-19, hanno comportato il totale blocco della produzione e delle attività di vendita di FCA in Italia, con un drastico e inevitabile impatto sul breve e medio termine dell’intero ecosistema automobilistico". Il costruttore ha messo in campo dei rigidi protocolli per il rientro al lavoro dei suoi dipendenti ma "la riapertura degli stabilimenti FCA e di tutto il settore dovrà inevitabilmente essere graduale". Pertanto "la procedura avviata mira a rafforzare la resilienza finanziaria dell’intero settore automotive italiano durante quello che sarà inevitabilmente un lungo e complesso periodo di ripresa".

Il dibattito. Al di là dei numeri sono bastate le tante indiscrezioni di stampa per accendere il dibattito politico sull'opportunità o meno di aiutare un'impresa con sede fiscale e legale all’estero e quindi senza particolari obblighi con l’Erario italiano. In realtà la richiesta di garanzie è stata avviata dalla FCA Italy, che ha sede a Torino e paga le tasse in Italia: l’intera galassia che gravita intorno alle attività del gruppo sul territorio italiano contribuisce, tra imposte dirette e indirette, con oltre 7 miliardi di euro l'anno. Inoltre il trasferimento di sede è un diritto riconosciuto dal Trattato istitutivo della Comunità europea. Anche per questo al dibattito politico i sindacati hanno preferito rispondere sollevando i propri timori sul futuro dei lavoratori. Per esempio la Fiom, da anni sulle barricate contro le strategie del gruppo, ha invitato il governo a convocare con urgenza i tavoli sui settori strategici con i sindacati e imprese, a partire dall'automotive, "per mettere insieme le iniziative utili e gli investimenti necessari a innovare nella direzione della sicurezza, della ecocompatibilità e dell'occupazione”. “Il Governo – aggiungono dalla Uilm – deve capire che l’industria è il perno dell’economia italiana, che l’automotive in particolare è il primo settore italiano e sta attraversando una fase di delicata transformazione”. 

Le parole di Conte. La richiesta della FCA ha quindi riportato alla ribalta il tema del rilancio dell’automotive e degli interventi di sostegno chiesti nelle ultime settimane dalle associazioni di rappresentanza come l'Unrae senza trovare alcuna sponda tra le istituzioni. Della questione ha parlato ieri sera il premier Giuseppe Conte. Nella conferenza stampa sulle modalità per la riapertura delle attività dopo il lockdown ha fatto presente come il costruttore italo-americano possa beneficiare della garanzia statale “perché evidentemente risponde alle prescrizioni del decreto. Non stiamo parlando di privilegi concessi a qualcuno. Nel caso della FCA stiamo comunque parlando - al di là della capogruppo - di società che sono in Italia, di lavoro italiano, di fabbriche italiane, che producono in Italia e occupano tantissimi lavoratori”. Per Conte, il problema è semmai un altro: rendere più competitivo il diritto societario italiano e contrastare il "dumping fiscale” operato da altri Paesi dell’Unione Europea. "Bisogna chiedersi: perché vanno all’estero? C'è un diritto societario in Olanda più favorevole? Ci stiamo lavorando, stiamo introducendo modifiche che andranno nel dl semplificazione per scongiurare questa maggiore competitività di altri Paesi all'interno dell'Ue, che per me è inaccettabile”, ha aggiunto il premier. "Non intendiamo più concedere questi vantaggi a Paesi che sono nostri diretti competitor".

COMMENTI

  • A DAL BOSCO avevo risposto che sicuramente Calenda legge attentamente tutti i suoi post, ma il commento (al solito) è scomparso......
  • Avete tutti ragione. Vorrei solamente sottolineare che questa "deriva" non è colpa degli Agnelli (o altre facoltose famiglie che in sordina stanno lavorando), ma di chi consente loro e, in genere ai grandi gruppi, di poter operare come credono senza alcun sano vincolo. Chi ha approvato la direttiva CE che consente alle Holding di spostare la sede nei paradisi fiscali comunitari senza, sostanzialmente, alcun vincolo? Chi ha approvato questo demenziale decreto che non prevede per i grandi gruppi nessuna contropartita, a fronte di una imponente garanzia statale sui soldi erogati? Se si approva una legge che legittima i furti nelle case, la colpa non è del ladro che ci ritroviamo a casa, ma di chi ha approvato la legge.
  • @ Vin Leo, Calenda avrà letto il mio post❓Infatti, nel bilancio risultano qualcosa come 18 miliardi che dovrebbero trovarsi nel salvadanaio ...
  • FCA: Aiutateci, ci servono soldi per non produrre auto!! Stato: Yess...
     Leggi risposte
  • ennesimo regalo...non per niente sono proprietari della rubentus...
  • Trattasi di prestito con condizioni di tasso favorevoli erogati dalla banca, con garanzia statale da parte di SACE, sul 25% del fatturato FCA Italy spa, che tutte le grandi aziende possono chiedere in base al decreto liquidità di aprile. La garanzia come da fonte DL e dello stesso sito SACE è DEL 70% e non del 80%. Perché tanta meraviglia, i requisiti sono fatturato in Italia e sede legale in Italia, tutti requisiti che FCA Italy ha, non capisco il clamore, ma si sa qui funziona così tutti a pontificare. Se lo Stato da la garanzia lo fa anche nel suo interesse, se FCA Italy chiude in base all'ultimo bilancio si gioca almeno 6 miliardi di iva + altre tasse e contributi stando alla fonte FCA che complessivamente ha versato nelle casse dell'erario italiano 7 miliardi, quindi se li gioca non solo per il 2020 ma per sempre...
     Leggi risposte
  • Repetita iuvant ............. PS. Ora che è stato esplicitato in modo chiaro che si tratta di un aiuto di stato, mi piacerebbe conoscere il parere di GSI che nell'articolo del 16 scorso sosteneva si trattasse di una normale operazione di mercato tra un'azienda privata ed una banca. ......... PPS. Siccome GSI ha dimostrato in questi anni di avere un certo livello culturale, non credo affatto che non sapesse come funziona il prestito con la garanzia statale all'80% da parte della Sace, stava semplicemente sostenendo di proposito la solita battaglia in difesa di questa famiglia di dissoluti parassiti..........
  • Oltre che l'azienda hanno ereditato anche il vizietto di privatizzare gli utili e socializzare le perdite.
  • il problema allora è (anche) l'Olanda e gli altri stati con il loro diritto societario "... più favorevole ..."
  • Più che un articolo, una “marchetta” a favore del Gruppo come se non disponesse allo scopo di un proprio ufficio stampa. Complimentoni.
  • Risposta sbagliata (già data): “Dott. John Elkann prego si accomodi, come sa il portafoglio dello Stato Italiano per voi è sempre aperto”. Risposta giusta:”Guardi signor John John, con 6,3 miliardi le compriamo gli stabilimenti in Italia e i nostri marchi storici, così magari rilanciamo brand come Lancia e Innocenti e magari iniziamo a fare macchine decenti anche per Alfa e Fiat, magari ne facciamo di meno ma le facciamo meglio (un esempio qualsiasi eviteremmo di fare una 500 elettrica da 40.000€ che non comprerà nessuno, se non con mega incentivi sempre pagati indirettamente dagli italiani); oppure con quella cifra paghiamo i suoi operai per qualche anno e parte della filiera, perché immaginiamo che difficilmente quei soldi finiranno da quella parte... ah mi scusi, ovviamente gli utili che avete incassato negli ultimi tempi non si possano toccare. Come scusi? Pronto? Signor John John, mi sente??”
  • Non sarò un genio della finanza, ma me la cavo, se in data 5 maggio nel bilancio pubblicato da FCA risultano 18.6 miliardi di liquidità, perché una società britannico-olandese va chiedere soldi allo stato italiano 🤷🏻‍♂️❓O questi soldi in cassa, se veramente esistono, semplicemente sono “riservati” per le attività negli USA, ex colonia britannica ?? Siamo onesti, se VW ha dovuto fermare la produzione per il semplice motivo che non ce sufficiente domanda, la situazione in casa FCA non sarà diversa ... sinceramente ce qualcuno che crede che investiranno questi soldi, quanto pare ce chi glieli vuole dare 🤔, in nuovi modelli e posti di lavoro in Italia❓... https://www.fcagroup.com/it-IT/investors/events/quarterly_results_presentations/FCA_2020_First_Quarter_Results_Presentation.pdf
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/22535/2019-ford-mustang-mach-e-00312.jpg Ford Mustang Mach-E: ecco com'è http://tv.quattroruote.it/news/video/ford-mustang-mach-e-ecco-com- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22651/THUMB.png Ferrari Roma, l'analisi stilistica: tutti i dettagli del design spiegati in esclusiva http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-roma-lanalisi-stilistica-tutti-i-dettagli-del-design-spiegati-in-esclusiva News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22925/FAST LAP CORVETTE.jpg Il giro di pista della Chevrolet Corvette C8 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-giro-di-pista-della-corvette-c8 News

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca