Industria e Finanza

Renault
In programma il taglio di 15 mila posti di lavoro

Renault
In programma il taglio di 15 mila posti di lavoro
Chiudi

Dopo la Nissan, anche la Renault mette mano al proprio perimetro industriale per rimettere in carreggiata un bilancio da mesi in sofferenza e messo a dura prova dalle conseguenze della pandemia del coronavirus. Alla stregua dell'alleata nipponica, la Régie ha infatti presentato un piano industriale di trasformazione che ha un obiettivo prioritario: tagliare oltre 2 miliardi di costi nel giro di tre anni, anche attraverso una forte riduzione dell'organico.  

I principi guida. In sostanza, sono state confermate tutte le anticipazioni di stampa degli ultimi giorni: la Casa francese, per affrontare la "peggiore crisi nella storia dell'auto", intende accelerare la ristrutturazione annunciata pochi mesi fa in occasione della presentazione dei conti del 2019 (per la prima volta in perdita dal 2009), focalizzare l'attenzione sulla generazione di cassa dopo aver bruciato risorse per oltre 5 miliardi solo nel primo trimestre del 2020, aumentare l'efficienza delle attività operative e rafforzare la disciplina nella gestione complessiva del business.  

Tagli agli organici. La ristrutturazione riguarderà, in particolare, la Francia, dove la Renault intende riorganizzare, per lo più tra il 2022 e il 2024, le attività industriali secondo quattro direttrici: auto elettriche, veicoli commerciali leggeri, economia circolare e innovazione ad alto valore aggiunto. Nel piano, al contrario di quanto emerso nei giorni scorsi, non si parla esplicitamente di chiusure di impianti vista la levata di scudi da parte di sindacati e soprattutto del governo, pronto a concedere garanzie statali su prestiti bancari per 5 miliardi di euro a patto di non mettere a rischio l'occupazione. Tuttavia, da Boulogne-Billancourt confermano comunque l'intenzione di valutare la sorte di alcuni siti e il relativo impatto occupazionale.

Gli impianti interessati. Le "modifiche alla forza lavoro" sono ritenute necessarie per "consentire un ritorno a una crescita redditizia e sostenibile" e la Renault "si impegna a garantire "un dialogo esemplare con le parti sociali e le autorità locali" e a mettere in atto "misure di riqualificazione, mobilità interna e uscite volontarie". L'obiettivo è tagliare in tre anni quasi 4.600 posti in Francia, a cui si aggiungerebbe la riduzione di oltre 10.000 posizioni nel resto del mondo. Le consultazioni con le parti sociali riguarderanno, nello specifico, gli impianti di Douai e Maubeuge (dove si punta a creare centri di eccellenza per veicoli elettrici commerciali,) di Dieppe (si valuta una riconversione delle attività al termine del ciclo di vita dell'Alpine A110), di Caudan (a breve sottoposto a una revisione strategica) e la storica fabbrica di Flins (allo studio la creazione di "un'ecosistema di economia circolare, incluso il trasferimento delle attività di Choisy-le-Roi). La riorganizzazione interesserà anche il centro di ricerca di Guyancourt, nei pressi di Versailles.

2020-Renault-2

Sfruttare l'Alleanza. L'intero progetto include ulteriori misure: migliorare l'efficienza e ridurre i costi di engineering per circa 800 milioni di euro, sfruttando le risorse dell'Alleanza con la Nissan; ridimensionare lo sviluppo e la progettazione dei modelli aumentando la standardizzazione dei componenti (l'obiettivo è ridurre del 25% le referenze commerciali per le componenti dei veicoli e aumentare all'85% le parti condivise nei motori all'interno dell'Alleanza) e seguire il principio Leader-Follower per concentrare lo sviluppo di tecnologie strategiche nei siti di ingegneria nell'Île-de-France, ottimizzare le attività di ricerca all'estero, i contratti con i fornitori e rafforzare l'utilizzo di strumenti digitali. Inoltre, si punta a generare risparmi nelle attività industriali per 650 milioni di euro, anche tramite la riduzione a quattro piattaforme entro il 2026. A tal proposito è prevista, come alla Nissan, una riduzione della capacità produttiva dai 4 milioni di veicoli del 2019 a 3,3 milioni entro il 2024. Inoltre, è stato deciso di bloccare i progetti di espansione della capacità in Marocco e Romania, di valutare un adeguamento in Russia e di razionalizzare la produzione di cambi in tutto il mondo. Ulteriori misure prevedono un aumento dell'efficienza nelle funzioni di supporto, l'ottimizzazione dei costi di marketing, una massiccia digitalizzazione e una revisione dell'organizzazione per ottenere risparmi per 700 milioni di euro.  

Costi per 1,2 miliardi. Non manca una revisione della rete distributiva in Europa e della presenza in Cina, dove è previsto lo stop alla produzione di motori per auto passeggeri e il trasferimento alla Dongfeng della partecipazione nella joint venture Dongfeng Renault Automotive Company. Nel complesso, il costo di implementazione delle misure è quantificato nell'ordine degli 1,2 miliardi di euro. Toccherà al prossimo amministratore delegato Luca De Meo il compito di attuare tutte le misure annunciate oggi e, come ammesso dal direttore finanziario Clotilde Delbos, fornire maggiori dettagli sulle strategie operative e finanziarie quando assumerà il suo nuovo incarico a luglio.

Nessun addio alla Formula 1. Delbos ha spiegato di essere al lavoro con la Daimler per identificare le opportunità per accelerare la collaborazione e non ha escluso la possibilità di varare, nel breve o nel medio termine, un aumento di capitale. Il programma di riduzione dei costi non prevede, invece, l'addio alla Formula 1, a dispetto delle indiscrezioni emerse negli ultimi mesi: oltre che dalle parole del team principal Cyril Abiteboul, le indiscrezioni su un possibile abbandono erano state infatti alimentate dalla perdita della fornitura dei motori alla McLaren e dall'addio di Daniel Ricciardo. Delbos, però, ha smentito la possibilità di un disimpegno senza troppi giri di parole: "La Renault resterà in Formula 1", ha precisato la top manager.

COMMENTI

  • nominano un ad e poi, in fretta e furia, prima che arrivi, prendono tutte le decisioni possibili e immaginabili: continua il black out mentale della regie, con ghosn, troppo impegnato a promuovere se stesso, che è rimasto vittima della propria incapacità di costruire in primis un gruppo di uomini e poi uno industriale.
  • @BURATTI: Beh se lo stato sociale europeo ha vissuto sopra le proprie possibilità...quello USA allora? Quelli che ricevono lo stipendio ogni 15gg altrimenti non ce la fanno a far quadrare i leasing?? Dai Dai...la gente non compra più berline, coupé, cabrio, insomma...io sto con VIN: L'auto nel 2020 non ha più lo stesso significato di anni fa. Sai quanti commerciali che conosco, che mi venivano a trovare a bordo di gioielli teutonici sempre nuovi...non appena pensionati si sono subito ridimensionati a misere utilitarie o poco più...L'auto, a meno che non si parli di Ferrari e qualche altra, è un anti-investimento. Anzi, l'anti-investimento per antonomasia. Se sta perdendo un po' alla volta il suo alone di esclusività (grazie ai tedeschi che spingendo sui piani di rateizzazione, hanno permesso anche ai garzoni di farsi l'AUDI A4...) cosa può spingere un cliente a buttare maree di soldi che dopo 6/7 anni sono evaporati?? Io sono convinto che saranno i tedeschi quelli che l'avranno più dura...forse BMW, essendo la più piccola delle 3 potrà leccarsi le ferite...ma le altre due...mah, in fondo se la sono cercata.
     Leggi risposte
  • @BURATTI: Beh se lo stato sociale europeo ha vissuto sopra le proprie possibilità...quello USA allora? Quelli che ricevono lo stipendio ogni 15gg altrimenti non ce la fanno a far quadrare i leasing?? Dai Dai...la gente non compra più berline, coupé, cabrio, insomma...io sto con VIN: L'auto nel 2020 non ha più lo stesso significato di anni fa. Sai quanti commerciali che conosco, che mi venivano a trovare a bordo di gioielli teutonici sempre nuovi...non appena pensionati si sono subito ridimensionati a misere utilitarie o poco più...L'auto, a meno che non si parli di Ferrari e qualche altra, è un anti-investimento. Anzi, l'anti-investimento per antonomasia. Se sta perdendo un po' alla volta il suo alone di esclusività (grazie ai tedeschi che spingendo sui piani di rateizzazione, hanno permesso anche ai garzoni di farsi l'AUDI A4...) cosa può spingere un cliente a buttare maree di soldi che dopo 6/7 anni sono evaporati?? Io sono convinto che saranno i tedeschi quelli che l'avranno più dura...forse BMW, essendo la più piccola delle 3 potrà leccarsi le ferite...ma le altre due...mah, in fondo se la sono cercata.
  • La verità, e che nessuno vuole ammettere, è che lo status sociale medio europeo ha vissuto fino ad ora al di sopra delle sue possibilità. E per di più in modo disorganizzato e disomogeneo tra stato e stato viaggiando sempre sul filo del rasoio. Ovvio che è bastata una ventata più forte del normale, la pandemia, per far cadere il castello di carte e gli altarini annessi. Lo stesso Akio Toyoda ha ammesso che l'immobilità creata della pandemia a messo in luce spese, costi e perdite inutili di tempo risolvibili con una "semplice" ristrutturazione. La crisi, quella vera, deve ancora arrivare e mieterà un sacco di "vittime".
  • @VIN: Eddai, VIN...sei un ragazzo intelligente: non vorrai mica dirmi che senza Ghosn in pochi mesi son passati dagli utili e dall'imperialismo francese al ministro delle finanze che dubita del futuro del marchio...sii serio!! Non mi sembra che alla Regie abbiano fatto come in FCA: gamma EV per primi ed articolata (compreso l'avanguardista Twizy) e gamma a benza/gasolio sempre rinnovata. Mai rimasti indietro nemmeno al capitolo tablet sul cruscotto (...per me questa è la digitalizzazione dell'auto) che per loro era diventato un imperativo categorico. Insomma, avevano tutte le carte giuste eppure...sono sull'orlo del fallimento. Io mi guardo in giro: se la casa leader mondiale VW, dall'alto della sua superiorità tecnologica, imprenditoriale e di brand...sta tessendo sempre più trame con un relitto quale Ford...beh io giungo solo ad una conclusione: quella che sostengo da tempo. La moda suv, corroborata da un buon trend economico ha creato una falsa richiesta di ricambio che un po' alla volta sta scemando. E siamo arrivati al punto che tutti hanno problemi di destrutturazione. Troppo di tutto...e pure tutto uguale. Questo grazie ai tedeschi che si sono messi in testa di conquistare il mondo con i loro bussolotti a 4 ruote e a tutti quelli che gli sono andati dietro. Non sei forse tu quello che ha detto: "bisogna abituarsi in futuro ad un modo diverso di considerare l'automobile rispetto agli ultimi quarant'anni" (cit.) Beh...se alla gente adesso dell'auto che ha sotto il sedere frega meno, mentre una volta era lo status symbol per antonomasia...tu nell'automotive ci investi a capofitto?? Un po' alla volta, viene fuori che saranno cinici, spietati, tutto il peggio che vuoi, ma i torinesi, dal punto di vista imprenditoriale hanno visto lungo. E per alcuni è ancora dura da ammettere.
     Leggi risposte
  • Come era prevedibile, nonostante gli aiuti promessi dal governo francese ai costruttori auto transalpini, quando i conti non tornano non ci pensano un'istante a licenziare. Che tristezza
     Leggi risposte
  • Mi pare questo sia il terzo o il quarto articolo di Murgida dove si sottolinea la necessità di discontinuità col periodo della Gestione Ghosn per recuperare la redditività perduta lasciando così sottintendere che sia stata la sua gestione a causare lo sfascio delle finanze. Ebbene, finchè c'è stato Ghosn al timone, l'alleanza ha macinato record produttivi espandendosi in tutti i mercati ma anche utili finanziari, il primo anno in perdita è stato il 2019, guarda caso proprio quando Ghosn è stato defenestrato dalla politica giapponese, è in quel momento che Nissan e Mitsu hanno ricominciato la caduta, proprio come avveniva per loro prima che il manager brasiliano ci mettesse le mani sopra. Ora ovviamente il periodo attuale è duro per tutti causa emergenza sanitaria a livello planetario, e anche Renault deve fare i conti coi mercati fermi e il surplus produttivo, ma confondere il "prima col dopo" è un errore fatto o per superficialità o per malafede. ..... mi augurerei sia per la prima motivazione perchè la seconda sarebbe ben più grave.....
  • Ma come tagli al personale??? Producano elettriche che tutti vogliono, desiderano e che vanno via come il pane.
  • Bisogna innovare, avere fame, spendere e spandere, investire sul prodotto...insomma, regaliamole 'ste auto ai clienti, eddai!!
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22874/GINEVRA 2020 MORPHOZ BLU NEW.jpg Renault Morphoz, la concept che cambia forma - Ginevra 2020 http://tv.quattroruote.it/eventi/ginevra-2020/video/renault-morphoz-la-concept-che-cambia-forma-ginevra-2020 Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22866/PREVIEW MEGANE ETECH NEW.jpg Renault Mégane: con il facelift arriva il plug-in http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/renault-megane-con-il-facelift-arriva-il-plug-in Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22845/PREVIEW TWINGO ZE NEW1.jpg Renault presenta la prima Twingo elettrica, la Z.E. http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/edit-preview-twingo-sciarra-mov Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22728/PROVA RENAULT CAPTUR NEW.jpg Renault Captur 2020: ecco la prova completa http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/renault-captur-2020-ecco-la-prova-completa Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22714/captur.jpg Renault Captur: abbiamo guidato la 2020 http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/renault-captur-abbiamo-guidato-la-2020 Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22525/ren-zoe-web-16-noni.jpg Renault Zoe: i km VERI che può fare http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/renault-zoe-restyling-tante-novit-per-sfidare-e-208-e-corsa-e Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22235/capture.jpg Renault Captur: ora è più spaziosa e più ricca l’apprezzatissima SUV francese http://tv.quattroruote.it/eventi/francoforte-2019/video/renault-captur-ora-pi-spaziosa-e-pi-ricca-l-apprezzatissima-suv-francese Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22092/Thumb_Clio.jpg Quanto è nuova la nuova Renault Clio 2019? La prova STRUMENTALE http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/quanto-nuova-la-nuova-renault-clio-2019-la-prova-strumentale Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/21368/20190305_083920.jpg Renault Clio: la quinta generazione è al Salone di Ginevra http://tv.quattroruote.it/eventi/ginevra-2019/video/renault-clio-la-quinta-generazione-e-al-salone-di-ginevra Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/21154/poster_e0d834c2-4778-44a0-b4f0-8e63bcb403db.jpg Renault Ez-Ultimo: la concept di lusso che ti entra in salotto http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/renault-ez-ultimo-la-concept-di-lusso-che-ti-entra-in-salotto Prove

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca